Dieta vegana: se estrema può essere pericolosa

Una dieta vegana perpetrata in maniera estrema può danneggiare l'organismo umano. Il perché lo ha spiegato una ricerca da poco pubblicata di cui parleremo nel corso del nostro articolo

147
Dieta vegana: se estrema può essere pericolosa
Dieta vegana: se estrema può essere pericolosa

Una dieta vegana perpetrata in maniera estrema può danneggiare l’organismo umano. Il perché lo ha spiegato una ricerca da poco pubblicata di cui parleremo nel corso del nostro articolo.

Le diete vegane sono diventate sempre più popolari nel corso degli anni, soprattutto tra le persone che cercano di migliorare la propria salute. In effetti, un numero crescente di prove mostra che le diete a base vegetale (compresa la dieta vegana) possono avere molti benefici per la salute e sono state collegate a un minor rischio di malattie cardiache insieme a una diminuzione del peso corporeo e dei livelli di colesterolo.

Dieta vegana sì, ma a tutto c’è un limite!

C’è da dire però che alcune persone portano la dieta vegana all’estremo, scegliendo solo di mangiare cibi vegetali crudi che possono essere consumati senza alcuna cottura. Come informa Sciencealert.com alcuni escludono anche gli alimenti che sono stati modificati dalla loro forma naturale o trasformati (come l’avena o il latte di mandorle).

I sostenitori della dieta vegana affermano che la cottura fa perdere agli ingredienti alcuni dei loro importanti nutrienti ed enzimi. Consumando cibi vegetali crudi, credono che la dieta migliorerà i livelli di energia, preverrà (e persino invertirà) le malattie e migliorerà la salute generale. Ma la ricerca suggerisce che la dieta vegana cruda, se seguita a lungo, può causare più danni che benefici. Qui di seguito spieghiamo il perché.

Cosa si perde

La ricerca suggerisce che alcuni cibi crudi possono essere più sani dei cibi cotti. Ad esempio, la cottura fa sì che i cavolini di Bruxelles e il cavolo rosso perdano fino al 22% del loro contenuto di tiamina. Questa è una forma di vitamina B1 che mantiene sano il sistema nervoso.

Sebbene alcune verdure possano perdere sostanze nutritive durante la cottura, altre hanno un contenuto nutritivo maggiore una volta cotte. Questo perché alcuni nutrienti sono legati all’interno delle pareti cellulari delle verdure. La cottura rompe le pareti cellulari, permettendo ai nutrienti di essere rilasciati e assorbiti più facilmente dall’organismo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ad esempio, quando gli spinaci sono cotti, diventa più facile per il corpo assorbire il calcio che contiene. La ricerca ha anche scoperto che mentre la cottura dei pomodori riduce il loro contenuto di vitamina C del 28%, aumenta il loro contenuto di licopene di oltre il 50%.

Il licopene è stato associato a un minor rischio di una serie di malattie croniche tra cui malattie cardiovascolari, cancro e malattie cardiache. Asparagi, funghi, carote, broccoli, cavoli e cavolfiori sono altri esempi di verdure che sono più nutrienti una volta cotte.

L’importanza delle verdure

Le verdure cotte possono anche fornire al corpo più antiossidanti. Si tratta di molecole in grado di combattere un tipo di molecola dannosa nota come radicali liberi, che può danneggiare le cellule e portare a malattie nel tempo.

Alcune verdure (tra cui asparagi, funghi, spinaci, pomodori e broccoli) contengono livelli più elevati di antiossidanti beta-carotene (che il corpo trasforma in vitamina A), luteina e licopene quando sono cotte rispetto a quando sono crude.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un sacco di vitamine perse

È probabile che le diete vegane crude manchino di molte importanti vitamine e minerali , in particolare vitamine B12 e D, selenio, zinco, ferro e due tipi di acidi grassi omega-3. Questo perché molti degli alimenti che contengono alti livelli di queste vitamine e minerali provengono da animali, come carne e uova.

Queste vitamine svolgono tutte un ruolo chiave nella struttura, nello sviluppo e nella produzione di cellule cerebrali e nervose, oltre a supportare un sistema immunitario sano. Di particolare interesse sono i livelli di vitamina B12. Uno studio su persone che seguivano diete rigorose di cibi crudi ha rilevato che il 38% dei partecipanti era carente di vitamina B12.