Un nuovo studio afferma che l’accelerazione dell’espansione dell’universo e l’energia oscura non esistono

L’espansione del nostro Universo sta accelerando? Il premio Nobel del 2011 è andato a tre scienziati per aver dimostrato proprio questo. Ma cosa succederebbe se le prove che hanno usato per giungere a questa conclusione fossero interpretate erroneamente e la presunta accelerazione cosmica fosse semplicemente un artefatto del nostro movimento attraverso una parte locale dell’Universo?

Nel quadro generale, non c’è accelerazione dell’espansione dell’universo e non c’è nemmeno la misteriosa energia oscurache si pensa sia alla base di quest’accelerazione; così dice un nuovo articolo, pubblicato sul server di prestampa arxiv, di un gruppo di fisici che contestano le prove relative alle supernove che sono state utilizzate per giungere alla conclusione che ha fruttato il Nobel.

Il premio Nobel per l’idea dell’accelerazione cosmica, se ve lo state chiedendo, è stato vinto da Saul Perlmutter, Brian Schmidt e Adam Riess per “la scoperta dell’espansione accelerata dell’Universo attraverso osservazioni di supernove lontane“. Per le loro misurazioni i tre astrofisici hanno usato esplose chiamate “supernovae” o “candele standard” dimostrando che l’espansione dell’Universo sta diventando più veloce.

Questi tipi di supernove sono così luminose che conosciamo la loro luminosità assoluta. Questo fatto consente agli scienziati di calcolare la distanza di queste esplosioni dalla Terra, mentre studiano lo spostamento verso il rosso nella luce che emettono correlandolo al tasso di espansione dell’Universo.

Nel 1998, i gruppi guidati da Perlmutter e Schmidt hanno scoperto che la luce di 50 supernova era più debole di quanto avrebbe dovuto essere, portandoli a concludere che l’espansione cosmica sta effettivamente accelerando (grazie all’energia oscura – una forza enigmatica ancora da osservare direttamente che presumibilmente occupa il 68% di tutta l’energia di massa nell’Universo mentre lo fa espandere).

L’espansione dell’universo è ormai accettata come un fatto scientifico, ma ci sono alcuni che vedono le cose in modo diverso. Facendo seguito al suo articolo del 2015 su questo argomento, il fisico dell’Università di Oxford Subir Sarkar e i suoi colleghi dell’Istituto Niels Bohr e dell’Istituto di Astrofisica di Parigi hanno ora pubblicato un secondo studio che contesta l’idea di un Universo in cui l’espansione sta accelerando.

Come spiegato in Physics World, analizzando statisticamente un campione di 740 supernovae nel loro articolo del 2015, il team di Sarkar ha trovato un supporto “solo marginale” per l’accelerazione cosmica con bassa significatività statistica. La differenza nel loro approccio era nel modo in cui guardavano le procedure utilizzate per calcolare la luminosità assoluta delle supernove e come la loro luce viene assorbita dalla polvere che si interpone tra le sorgenti di luce e la nostra osservazione.

I critici di quel documento abbondavano, prendendo problemi con la loro metodologia e indicando altri dati che mostravano un’accelerazione. Ora, nel secondo articolo, che sarà pubblicato su Astronomy and Astrophysics, gli scienziati continuano ad attaccare le prove delle supernove e l’idea di accelerazione cosmica indicando anomalie nei dati di spostamento verso il rosso e come vengono effettuati i calcoli rispetto al fondo cosmico a microonde (CMB).

Se guardi le supernove solo in una piccola parte del cielo, sembrerebbe che tu abbia avuto un’accelerazione cosmica“, dice Sarkar. “Ma stiamo dicendo che è solo un effetto locale, che siamo osservatori non copernicani. Non ha nulla a che fare con le dinamiche generali dell’universo e quindi nulla a che fare con l’energia oscura”.

Riess non è d’accordo con le conclusioni e i dati di Sarkar, definendoli obsoleti. Il suo team ha utilizzato i dati di 1.300 supernove nel loro ultimo studio e ha trovato un chiaro supporto per l’esistenza dell’accelerazione. Inoltre, ha affermato, “Le prove dell’accelerazione cosmica e dell’energia oscura sono molto più ampie del solo campione di supernove Ia“.

Subir Sarkar, ha replicato che “La CMB non misura direttamente l’energia oscura, questo è un mito ampiamente propagato“.

Puoi dare un’occhiata al suo nuovo documento su arXiv.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Il cervello dei bambini potrebbe mostrare come sesso e genere siano diversi

Sesso e genere sono spesso confusi o equiparati nelle...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Articoli correlati

Popular Categories