Una intelligenza artificiale difenderà gli imputati in tribunale

Due persone dotate di auricolari Bluetooth ripeteranno a un giudice ciò che il robot dice loro

0
621
L'avvocato sarà una intelligenza artificiale
L'avvocato sarà una intelligenza artificiale

Può fare arte, scrivere saggi e persino giocare a scacchi ma ora, l’intelligenza artificiale proverà qualcosa di nuovo: offrire consulenza legale. Il mese prossimo, un’intelligenza artificiale si farà strada in aula per aiutare due imputati a combattere le multe per eccesso di velocità.

Dietro questo bot, chiamato “il primo avvocato robot con intelligenza artificiale al mondo”, c’è la startup tecnologica DoNotPay

La startup utilizza l’intelligenza artificiale per difendere i consumatori. In uno schema unico nel suo genere, l’intelligenza artificiale dirà agli imputati come rispondere al giudice in tempo reale utilizzando un auricolare con funzionalità Bluetooth, come riferisce Matthew Sparkes di New Scientist.

I servizi legali e le spese possono essere costosi, impedendo ad alcune persone di assumere un avvocato tradizionale per difendersi in tribunale, dice Joshua Browder, fondatore di DoNotPay, a David Lumb di CNET. “La maggior parte delle persone non può permettersi una rappresentanza legale”. L’abilità dell’avvocato AI “sarà una prova di concetto per i tribunali per consentire la tecnologia in aula”.

L’avvocato robot di DoNotPay riceverà l’audio del procedimento giudiziario mentre si svolge, e l’intelligenza artificiale risponderà quindi con argomentazioni legali, riferisce Ben Schreckinger di Politico. Gli imputati hanno accettato di ripetere al giudice esattamente ciò che dirà il chatbot.

L’avvocato robot utilizzerà GPT-J, un modello di linguaggio open source rilasciato da EleutherAI, un collettivo di ricercatori, ingegneri e sviluppatori volontari. La tecnologia GPT, acronimo di Generative Pre-trained Transformer, ha fatto notizia di recente con il rilascio del bot ChatGPT di OpenAI . Questi bot possono “imparare a modellare le relazioni tra le parole dopo essere stati addestrati su pagine web scartate da internet”, scrive Katyanna Quach di Register.



Secondo Browder, questo è l’ideale per le applicazioni legali. “La legge è quasi come codice e linguaggio combinati, quindi è il caso d’uso perfetto per l’IA”, dice a Bailey Schulz di USA Today . “Penso che questo sia il più grande potenziale per GPT e la tecnologia dei modelli linguistici di grandi dimensioni”. DoNotPay ha addestrato il bot a discutere usando i fatti, piuttosto che inventando cose per vincere il caso, scrive New Scientist. L’hanno anche programmato per rimanere a volte in silenzio, poiché non tutto in tribunale richiede una risposta.

Il primo caso che coinvolge l’avvocato robot è fissato per il 22 febbraio, ha rivelato Browder su Twitter la scorsa settimana. Non ha identificato l’imputato o la giurisdizione in cui si svolgerà il procedimento giudiziario a causa del timore che il giudice possa cogliere il piano e bloccare il loro uso della tecnologia AI. Quando inizialmente ha trovato i casi, Browder ha identificato due giurisdizioni in cui il suo piano “non era del tutto illegale”, dice a Politico.

Poiché alcuni tribunali consentono agli imputati di indossare apparecchi acustici, alcuni dei quali hanno capacità Bluetooth, Browder ha stabilito che la tecnologia potrebbe essere utilizzata legalmente nei casi. L’udienza del 22 febbraio si svolgerà di persona, e il caso successivo, di cui non è stata rivelata la data, avverrà tramite Zoom. DoNotPay sta anche esaminando un terzo caso di sfratto, riporta USA Today.

Fondata nel 2015, la startup ha già utilizzato la tecnologia GPT per appellarsi alle commissioni bancarie e negoziare una nuova tariffa Internet. L’azienda ha creato modelli che aiutano le persone a richiedere un rimborso da una compagnia aerea e discutere i biglietti del parcheggio. L’imminente udienza rappresenta probabilmente la prima volta che l’IA verrà utilizzata in tribunale. Tuttavia, la tecnologia è già prevalente in tutta la professione legale. Ad esempio, i grandi studi legali utilizzano regolarmente l’intelligenza artificiale per esaminare masse di documenti legali durante le prime fasi del contenzioso.

Nicholas Saady, un avvocato presso lo studio legale Pryor Cashman che fornisce consulenza sull’uso dell’intelligenza artificiale in ambito legale e commerciale, dice a Politico che il piano di Browder potrebbe entrare in conflitto con le leggi statali che richiedono agli avvocati di essere abilitati professionalmente dallo stato. Inoltre, dice alla pubblicazione che un robot non potrebbe sostituire la capacità di un avvocato umano di improvvisare o comprendere il linguaggio del corpo: “Non sembra che l’IA sia pronta per rimettersi in piedi in tribunale”.

Andrew Perlman, il decano della Suffolk University Law School, dice a CNET che l’uso della tecnologia AI nel sistema legale comporta più vantaggi che svantaggi e può facilitare noiose attività legali, come lo smistamento delle scartoffie. “Gli avvocati che cercano di fornire servizi legali senza tecnologia saranno inadeguati e insufficienti a soddisfare le esigenze legali del pubblico”, afferma Perlman a CNET.

Browder dice a Megan Cerullo di CBS News che in alcuni casi è consapevole delle carenze della tecnologia AI. Dato il potenziale rischio per gli imputati, DoNotPay intende pagarli per il loro coinvolgimento e coprire eventuali multe associate ai casi. Ma Browder spera che l’esperimento possa aiutare a rendere i servizi legali più accessibili a coloro che non possono permettersi costosi avvocati.

“Non è nello spirito della legge, ma stiamo cercando di portare avanti le cose e molte persone non possono permettersi assistenza legale”, dice Browder a CBS News. “Se questi casi avranno successo, incoraggerà più tribunali a cambiare le loro regole”.

Correlati: L’intelligenza artificiale semplifica un problema di fisica quantistica

2