Fargnoli (Sidemast), ‘Jak inibitori efficaci e rapidi in dermatite atopica’

Indice

(Adnkronos) – "I Jak inibitori sono stati molto recentemente introdotti nella terapia della dermatite atopica moderata severa. Sono dei farmaci molto rapidi" nell'azione e "molto efficaci sia sul prurito, che ovviamente è il sintomo cardine della dermatite atopica, ma anche sulle manifestazioni infiammatorie e, di conseguenza, sulla qualità di vita dei pazienti". Così Maria Concetta Fargnoli, vicepresidente Sidemast (Società italiana di dermatologia e malattie sessualmente trasmesse) e professoressa di Dermatologia università degli Studi dell'Aquila, commenta le ultime novità sui tre principali Jak inibitori utilizzati in terapia, presentate nel corso del Congresso europeo di dermatologia (Eadv) che si è tenuto recentemente a Berlino. "In questo momento – spiega Fargnoli – non possiamo parlare di guarigione ma, come per molte malattie infiammatorie croniche della cute, parliamo di un controllo della malattia e di una cura. Sicuramente è possibile curare il paziente fino a valori di remissione molto elevati. In alcuni abbiamo un miglioramento fino al 90%, al 100% delle manifestazioni cliniche, quindi una riduzione di segni e sintomi, soprattutto il prurito, e un miglioramento della qualità di vita. Questo garantisce sicuramente il controllo della malattia. La dermatite atopica, a differenza di altre malattie – chiarisce l'esperta – è una malattia molto instabile e quindi il controllo della patologia nel lungo termine, con una sicurezza del farmaco che il paziente sta assumendo, è prioritario". Come ricorda la specialista, "nel corso della sessione Late Breaking Abstracts sono stati presentati dati di efficacia e di tollerabilità fino a 140 settimane, quindi vuol dire oltre 2 anni e mezzo di terapia per upadacitinib sia nella popolazione adolescente sia nei pazienti adulti. Sono stati presentati anche diversi poster soprattutto per quanto riguarda il secondo di questi inibitori che è l'abrocitinib. Sono stati presentati i dati di efficacia, con il mantenimento della risposta e la tollerabilità fino a 2 anni di trattamento. E' stato inoltre dimostrato come lo switch da dupilumab ad abrocitinib possa migliorare l'efficacia in maniera dose-dipendente (sono disponibili due dosaggi di abrocitinib) ed è stato presentato un poster molto interessante sulla safety, un'analisi post hoc degli studi registrativi, che dimostra la sicurezza del farmaco di abrocitinib nel trattamento delle pazienti in terapia contraccettiva o in terapia sostitutiva" In riferimento al terzo dei Jak inibitori, "soltanto per numero non per qualità, per il baricitinib – evidenzia Fargnoli – sono stati presentati i dati fino a 52 settimane dello studio nella popolazione pediatrica dai 2 ai 18 anni – sia in termini di efficacia, prurito manifestazioni cutanee e qualità di vita del paziente, sia in termini di safety – che non dimostrano nessun ulteriore evento avverso nel corso del trattamento prolungato. In genere, inizialmente, vengono presentati dati a 16 settimane".  "Infine, sempre nella Late Breaking Session – conclude l'esperta – è stato presentato un dato molto iniziale di un investigator initiated trial in cui sono stati inclusi 10 pazienti con prurito nodulare e 10 pazienti con prurito cronico, dimostrando un'efficacia rapida di abrocitinib sulla riduzione del prurito". —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Articoli correlati

Popular Categories