Homo bodoensis: una nuova specie di antenato umano

Un team internazionale di ricercatori, guidato dalla paleoantropologa dell'Università di Winnipeg, la dott.ssa Mirjana Roksandic, ha annunciato il nome di una nuova specie di antenato umano, l'Homo bodoensis

0
795

Un team internazionale di ricercatori, guidato dalla paleoantropologa dell’Università di Winnipeg, la dott.ssa Mirjana Roksandic, ha annunciato il nome di una nuova specie di antenato umano, l’Homo bodoensis. Questa specie visse in Africa durante il Pleistocene medio, circa mezzo milione di anni fa, e fu l’antenato diretto dell’uomo moderno.

Il Pleistocene medio (ora ribattezzato Chibanian e datato a 774.000–129.000 anni fa) è importante perché ha visto l’ascesa della nostra specie (Homo sapiens) in Africa, dei nostri parenti più stretti e dei Neanderthal (Homo neanderthalensis) in Europa.

Homo bodoensis: un diretto antenato umano

Tuttavia, l’evoluzione umana durante questa epoca è poco conosciuta, un problema che i paleoantropologi chiamano “la confusione nel mezzo“. L’annuncio dell’Homo bodoensis spera di portare un po’ di chiarezza a questo sconcertante, ma importante capitolo dell’evoluzione umana.

Il nuovo nome si basa su una rivalutazione dei fossili esistenti dall’Africa e dall’Eurasia di questo periodo. Tradizionalmente, questi fossili sono stati assegnati in modo variabile a Homo heidelbergensis o Homo rhodesiensis, entrambi i quali portavano definizioni multiple, spesso contraddittorie.

“Parlare dell’evoluzione umana durante questo periodo di tempo è diventato impossibile a causa della mancanza di una terminologia adeguata che riconosca la variazione geografica umana”, secondo Roksandic, autore principale dello studio.



Recentemente, le prove del DNA hanno dimostrato che alcuni fossili in Europa chiamati H. heidelbergensis erano in realtà dei primi Neanderthal, rendendo il nome ridondante. Per lo stesso motivo, secondo il coautore Xiu-Jie Wu (Istituto di Paleontologia dei Vertebrati e Paleoantropologia, Pechino, Cina), il nome deve essere abbandonato quando si descrivono gli esseri umani fossili dell’Asia orientale.

Per confondere ulteriormente la narrazione, i fossili africani datati a questo periodo sono stati chiamati a volte sia H. heidelbergensis che H. rhodesiensis. H. rhodesiensis è poco definito e il nome non è mai stato ampiamente accettato. Ciò è in parte dovuto alla sua associazione con Cecil Rhodes e agli orrendi crimini commessi durante il dominio coloniale in Africa, un onore inaccettabile alla luce dell’importante lavoro svolto verso la decolonizzazione della scienza.

Il nome “bodoensis” deriva da un teschio trovato a Bodo D’ar, in Etiopia, e si ritiene che la nuova specie sia un diretto antenato umano. Secondo la nuova classificazione, H. bodoensis descriverà la maggior parte degli esseri umani del Pleistocene medio dell’Africa e alcuni dell’Europa sudorientale, mentre molti di quest’ultimo continente sono stati riclassificati come Neanderthal.

L'Homo bodoensis, una nuova specie di antenato umano, visse in Africa durante il Pleistocene medio.
L’Homo bodoensis, una nuova specie di antenato umano, visse in Africa durante il Pleistocene medio.

Il co-primo autore Predrag Radović (Facoltà di Filosofia, Università di Belgrado, Serbia) afferma: “I termini devono essere chiari nella scienza, per facilitare la comunicazione. Non dovrebbero essere trattati come assoluti quando contraddicono i reperti fossili”.

L’introduzione di Homo bodoensis mira a “tagliare il nodo gordiano e permetterci di comunicare chiaramente su questo importante periodo dell’evoluzione umana” secondo uno dei coautori Christopher Bae (Dipartimento di Antropologia, Università delle Hawaii a Manoa ).

Roksandic è d’accordo: “Dare un nome a una nuova specie è un grosso problema, poiché la Commissione internazionale sulla nomenclatura zoologica consente i cambi di nome solo in base a regole molto rigorosamente definite. Siamo fiduciosi che questo durerà a lungo, un nuovo nome di taxon vivrà solo se altri ricercatori lo usano.”

Lo studio è stato pubblicato su Evolutionary Anthropology Issues News and Reviews.

 

 

2