Farmaci contro il nuovo coronavirus: le ultime informazioni su trattamenti farmaceutici e vaccini allo studio

Di solito ci vogliono circa 10-15 anni per sviluppare un vaccino. La buona notizia: i progressi della tecnologia, come la capacità di sequenziare rapidamente i genomi dei virus e di creare vaccini dall'RNA messaggero, stanno accelerando il processo di sviluppo.

1151
Indice

La pandemia di COVID-19 provocata dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2 rappresenta una sfida unica per gli operatori sanitari. Non ci sono trattamenti approvati per questa malattia, né esistono vaccini approvati.
Ciò ha messo le grandi compagnie farmaceutiche, le università e le startup biotecnologiche in primo piano. Sin dall’epidemia avvenuta nel 2003 della SARS, un’altra varietà di coronavirus mortale, si sono cercati modi per gestire le malattie che possono essere prodotte da questa famiglia di virus. Quando un coronavirus è in grado di infettare l’uomo, in genere attacca il sistema respiratorio, il che può renderlo particolarmente grave o addrittura mortale.
Di solito ci vogliono circa 10-15 anni per sviluppare un vaccino. La buona notizia: i progressi della tecnologia, come la capacità di sequenziare rapidamente i genomi dei virus e di creare vaccini dall’RNA messaggero, stanno accelerando il processo di sviluppo. Lo sviluppo di nuovi trattamenti farmacologici può anche richiedere del tempo, circa un decennio dalla scoperta al lancio sul mercato. Ma qui la tecnologia offre un altro vantaggio: nuovi tipi di farmaci antivirali e trattamenti di immunoterapia, possono trattare una vasta gamma di malattie. Ciò significa che i farmaci già in fase di sviluppo o che già trattano malattie di origine virale nei pazienti potrebbero essere utili per combattere la COVID-19, abbreviando il tempo necessario per rendere una medicina efficace.
In questo articolo, tracceremo lo sviluppo di nuovi trattamenti e vaccini per la COVID-19, dalla ricerca ai test fino al rilascio commerciale.
Gilead Sciences
Negli ultimi anni, Gilead, con sede a Foster City, in California, ha sviluppato il Remdesivir, un antivirale che ha mostrato risultati promettenti in studi di laboratorio e su animali contro SARS, MERS, Ebola e altre malattie infettive, tra cui COVID-19. La società ha avviato studi clinici negli Stati Uniti e in Cina per vedere se il farmaco può essere efficace contro il nuovo coronavirus e sta anche lavorando con i governi per fornire il farmaco come trattamento di emergenza in assenza di altre opzioni.

Nota: una valutazione dell’Organizzazione mondiale della sanità di febbraio ha descritto il remdesivir come il “candidato più promettente” contro COVID-19.


AbbVie produce la co-formulazione lopinavir / ritonavir, che viene utilizzata per il trattamento dell’HIV. Attualmente sta collaborando con le autorità sanitarie per capire se può essere usato come trattamento contro la COVID-19, sulla base di rapporti non confermati in Cina che il suo uso è stato utile per combatterlo. Ha fornito il farmaco a diversi paesi, tra cui la Cina, come opzione sperimentale.
Stato: in corso studi in collaborazione con le autorità sanitarie come il CDC, l’OMS e il National Institutes of Health per testarlo.
Moderna
La startup biotecnologica di Cambridge, MA, Moderna ha sviluppato un potenziale vaccino contro l’mRNA e quindi contro la COVID-19. Il vaccino è stato sviluppato in collaborazione con scienziati dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive. Il vaccino agisce inducendo il sistema immunitario a sviluppare anticorpi contro una “proteina di picco” trovata sul virus. Un lotto di vaccino è stato prodotto e consegnato al NIAID per un primo ciclo di test.
Stato: test di fase 1.
Nota: il vaccino è stato sviluppato, prodotto e inviato per essere testato appena 42 giorni dopo la prima pubblicazione della sequenza di DNA del coronavirus.
Johnson & Johnson
Il colosso farmaceutico Johnson & Johnson ha collaborato con la Biomedical Advanced Research and Development Authority, un’agenzia federale che aiuta a sviluppare contromisure per le minacce biologiche, a sviluppare potenziali vaccini e trattamenti per la COVID-19. La società sta lavorando per identificare, nei suoi articoli, molecole che potrebbero essere efficaci contro la malattia. Sta anche sfruttando le tecnologie che sono state utilizzate per sviluppare con successo un vaccino contro l’ebola per trovare candidati promettenti.
Stato: ricerca e sviluppo.
Nota: oltre a esaminare nuove terapie, Johnson & Johnson ha inviato lotti del suo farnaco contro l’HIV darunavir / cobicistat in Cina per testare la sua efficacia contro la COVID-19.
Eli Lilly
La società farmaceutica indiana Eli Lilly ha annunciato che sta collaborando con la società biotecnologica AbCellera di Vancouver per co-sviluppare trattamenti a base di anticorpi contro COVID-19. Le aziende hanno già scoperto “centinaia” di anticorpi che potrebbero essere efficaci contro la malattia, il passo successivo sarà quello di selezionare il candidato terapeutico più efficace.
Stato: screening dei candidati anticorpali per passare alla fase di test.
Nota: “In 11 giorni, abbiamo scoperto centinaia di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 responsabili dell’attuale epidemia”, ha dichiarato il CEO di AbCellera Carl Hansen in una nota.
Pfizer
All’inizio di questo mese, Pfizer ha annunciato di aver scoperto diverse promettenti molecole antivirali che impediscono al virus SARS-CoV-2 di riprodursi nelle cellule in vitro. I candidati sono attualmente sottoposti a screening per identificare i migliori da passare alla pipeline di sviluppo. Il Chief Science Officer della società, Mikael Dolsten, ha osservato che la società potrebbe anche prendere in considerazione l’idea di esplorare la combinazione di queste molecole con i trattamenti antivirali sviluppati da altre aziende.
Stato: sviluppo iniziale.
Nota: la società ha annunciato che parte del suo piano di lotta contro COVID-19 è di condividere le sue competenze con altre società biotecnologiche e si è impegnata a utilizzare la sua capacità produttiva in eccesso per aumentare qualsiasi terapia o vaccino approvati.
GlaxoSmithKline
GSK ha precedentemente sviluppato una piattaforma adiuvante per vaccini pandemici, un sistema che aiuta a migliorare i vaccini rafforzando la risposta immunitaria nei pazienti che lo ricevono. A febbraio, la società ha annunciato che stava collaborando con la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations per utilizzare quella piattaforma per migliorare i potenziali vaccini per il nuovo coronavirus. Nell’ambito di tale collaborazione, ha firmato un accordo con l’Università del Queensland, in Australia, che sta sviluppando un potenziale vaccino. GSK ha anche collaborato con la società farmaceutica cinese Clover per utilizzare la sua piattaforma adiuvante con il candidato al vaccino COVID-19 di tale società.
Stato: i vaccini sono ancora nei primi test.
Vir Biotechnology
Vir Biotechnology, con sede a San Francisco, ha annunciato il 12 marzo che collaborerà con BioGen per produrre anticorpi che potrebbero avere il potenziale per trattare COVID-19. La società ha identificato gli anticorpi delle persone che si sono riprese dalla SARS e sta studiando per vedere se potrebbero essere attivi anche contro il nuovo coronavirus, poiché i due virus sono molto simili. Vir sta anche collaborando con le agenzie federali per portare avanti le sue ricerche contro altri coronavirus.
Stato: fase iniziale
Fonte: Forbes