La dieta chetogenica per prevenire l’insufficienza cardiaca

I ricercatori della Saint Louis University School of Medicine di St. Louis, hanno scoperto, tramite un esperimento alimentare condotto sui topi, che una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati, può invertire l'insufficienza cardiaca

0
19929

Gli scienziati della Saint Louis University School of Medicine, di St. Louis, hanno scoperto che si può invertire il danno al muscolo cardiaco. Infatti alimentando i murini, una tipologia di ratti, hanno visto che con una “Dieta Chetogenica” speciale di tre settimane, unita ad un digiuno di 24 ore, si possono avere effetti positivi sul cuore, e quindi prevenire l’insufficienza cardiaca.

Lo studio, i cui risultati appaiono sulla rivista “Nature Metabolism“, ha dimostrato che la dieta chetogenica ha invertito l’insufficienza cardiaca promuovendo la scomposizione degli acidi grassi nei mitocondri piuttosto che nei chetoni. Fornire ai mitocondri chetoni extra ha migliorato l’insufficienza cardiaca.

Ma che cos’è l’insufficienza cardiaca?

L’insufficienza cardiaca è la condizione nella quale il cuore non riesce a pompare una quantità di sangue sufficiente a tutti gli organi e le parti del nostro corpo. Nelle persone con tale patologia, il muscolo sul lato destro o sinistro del cuore, o su entrambi i lati, si indebolisce. Questa compromissione limita la capacità dell’organo di pompare il sangue, provocando affaticamento e mancanza di respiro. Le cause principali sono l’ipertensione, il diabete e la cardiopatia ischemica, in cui il muscolo cardiaco diventa affamato di ossigeno.

Il National Heart, Lung e Blood Institute stimano che circa 5,7 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di insufficienza cardiaca. Al momento non esiste una cura, ma i farmaci e i cambiamenti nello stile di vita possono migliorare la qualità della vita delle persone e aumentare la loro durata.

Il muscolo cardiaco sano può attingere a una varietà di fonti energetiche chimiche, a seconda delle circostanze. Uno di questi è una molecola chiamata piruvato, che il corpo genera durante la scomposizione dello zucchero glucosio. Tuttavia, condizioni come l’insufficienza cardiaca e il diabete riducono questa flessibilità, privando il muscolo del carburante di cui ha bisogno per funzionare efficacemente.



L’importanza della proteina trasportatrice MPC

I ricercatori hanno ora ricondotto questa perdita di flessibilità a una proteina trasportatrice che trasporta il piruvato nei mitocondri, le cosiddette centrali elettriche delle cellule. Conosciuto come complesso portante del piruvato mitocondriale (MPC), comprende due subunità: MPC1 e MPC2.

I ricercatori della Saint Louis University School of Medicine di St. Louis, hanno guidato un team che ha scoperto che la produzione di entrambe le subunità è ridotta nei cuori umani deboli. Sono stati così confrontati campioni di tessuto cardiaco di persone sottoposte a chirurgia cardiaca con campioni di tessuto di cuori di donatori che erano sani ma inadatti al trapianto.

Esperimento sui topi con una dieta chetogenica 

Gli studiosi hanno quindi dimostrato che i topi privi del gene per la produzione di MPC2 sviluppano costantemente insufficienza cardiaca nel tempo. I loro cuori sono diventati fuori misura, o ipertrofizzati, e la capacità degli organi di pompare il sangue è diminuita. Fondamentalmente, gli scienziati hanno scoperto che potevano invertire il danno al muscolo cardiaco degli animali semplicemente alimentandoli con una dieta speciale chetogenica per 3 settimane.

È interessante notare che questo scompenso cardiaco può essere prevenuto o addirittura invertito fornendo una dieta chetogenica, ricca di grassi e povera di carboidrati“, ha spiegato Kyle S. McCommis, professore di biochimica e biologia molecolare all’università, che ha guidato la ricerca. Inoltre un digiuno di 24 ore nei topi, che è anche ”chetogeno”, ha anche fornito un miglioramento significativo nel rimodellamento del cuore.

Che cos’è la “Dieta Chetogenica“?

La dieta chetogenica è diventata sempre più popolare negli ultimi anni, con ricerche che suggeriscono che ha una serie di possibili benefici per la salute. Questi includono sostenere la perdita di peso, migliorare la salute del cuore e prevenire le convulsioni in alcuni tipi di epilessia.

E’ una strategia nutrizionale basata sulla riduzione dei carboidrati alimentari, che “obbliga” l’organismo a produrre autonomamente il glucosio necessario alla sopravvivenza, e ad aumentare il consumo energetico dei grassi contenuti nel tessuto adiposo. Lo scopo principale dunque è costringere l’organismo a utilizzare i grassi come fonte di energia.

In presenza di carboidrati, infatti, tutte le cellule ne utilizzano l’energia per svolgere le loro attività, ma se questi vengono ridotti a un livello sufficientemente basso, esse cominciano a utilizzare i grassi, tutte tranne le cellule nervose che non hanno la capacità di farlo. Si avvia quindi un processo chiamato chetosi, perché porta alla formazione di molecole chiamate corpi chetonici, questa volta utilizzabili dal cervello. Il digiuno intermittente può ottenere effetti simili.

La nuova ricerca indica che una dieta chetogenica promuove la scomposizione degli acidi grassi nelle cellule del muscolo cardiaco. Questo processo produce un combustibile alternativo chiamato acetil-CoA, che i mitocondri possono utilizzare come fonte di energia al posto del piruvato. Dunque secondo McCommis. “Questi studi suggeriscono che il consumo di diete a più alto contenuto di grassi e basso contenuto di carboidrati può essere un intervento terapeutico nutrizionale per il trattamento dell’insufficienza cardiaca“.

Gli scienziati hanno dimostrato che la dieta ha invertito l’insufficienza cardiaca promuovendo la scomposizione degli acidi grassi nei mitocondri piuttosto che nei chetoni. Fornire ai mitocondri chetoni extra ha migliorato solo leggermente l’insufficienza cardiaca.

Prove convergenti

I risultati di questo studio appaiono sulla rivista “Nature Metabolism“. Due studi di altri gruppi di ricerca, che sono presenti nello stesso numero, mostrano indipendentemente che la proteina trasportatrice MPC gioca un ruolo centrale nell’insufficienza cardiaca.

Christian Schulze e Jasmine M. F. Wu, entrambi cardiologi dell’Ospedale Universitario di Jena in Germania, hanno scritto un articolo di commento per la rivista sui tre documenti. Mentre molte domande rimangono senza risposta sulla regolazione dei livelli di MPC in cuori sani e in difficoltà, hanno affermato: “I risultati attuali suggeriscono un ruolo per diete chetogeniche specifiche come trattamento di supporto e non farmacologico nelle persone con insufficienza cardiaca“.

I cardiologi ipotizzano che i risultati potrebbero anche ispirare lo sviluppo di nuovi farmaci per l’insufficienza cardiaca che agiscono aumentando la scomposizione degli acidi grassi nelle cellule del muscolo cardiaco.

Fonte: https://www.medicalnewstoday.com/articles/can-a-ketogenic-diet-prevent-heart-failure

2