Fecondazione in vitro: la dieta mediterranea è un ottimo coadiuvante

Un nuovo studio ha dimostrato che seguire una dieta mediterranea prima e durante aver praticato la fecondazione in vitro, aiuta nella riuscita dell' intervento

0
79
Fecondazione in vitro

Le terapie utili ad aiutare le donne infertili a concepire mediante fecondazione in vitro, in particolare quelle i cui trattamenti non hanno avuto successo in passato, sono ora un supporto comune sia prima che durante il ciclo di trattamento.

Fecondazione in vitro

Una nuova analisi delle prove di molti integratori nutrizionali e diete ritenute in grado di migliorare i risultati della fecondazione in vitro ha concluso che l’adozione di una dieta mediterranea durante il trattamento offrirebbe un unico approccio semplice con buone prove di beneficio in contrasto con quello di una dieta occidentale.

Come può la dieta mediterranea aiutare la fecondazione in vitro?

Le evidenze provenienti da studi su nove integratori alimentari comunemente usati si sono rivelate incoerenti e non sempre di buona qualità. L’analisi, del professor Roger Hart, University of Western Australia e City Fertility, Perth, Australia, è stata pubblicata oggi sulla rivista Reproductive Biomedicine Online .

Il professor Hart ha spiegato che la misura in cui gli integratori alimentari vengono utilizzati nella fecondazione in vitro è in gran parte sconosciuta. “Gli integratori alimentari di solito non vengono prescritti,” ha dichiarato, “Ma acquistati online o da banco. Sono automedicati ed è impossibile determinare dati concreti sull’utilizzo. Le nostre informazioni sono in gran parte aneddotiche, ma sono abbastanza chiare dalle informazioni online e dai forum di discussione sulla fecondazione in vitro che sono ampiamente utilizzati e di grande interesse pubblico.”



Gli integratori alimentari analizzati nello studio erano deidroepiandrosterone (DHEA), melatonina, coenzima Q10 (CoQ1O), carnitina, selenio, vitamina D, mio-inositolo, Omega-3, erbe cinesi e diverse diete (oltre a diete dimagranti).

Molti sono stati esaminati come adiuvanti per la scarsa risposta al precedente trattamento di fecondazione in vitro, di cui gli studi hanno dimostrato che DHEA e COQ10 hanno maggiori benefici rispetto alle terapie di controllo. Allo stesso modo, ci sono prove di benefici derivanti dalla melatonina, ma non è chiaro quali gruppi di pazienti potrebbero trarne beneficio e a quale dosaggio.

Le prove a favore di una dieta mediterranea tuttavia sono molto più forti e includono diversi studi clinici randomizzati ben progettati, che mostrano benefici sia nello sviluppo dell’embrione che nell’esito della gravidanza (anche con un programma di intervento di sei settimane).

Fecondazione in vitro

Il professor Hart ha spiegato che le caratteristiche comuni di queste diete favorevoli erano quelle con un elevato apporto di frutta e verdura, cereali integrali, legumi, noci, pesce e oli monoinsaturi o polinsaturi, ma con un apporto limitato di alimenti altamente trasformati.

Queste diete sono ricche di vitamine del gruppo B, antiossidanti , acidi grassi polinsaturi omega-3 e fibre, e sono povere di grassi saturi, zucchero e sodio“, ha affermato.

Gli acidi grassi Omega-3, spesso assunti come preparazioni combinate, sono gli acidi grassi alimentari più studiati nella letteratura sulla fecondazione in vitro, in gran parte, ha affermato il professor Hart, a causa dei loro benefici percepiti sulla salute generale e sulla riproduzione. Le prove suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 “potrebbero essere utili” nel migliorare i risultati clinici della fecondazione in vitro e la qualità dell’embrione.

Allo stesso modo, gli antiossidanti vengono solitamente assunti come combinazioni di integratori, ma le prove di un’importante revisione di 63 studi sugli antiossidanti nella riproduzione, li hanno descritti come di bassa qualità e non sono stati in grado di dimostrare alcun beneficio in termini di tasso di natalità.

Pertanto, partendo da questa massa di prove, il professor Hart ha suggerito che un semplice approccio nutrizionale per favorire il concepimento tramite fecondazione in vitro sarebbe l’adozione di una dieta mediterranea .

L’uso di COQ-10 e DHEA prima di iniziare la fecondazione in vitro può essere un utile complemento per le donne che in precedenza avevano una scarsa risposta alla stimolazione ovarica, mentre l’integrazione con acidi grassi liberi omega-3 può effettivamente migliorare alcuni risultati clinici ed embriologici.

Il professor Hart ha inoltre consigliato a tutte le donne che tentano di concepire di assumere un’adeguata integrazione di folato e di chiedere consiglio al proprio medico di base o specialista per assicurarsi che siano nelle migliori condizioni di salute generale per il concepimento.

La fecondazione in vitro è caratterizzata da una serie complessa di procedure che possono portare ad una gravidanza. È un trattamento per l’infertilità, una condizione in cui non è possibile rimanere incinta dopo almeno un anno di tentativi per la maggior parte delle coppie e può essere sfruttata anche per prevenire la trasmissione di problemi genetici al bambino.

Durante la fecondazione in vitro, gli ovuli maturi vengono raccolti dalle ovaie e fecondati dagli spermatozoi in laboratorio. Successivamente viene eseguita una procedura per posizionare uno o più ovuli fecondati, chiamati embrioni, nell’utero, dove si sviluppano i feti. Un ciclo completo di fecondazione in vitro dura circa 2 o 3 settimane. A volte questi passaggi sono suddivisi in parti diverse e il processo può richiedere più tempo.

Si tratta del trattamento contro l’infertilità più efficace che prevede la manipolazione di ovuli o embrioni e sperma. Insieme, questo gruppo di trattamenti è chiamato tecnologia di riproduzione assistita.

Questa tecnica può essere eseguita utilizzando gli ovuli e lo sperma della coppia. Oppure può riguardare ovuli, sperma o embrioni di un donatore noto o sconosciuto. In alcuni casi, potrebbe essere coinvolta una portatrice gestazionale, ovvero qualcuno che ha un embrione impiantato nell’utero.

Le possibilità di avere un bambino sano utilizzando la fecondazione in vitro dipendono da molti fattori, come l’età e la causa dell’infertilità. Inoltre comporta procedure che possono essere lunghe, costose e invasive. Se nell’utero vengono inseriti più embrioni, può verificarsi una gravidanza multipla.

Fecondazione in vitro

la fecondazione in vitro può essere un’opzione nelle seguenti ipotesi:

Danno o blocco delle tube di Falloppio. Gli ovociti si spostano dalle ovaie all’utero attraverso le tube di Falloppio. Se entrambi i tubi vengono danneggiati o bloccati, ciò rende difficile la fecondazione di un ovulo o il viaggio dell’embrione verso l’utero.

Disturbi dell’ovulazione. Se l’ovulazione non avviene o non avviene spesso, sono disponibili meno ovociti per essere fecondati dagli spermatozoi.

Endometriosi. Questa condizione si verifica quando il tessuto simile al rivestimento dell’utero cresce all’esterno dell’utero. L’endometriosi colpisce spesso le ovaie, l’utero e le tube di Falloppio.

Fibromi uterini. I fibromi sono tumori dell’utero. Molto spesso non sono un cancro. Sono comuni nelle persone tra i 30 e i 40 anni. I fibromi possono causare difficoltà ad attaccare l’ovulo fecondato al rivestimento dell’utero.

Precedente intervento chirurgico per prevenire la gravidanza. Un’operazione chiamata legatura delle tube comporta il taglio o il blocco delle tube di Falloppio per prevenire una gravidanza per sempre. Se si desidera concepire dopo la legatura delle tube, la fecondazione in vitro può essere d’aiuto.

Problemi con lo sperma. Un basso numero di spermatozoi o cambiamenti insoliti nel loro movimento, dimensione o forma possono rendere difficile per gli spermatozoi fecondare un ovulo. Se gli esami medici rilevano problemi con lo sperma, potrebbe essere necessaria una visita da uno specialista in infertilità per vedere se ci sono problemi curabili o altri problemi di salute.

Infertilità inspiegabile. Questo accade quando i test non riescono a trovare la ragione dell’infertilità di qualcuno.

Una malattia genetica. Se si corre il rischio di trasmettere una malattia genetica, il team sanitario potrebbe consigliare una procedura che prevede la fecondazione in vitro . Si chiama test genetico preimpianto. Dopo che gli ovuli sono stati raccolti e fecondati, vengono controllati per verificare la presenza di alcuni problemi genetici. Tuttavia, non tutti questi disturbi possono essere riscontrati. Gli embrioni che non sembrano contenere un problema genetico possono essere inseriti nell’utero.

Desiderio di preservare la fertilità a causa del cancro o di altre condizioni di salute. I trattamenti contro il cancro come le radiazioni o la chemioterapia possono danneggiare la fertilità.

Fecondazione in vitro

Quando si sta per iniziare un trattamento contro il cancro, la fecondazione in vitro potrebbe essere un modo per avere ancora un bambino in futuro. Gli ovociti possono essere raccolti dalle ovaie e congelati per un uso successivo. Oppure gli ovuli possono essere fecondati e congelati come embrioni per un uso futuro.

2