Gli alieni potrebbero osservarci da più di 1000 sistemi stellari

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Monthly Avvisi della Royal Astronomical Society, gli alieni, se esistessero, potrebbero osservare il nostro pianeta da più di 1000 sistemi stellari posizionati in linea diretta con la Terra

1397

Il timore o il desiderio di essere osservati dagli alieni o meglio, da forme di vita intelligente di qualche angolo del nostro Universo, sono sempre stati radicati nel genere umano. Gli avvistamenti ufo si sprecano e casualmente, durante la pandemia da covid19, sono aumentati in maniera esponenziale.

Ma se esistessero realmente, da dove ci potrebbero osservare? Secondo un recente studio, ci sono circa 1.000 sistemi stellari da dove l’azione di monitoraggio degli alieni potrebbe concretizzarsi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sì tratta di 1.004 sistemi stellari in linea diretta con il nostro pianeta e abbastanza vicini a noi da poter rilevare non solo il pianeta Terra, ma anche tracce chimiche della vita terrestre.

La ricerca è stata pubblicata il 20 ottobre sulla rivista Monthly Avvisi della Royal Astronomical Society.

Lisa Kaltenegger, astronomo della Cornell University e autrice principale della ricerca, ha dichiarato: “Se gli osservatori fossero là fuori a cercare, sarebbero in grado di vedere i segni di una biosfera nell’atmosfera del nostro pallido punto blu”.

I pianeti, dichiarano gli scienziati più accreditati, sono comuni nello spazio. Da quando i ricercatori hanno confermato di averne trovato uno in transito davanti alla sua stella nel 1992, gli astronomi sono stati in grado di rintracciare 4.292 pianeti confermati oltre il nostro Sistema Solare, in orbita attorno a 3.185 stelle, grazie in gran parte al pianeta in cerca di Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS). Il James Webb Space Telescope (JWST), dovrebbe avere la precisione per studiare molti di quei pianeti in modo più dettagliato, forse rilevando gas come metanoossigeno nelle loro atmosfere, che sarebbero probabilmente indice di un segnale di vita.

E se anche gli alieni avessero il loro JWST? Entro 326 anni luce, ci sono 1.004 con punti di osservazione per individuare la Terra. Di questi, 508 hanno angoli di visione che darebbero loro almeno 10 ore di dati di osservazione ogni volta che la Terra passa tra quella posizione e il sole.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Solo una piccolissima frazione di esopianeti sarà allineata casualmente con la nostra linea di vista in modo che possiamo vederli transitare“, ha spiegato l’astrofisico della Lehigh University Joshua Pepper, coautore della ricerca:  “Ma tutte le migliaia di stelle che abbiamo identificato nel sistema solare potrebbero vedere la nostra Terra transitare verso il sole, richiamando la loro attenzione”.

Circa il 5% delle 1.004 stelle è probabilmente troppo giovane perché la vita intelligente si sia evoluta, anche se un pianeta con condizioni abitabili le orbitava. Ma il restante 95% appartiene a categorie di stelle in grado di sostenere la vita per miliardi di anni, il che, secondo l’esperienza maturata sul nostro Pianeta, è un arco di tempo più che sufficiente affinchéché la vita intelligente si sia potuta evolvere, sempre partendo dal presupposto che le condizioni lo permettessero.

La maggior parte delle stelle rintracciate nella ricerca si trova all’estremità più lontana dell’intervallo di 326 anni luce, perché la zona in cui è visibile il transito della Terra diventa più piccola man mano che ci si avvicina al nostro Sistema Solare. Ma la stella più vicina è a soli 28 anni luce di distanza, e ci sono molte altre stelle vicine che sono sulla buona strada per entrare nella zona in cui potrebbero individuare la Terra.

Due stelle in particolare, indicate nello studio, hanno conosciuto esopianeti. E una nana rossa a soli 12 anni luce dalla Terra con esopianeti noti, nota come la stella di Teegarden, e non ha attualmente il giusto angolo di visione per individuare la Terra, ma alla sua velocità di movimento attuale entrerà nella zona di avvistamento terrestre nel 2044.

Il passo successivo, concludono i ricercatori, è concentrare le operazioni di ricerca della vita intelligente sulle 1.004 stelle identificate durante il loro lavoro. il gruppo di scienziati Ha infatti menzionato specificamente il programma Breakthrough Listen di SETI, progettato per rilevare le comunicazioni provenienti da civiltà aliene avanzate.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---