12.8 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomePaleontologiaUn'incredibile traversata oceanica potrebbe aver reso possibile l'evoluzione umana

Un’incredibile traversata oceanica potrebbe aver reso possibile l’evoluzione umana

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli esseri umani si sono evoluti in Africa, insieme a scimpanzé, gorilla e scimmie. Ma i primati stessi sembrano essersi evoluti altrove, probabilmente in Asia, prima di colonizzare l’Africa. All’epoca, circa 50 milioni di anni fa, l’Africa era isolata dal resto del mondo dall’oceano, quindi come ci sono arrivati ​​i primati per poi avviare l’evoluzione umana?

Un ponte di terra è l’ovvia spiegazione, ma le prove geologiche attualmente non confermano questa ipotesi. Invece, ci rimane uno scenario molto più improbabile: i primi primati potrebbero aver fatto rafting, galleggiando per centinaia di miglia attraverso gli oceani su vegetazione e detriti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tale dispersione oceanica una volta era vista come inverosimile e molto speculativa da molti scienziati. Alcuni supportano ancora la teoria del ponte terrestre, o contestando le prove geologiche, o sostenendo che gli antenati dei primati raggiunsero l’Africa molto prima di quanto l’attuale documentazione fossile suggerisce, prima che i continenti si separassero.

Ma c’è un consenso emergente sul fatto che la dispersione oceanica sia stata molto più comune di quanto si supponeva una volta. È stato scoperto che piante, insetti, rettili, roditori e primati colonizzano i continenti insulari in questo modo, inclusa una straordinaria traversata dell’Atlantico che portò scimmie dall’Africa al Sud America 35 milioni di anni fa. Questi eventi sono incredibilmente rari ma, dati gli enormi intervalli di tempo in gioco, tali eventi bizzarri influenzano inevitabilmente l’evoluzione, comprese le nostre stesse origini.

L’evoluzione umana

Gli esseri umani sono apparsi nell’Africa meridionale tra 200.000 e 350.000 anni fa. Sappiamo di venire dall’Africa perché la nostra diversità genetica è più alta in Africa e ci sono molti fossili di esseri umani primitivi lì.

Anche i nostri parenti più stretti, scimpanzé e gorilla, sono originari dell’Africa, insieme a babbuini e scimmie. Ma i parenti viventi più stretti dei primati – lemuri volanti, toporagni e roditori – abitano tutti l’Asia o, nel caso dei roditori, si sono chiaramente evoluti lì. I fossili forniscono prove alquanto contrastanti, ma suggeriscono anche che i primati siano nati al di fuori dell’Africa.

Albero evolutivo che mostra i primati e le loro distribuzioni geografiche
I primati si sono differenziati nel corso di decine di milioni di anni. Nicholas R. Longrich / Wikimedia

Il parente primate più anziano, Purgatoriusvisse 65 milioni di anni fa, subito dopo la scomparsa dei dinosauri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I veri primati più antichi si trovano anche al di fuori dell’Africa. Teilhardina, imparentata con le scimmie, visse 55 milioni di anni fa, in tutta l’Asia, il Nord America e l’Europa. I primati sono arrivati ​​in Africa più tardi. Fossili simili ai lemuri compaiono in Africa 50 milioni di anni fa e fossili simili a scimmie circa 40 milioni di anni fa.

Ma l’Africa si è separata dal Sud America ed è diventata un’isola 100 milioni di anni fa, collegandosi all’Asia solo 20 milioni di anni fa. Se i primati colonizzarono l’Africa durante gli 80 milioni di anni che il continente trascorse isolato, allora devono avere attraversato l’acqua.

Una mappa dei continenti del mondo 50 milioni di anni fa
I continenti 50 milioni di anni fa, quando i primati colonizzarono l’Africa. Deeptimemaps , autore fornito (nessun riutilizzo)

Traversate oceaniche

L’idea della dispersione oceanica è centrale nella teoria dell’evoluzione umana e non solo. Studiando le isole Galapagos, Darwin ha visto solo alcune tartarughe, iguane, serpenti e un piccolo mammifero, il ratto del riso. Più al largo, su isole come Tahiti, c’erano solo piccole lucertole.

Darwin pensava che questi modelli fossero difficili da spiegare in termini di creazionismo – altrimenti, specie simili sarebbero state presenti ovunque – ma aveva senso che le specie avessero attraversato l’acqua finendo per colonizzare le isole, con meno specie che sopravvivevano per colonizzare isole più distanti.

Darwin aveva ragione. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli studi hanno scoperto che le tartarughe possono sopravvivere per settimane a galla senza cibo né acqua – probabilmente hanno continuato a ballonzolare fino a colpire le Galapagos. E nel 1995, si videro iguane spazzate al largo dagli uragani si sono riversate a 300 km di distanza, ancora vive, dopo aver cavalcato i detriti. Le iguane delle Galapagos probabilmente viaggiarono in questo modo.

Le probabilità sono contro tali incroci. Una fortunata combinazione di condizioni – una grande zattera di vegetazione, le giuste correnti e venti, una popolazione vitale, un approdo tempestivo – sono tutte condizioni necessarie per una colonizzazione di successo. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Molti animali spazzati al largo muoiono semplicemente di sete o di fame prima di raggiungere le isole. La maggior parte non approda mai; scompaiono in mare, cibo per i pesci. Ecco perché le isole oceaniche, soprattutto quelle lontane, hanno poche specie.

Il rafting una volta era considerato una novità evolutiva: una cosa curiosa che accade in luoghi oscuri come le Galapagos, ma irrilevante per l’evoluzione nei continenti. Ma da allora è emerso che zattere di vegetazione o isole galleggianti – gruppi di alberi spazzati via dal mare – potrebbero effettivamente spiegare credibilmente la distribuzione degli animali in tutto il mondo.

Rafting

Diversi eventi di rafting sui primati sono ben consolidati. Oggi, il Madagascar ha una fauna diversificata di lemuri. I lemuri sono arrivati ​​dall’Africa circa 20 milioni di anni fa. Poiché il Madagascar è un’isola sin dai tempi dei dinosauri, apparentemente hanno fatto rafting sul Canale del Mozambico, largo 400 chilometri. Sorprendentemente, i fossili suggeriscono che lo strano aye-aye sia passato in Madagascar separatamente dagli altri lemuri.

Ancora più straordinaria è l’esistenza delle scimmie in Sud America: urlatrici, scimmie ragno e uistitì. Sono arrivati 35 milioni di anni fa, di nuovo dall’Africa. Dovevano attraversare l’Atlantico, allora più stretto, ma comunque largo 1.500 km. Dal Sud America, le scimmie hanno fatto di nuovo rafting: in Nord America , poi due volte nei Caraibi.

Ma prima che tutto ciò potesse accadere, gli eventi di rafting avrebbero dovuto portare i primati in Africa: uno ha portato l’antenato dei lemuri, un altro ha portato l’antenato delle scimmie, delle scimmie e di noi stessi. Può sembrare poco plausibile – e non è ancora del tutto chiaro da dove provengano – ma nessun altro scenario si adatta alle prove.

Una mappa delle traversate oceaniche realizzata dai primati
Diversi eventi di rafting sui primati sono ben consolidati. R.Blakey / Wikimedia , autore fornito (nessun riutilizzo)

Il rafting spiega come i roditori colonizzarono l’Africa, poi il Sud America. Il rafting probabilmente spiega come Afrotheria, il gruppo contenente elefanti e aardvark, sia arrivato in Africa. I marsupiali, evolvendosi in Nord America, probabilmente fecero rafting in Sud America, poi in Antartide e infine in Australia. Altri attraversamenti oceanici includono topi in Australia, manguste e ippopotami in Madagascar.

Gli incroci oceanici non sono una sottotrama evolutiva; sono centrali nella storia. Spiegano l’evoluzione umana e quella di scimmie, elefanti, canguri, roditori e lemuri. E mostrano che l’evoluzione non è sempre guidata da processi ordinari e quotidiani, ma anche da eventi stranamente improbabili.

Macroevoluzione

Una delle grandi intuizioni di Darwin era l’idea che gli eventi quotidiani – piccole mutazioni, predazione, competizione – potessero cambiare lentamente specie, col tempo. Ma nel corso di milioni o miliardi di anni, si verificano anche eventi rari, a bassa probabilità e ad alto impatto.

Alcuni sono immensamente distruttivi, come gli impatti di asteroidi, le eruzioni vulcaniche e le ere glaciali o i virus che saltano sugli host. Ma altri sono creativi, come la duplicazione del genoma, il trasferimento genico tra specie multicellulari e il rafting.

Il ruolo svolto dal rafting nella nostra storia mostra quanto l’evoluzione umana e di tutte le altre specie sia riconducibile al caso. Se qualcosa fosse andato diversamente – il tempo brutto, il mare agitato, la zattera finita su un’isola deserta, predatori affamati sulla spiaggia, nessun maschio, o nessuna femmina a bordo – la colonizzazione sarebbe fallita. Niente scimmie e niente umani.

Sembra che i nostri antenati abbiano battuto probabilità tali che le lotterie sembrano una scommessa sicura. Se qualcosa fosse andato diversamente, non solo l’evoluzione umana ma di tutta la vita potrebbe apparire piuttosto diversa da come è. 

Come minimo, non saremmo qui per chiedercelo.

Articoli più letti