13.5 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeTecnologiaContinua la guerra tra Apple Iphone e Facebook

Continua la guerra tra Apple Iphone e Facebook

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Facebook continua la sua campagna contro l’aggiornamento del sistema operativo Iphone iOS 14.5 di Apple, che vieta ai social network di raccogliere i dati personali del proprietario dello smartphone per impostazione predefinita.

Dopo aver aggiornato il sistema operativo iOS all’ultima versione 14.5, Facebook ed Instagram hanno iniziato a ricevere comunicazioni che la raccolta dei dati personali degli utenti consente alle aziende di “non addebitarne l’utilizzo”, secondo The Verge.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il primo a individuare gli strani messaggi è stato il ricercatore tecnologico Ashkan Soltani che utilizza Iphone, ed ha condiviso gli screenshot sul suo account Twitter. In essi, Facebook chiede all’utente di consentire il tracciamento della sua attività online, per permettere al social network e ad Instagram (di proprietà di Facebook, di rimanere gratuiti (free of charge).

La funzione App Tracking Transparency è stata introdotta nella nuova versione iOS di Iphone. Ora, dopo l’installazione dell’aggiornamento, tutte le applicazioni dovranno richiedere e ricevere il consenso per tenere traccia delle azioni dell’utente su Internet.

In precedenza, le app potevano farlo per impostazione predefinita, accumulando informazioni sugli interessi e le abitudini del proprietario del dispositivo per la visualizzazione di annunci pubblicitari adeguati al suo profilo.

Tali azioni da parte dei social network potevano già essere prevenute dagli utenti bloccando la raccolta di informazioni, ma tale funzione è di solito nascosta in profondità nelle impostazioni di sistema.

Uno degli accesi critici dell’innovazione di Apple è stato e rimane Facebook, che lo vede come una minaccia per il proprio business, perché raccogliere la massima quantità di dati degli utenti aiuta a impostare correttamente una pubblicità mirata, che è una delle principali fonti di guadagno per il social network.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Allo stesso tempo, la società di Zuckerberg afferma anche che Apple Iphone, con la sua nuova funzione, non cerca di prendersi cura della privacy degli utenti, ma pensa solo al suo reddito.

In un comunicato ufficiale Facebook afferma che l’azienda di Cupertino sta cercando di fare pressioni per un nuovo modello di business per le app che dipenderà più dagli abbonamenti che dalla pubblicità. Ciò consentirà alla Apple di promuovere i suoi numerosi servizi che operano in modo simile guadagnando una fee da ogni transazione avvenuta tramite il suo store.

Tuttavia, la velata richiesta di Facebook di consentire la raccolta dati non sembra meno dubbia.

Inoltre, la frase “mantieni Facebook gratuito” contraddice lo slogan di vecchia data dell’azienda, secondo il quale il social network è gratuito per tutti “e lo sarà sempre”. Vale la pena notare che nel 2019 l’azienda ha silenziosamente rimosso questo slogan dalla sua pagina, e lo stesso Zuckerberg non ha escluso l’emergere di una nuova variante a pagamento del social network, ma ha sottolineato che “la versione gratuita di Facebook sarà sempre disponibile.”

Ovviamente, in questa situazione, i due colossi stanno cercando di proteggere le loro attività l’uno dall’altro, relegando in secondo piano le preoccupazioni degli utenti.

In ogni caso, gli esperti di cybersecurity consigliano di ridurre al minimo il trasferimento di dati personali a servizi e applicazioni al fine di proteggersi sia dalla pubblicità indesiderata che da possibili abusi da parte di cyber-truffatori.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

Articoli più letti