Deorbit dell’ISS: la NASA ha scelto SpaceX

La NASA sta promuovendo continui sviluppi scientifici, educativi e tecnologici nell’orbita terrestre bassa a beneficio dell’umanità, sostenendo allo stesso tempo l’esplorazione del Deep Space sulla Luna e su Marte. Mentre l’agenzia passa a destinazioni spaziali di proprietà commerciale, è fondamentale prepararsi per il deorbit sicuro e responsabile della Stazione Spaziale Internazionale in modo controllato dopo la fine della sua vita operativa nel 2030.

deorbit

La NASA ha scelto SpaceX per il deorbit degli Stati Uniti

La NASA ha annunciato che SpaceX è stata selezionata per sviluppare e consegnare il veicolo di deorbit degli Stati Uniti che fornirà la capacità di deorbitare la stazione spaziale e garantire la prevenzione dei rischi per le aree popolate.

La scelta di un veicolo di deorbit americano per la Stazione Spaziale Internazionale aiuterà la NASA e i suoi partner internazionali a garantire una transizione sicura e responsabile nell’orbita terrestre bassa al termine delle operazioni della stazione. Questa decisione supporta anche i piani della NASA per le future destinazioni commerciali e consente l’uso continuato dello spazio vicino alla Terra”, ha affermato Ken Bowersox, amministratore associato della direzione delle missioni delle operazioni spaziali presso la sede della NASA a Washington.

deorbit

Il laboratorio orbitale rimane un modello per la scienza, l’esplorazione e le partnership nello spazio a beneficio di tutti”.

Il deorbitamento sicuro della Stazione Spaziale Internazionale

Mentre la società svilupperà il veicolo spaziale in deorbit, la NASA ne assumerà la proprietà dopo lo sviluppo e lo gestirà durante tutta la sua missione. Insieme alla stazione spaziale, si prevede che si disgregherà in modo distruttivo come parte del processo di rientro.

Dal 1998, cinque agenzie spaziali, CSA (Canadian Space Agency), ESA (European Space Agency), JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency), NASA (National Aeronautics and Space Administration) e State Space Corporation Roscosmos, hanno gestito la Stazione Spaziale Internazionale, con ciascuna agenzia responsabile della gestione e del controllo dell’hardware che fornisce.

La stazione è stata progettata per essere interdipendente e si basa sui contributi di tutta la partnership per funzionare. Gli Stati Uniti, il Giappone, il Canada e i paesi partecipanti all’ESA si sono impegnati a gestire la stazione fino al 2030.

deorbit

La Russia si è impegnata a continuare le operazioni della stazione almeno fino al 2028. Il deorbitamento sicuro della Stazione Spaziale Internazionale è responsabilità di tutte e cinque le agenzie spaziali.

Il contratto a premio unico ha un valore potenziale totale di 843 milioni di $. Il servizio di lancio per il veicolo di deorbit statunitense sarà un appalto futuro.

Nel suo 24° anno di operazioni continue con equipaggio, la stazione spaziale è una piattaforma scientifica unica in cui i membri dell’equipaggio conducono esperimenti in molteplici discipline di ricerca, tra cui scienze della Terra e dello Spazio, biologia, fisiologia umana, scienze fisiche e dimostrazioni tecnologiche non possibili sulla Terra.

Gli equipaggi che vivono a bordo della stazione sono opera di migliaia di ricercatori a terra che hanno condotto più di 3.300 esperimenti in microgravità. La Stazione è la pietra angolare del commercio spaziale, dalle partnership commerciali con equipaggio e carico alla ricerca commerciale e alla ricerca di laboratorio nazionale, e le lezioni apprese a bordo della Stazione Spaziale Internazionale stanno aiutando a passare il testimone alle future stazioni commerciali.

Conclusioni

La stazione è stata progettata tra il 1984 e il 1993. Elementi della stazione sono stati in costruzione negli Stati Uniti, in Canada, in Giappone e in Europa a partire dalla fine degli anni ’80.

Il Programma della Stazione Spaziale Internazionale riunisce equipaggi di volo internazionali, veicoli di lancio multipli, operazioni di lancio e volo distribuite a livello globale, strutture di formazione, ingegneria e sviluppo, reti di comunicazione e la comunità di ricerca scientifica internazionale.

Il più grande risultato del programma ISS è tanto un risultato umano quanto tecnologico. La partnership globale delle agenzie spaziali esemplifica l’unione di differenze culturali e complessità politiche per pianificare, coordinare, fornire e gestire gli elementi complessi della ISS. Il programma riunisce anche equipaggi di volo internazionali e comunità di lancio, operazioni, formazione, ingegneria, reti di comunicazione e ricerca scientifica distribuite a livello globale.

deorbit

Sebbene i principali centri di controllo missione si trovino negli Stati Uniti e in Russia, anche diversi centri di controllo ausiliari in Canada, Giappone ed Europa svolgono un ruolo nella gestione degli elementi e dei membri dell’equipaggio di ciascuna nazione.

La durata di vita prevista della ISS è stata estesa più volte. Poiché diversi elementi hanno ormai superato la durata di vita originariamente prevista, vengono condotte analisi periodiche per garantire che la Stazione sia sicura per l’abitazione e il funzionamento continui. Gran parte della Stazione è modulare e quindi, man mano che parti e sistemi si usurano, vengono lanciate nuove parti per sostituire o aumentare l’originale. La ISS continuerà ad essere un laboratorio funzionante e un avamposto in orbita almeno fino al 2030.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Articoli correlati

Popular Categories