Esistono civiltà aliene nella Galassia? Probabilmente si

Da decenni continuiamo a porci quella domanda: dove sono tutti? Il grande fisico Enrico Fermi pose per primo questa stimolante domanda oltre mezzo secolo fa, chiedendosi il perché non abbiamo ancora visto nessuna civiltà extraterrestre in un universo così vasto e vecchio

0
813
Da decenni continuiamo a porci quella domanda: dove sono tutti? Il grande fisico Enrico Fermi pose per primo questa stimolante domanda oltre mezzo secolo fa, chiedendosi il perché non abbiamo ancora visto nessuna civiltà extraterrestre in un universo così vasto e vecchio
Da decenni continuiamo a porci quella domanda: dove sono tutti? Il grande fisico Enrico Fermi pose per primo questa stimolante domanda oltre mezzo secolo fa, chiedendosi il perché non abbiamo ancora visto nessuna civiltà extraterrestre in un universo così vasto e vecchio

Da decenni continuiamo a porci quella domanda: dove sono tutti? Il grande fisico Enrico Fermi pose per primo questa stimolante domanda oltre mezzo secolo fa, chiedendosi il perché non abbiamo ancora visto nessuna civiltà extraterrestre in un universo così vasto e vecchio.

Forse, la risposta più semplice potrebbe essere che, anche se la vita e persino le civiltà fossero abbondanti in tutta la galassia, i vasti abissi di tempo e spazio che ci separano potrebbero condannarci ad una lunga solitudine.

Ecco il succo del famoso paradosso di Fermi. Sappiamo per certo che il nostro universo può ospitare la vita e specie intelligenti capaci di sviluppare una civiltà, noi stessi ne siamo la prova e sappiamo che nell’universo praticamente non c’è niente che rappresenti un esemplare unico. Non esiste una sola stella, né una sola galassia, né un unico atomo di qualsiasi elemento nel cosmo. Se l’universo permette che qualcosa esista, quella cosa è quasi sempre ridicolmente comune, soprattutto perché c’è un intero gruppo di universi che lo permette.

Quindi, se la vita è comparsa una volta, allora significa che la vita non può essere rara. In altre parole, sostiene Fermi, non c’è niente di speciale in noi. Quindi devono esserci moltitudini di forme di vita e civiltà intelligenti in ogni galassia dell’universo.

Inoltre, dato che l’universo esiste da quasi 14 miliardi di anni, c’è stato tempo più che sufficiente per la comparsa della vita e di civiltà tecnologiche in gradi di colonizzare intere galassie. Anche se tutte queste civiltà durassero solo per un periodo di tempo relativamente breve (diciamo, un milione di anni circa), allora almeno i loro resti tecnologici e le loro rovine dovrebbero essere disseminati ovunque e, se avessero utilizzato qualche forma di radiazione elettromagnetica per comunicare, le loro trasmissioni dovrebbero essere ancora in giro.

Eppure non vediamo nessuno. Nessun segnale radio dalle profondità dello spazio. Nessun segno di tecnologia aliena in orbita attorno a qualche stella lontana. Nessuna rovina o resto di cui parlare. Per quanto suggeriscono le nostre osservazioni, siamo completamente soli.



E allora? Dove sono tutti?

Tutte le nostre supposizioni sulla vita potrebbero essere errate?

Da quando Fermi formulò per la prima volta il suo famoso paradosso, gli scienziati hanno proposto molte soluzioni. Forse la vita è davvero estremamente rara e noi non siamo che un casuale e solitario esempio di intelligenza nell’universo. Forse la vita è comune, ma esiste una sorta di filtro che spazza via le specie intelligenti con civiltà tecnologica prima che possano diffondersi nella galassia (come, ad esempio, le armi nucleari o i disastrosi cambiamenti climatici). Forse ci sono gli alieni là fuori, ma rimangono in silenzio, scivolando nell’oscura vastità dello spazio nel tentativo di rimanere nascosti.

E forse le nostre ipotesi sono sbagliate. Forse l’universo, e persino la Via Lattea, sono molto più vasti di quanto possiamo comprendere.

La stella più vicina al Sole è Proxima Centauri, una nana rossa insignificante (e invisibile a occhio nudo) situata a circa quattro anni luce e un quarto da noi. Potrebbe non sembrare molto, ma questo succede perché gli astronomi hanno sviluppato il termine gergale “anno luce” per descrivere più facilmente le distanze inimmaginabilmente enormi tra le stelle.

La nostra attuale sonda spaziale più lontana, la Voyager 1, si trova in questo momento a circa 23 miliardi di chilometri da noi e continua ad allontanarsi. Ha raggiunto lo spazio interstellare e non tornerà mai più. La Voyager 1 sta navigando alla velocità di 57.000 chimetri all’ora. È abbastanza veloce da circumnavigare la Terra in circa 45 minuti.

concetto artistico di viaggiatore
La navicella spaziale Voyager 1 trasporta una documentazione delle esperienze umane, compresi i saluti in cinquantacinque lingue, nella speranza che un giorno alcuni alieni la incontrino e sappiano che esistiamo – Immagini Getty

Se la Voyager 1 fosse puntata verso Proxima Centauri (e non è così), per raggiungere quella stella impiegherebbe ancora circa 75.000 anni. Settantacinquemila anni. L’umanità ha sviluppato la scrittura solo 5.000 anni fa, solo una piccola frazione del tempo necessario per raggiungere la stella più vicina.

Ma che dire dei segnali radio? Questi possono allontanarsi da noi alla velocità della luce, il che significa che una trasmissione trasmessa dalla Terra potrebbe raggiungere il sistema Proxima Centauri in poco più di quattro anni. Ma mentre possiamo garantire che un segnale radio possa raggiungere la nostra stella vicina in un discreto lasso di tempo, non possiamo garantire che sarà intelligibile. I segnali radio, come tutte le forme di radiazioni, si indeboliscono durante il viaggio perché il segnale si diffonde su un’area sempre più ampia.

E le trasmissioni umane non sono l’unica fonte di emissioni radio nella galassia. Le stelle che esplodono, le particelle cariche e persino le nubi di polvere interstellare emettono tutti i propri segnali radio, molto forti. Le nostre trasmissioni più potenti, le emissioni radio che possono essere ascoltate forti e chiare in tutto il mondo, quando raggiungono Proxima Centauri, sono così deboli che non possono più essere distinte dal ronzio generale di fondo che permea lo spazio.

Proxima Centauri è il nostro vicino più vicino, a poco più di quattro anni luce di distanza. L’intera galassia della Via Lattea ha un diametro di oltre 100.000 anni luce e nel suo volume ospita alcune centinaia di miliardi di stelle con i relativi pianeti.

Potrebbero esserci miliardi di civiltà là fuori

array di telescopi allen
L’Allen Telescope Array presso l’Osservatorio di Hat Creek in California utilizza le onde radio per cercare segni di vita aliena per il SETI – Immagini Getty

È difficile immaginare qualche centinaio di miliardi di cose. Immagina una civiltà aliena avanzata che sviluppa una tecnologia fantastica in grado di andare oltre le nostre attuali concezioni della fisica. Diciamo che usano quella tecnologia per colonizzare un sistema stellare dopo l’altro, saltando nel vuoto e diffondendo la loro influenza. Diciamo che hanno colonizzato un milione di sistemi stellari. Ci sono circa 10.000 città sul pianeta Terra, e per questa specie intelligente stiamo parlando di migliaia di città per mondo, su un milione di mondi.

Ora pensate a questo: un milione di sistemi stellari rappresenta meno dello 0,001% di tutte le stelle dell’intera galassia della Via Lattea.

Una civiltà aliena così avanzata da risultare incomprensibile per noi, così sofisticata e longeva da potersi diffondere in un milione di mondi, non conta nemmeno come un errore di arrotondamento nel conteggio del numero di stelle nella nostra galassia.

Le distanze nell’universo sono vasti abissi nello spazio, un numero gigantesco di stelle e, infine, immense distese di tempo. Il nostro universo esiste da quasi 14 miliardi di anni e la Via Lattea si è formata almeno 9 miliardi di anni fa. Se le civiltà tecnologiche sorgono, si diffondono e prosperano per centinaia di migliaia, persino milioni di anni, vivono solo per un batter d’occhio nel tempo cosmico. L’umanità fondò le sue prime città solo poche migliaia di anni fa; intelligenze aliene che durano per ordini di grandezza superiori ancora non sono nemmeno degne di menzione nel grande calendario cosmico del nostro universo.

Il cosmo è grande. Molto più grande, molto più grandioso e molto più antico di quanto possiamo immaginare nel nostro cervello cresciuto sulla Terra. E questa potrebbe essere la risposta semplice, ma frustrante, al paradosso di Fermi.

Potrebbero esserci dozzine, centinaia, migliaia di civiltà aliene intelligenti là fuori, che vivono su una serie di mondi con un livello tecnologico pari o superiore al nostro ma non le vedremo mai, né le sentiremo, né le incontreremo. Le distanze sono semplicemente troppo grandi. Le stelle sono semplicemente troppo numerose. La galassia è semplicemente troppo vecchia. Fermi probabilmente aveva ragione: probabilmente non siamo soli in questo universo. Ma a Fermi è sfuggito qualcosa nelle sue stime: anche l’universo è gigantesco, il che ci rende effettivamente soli.

Con questo isolamento cosmico arrivano cattive notizie e buone notizie. La cattiva notizia è che probabilmente non incontreremo mai un’altra specie intelligente, tranne forse per uno sguardo raro e fugace a una trasmissione radio vagante in un lontano futuro. La buona notizia è che ogni stella che vediamo nel cielo non è reclamata, è vuota e aspetta solo che la raggiungiamo ed esploriamo.

2