Covid oggi Italia, bollettino ultima settimana: 52.177 contagi e 291 morti

Continuano ad aumentare i contagi e i morti Covid in Italia

(Adnkronos) – Continuano ad aumentare i contagi e i morti Covid in Italia.

Secondo il bollettino settimanale diffuso dal ministero della Salute, i nuovi casi di positività al virus sono 52.177 nella settimana 23-29 novembre, in salita del 16,1% rispetto ai 7 giorni precedenti quando erano stati 44.955.

I decessi sono 291, in aumento del 23,8% rispetto alla settimana precedente quando erano 235.  In Italia il tasso di positività a Covid-19 registra un aumento nella settimana dal 23 al 29 novembre, salendo al 18,8%, con una variazione di +1,2 punti percentuali rispetto alla settimana precedente, quando era a quota 17,6%.

Negli ultimi 7 giorni monitorati sono stati effettuati 277.938 tamponi, il 9% in più rispetto alla settimana precedente quando erano 254.920. “I dati confermano sostanzialmente l’andamento previsto rispetto alla stagionalità. Rinnoviamo l’appello alle Regioni ad intensificare gli sforzi organizzativi e a predisporre Open day nei quali offrire libero accesso senza prenotazione per le vaccinazioni“, afferma il direttore generale Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Francesco Vaia, commentando l’ultimo bollettino settimanale Covid-19.

L’incidenza dei casi Covid diagnosticati e segnalati in Italia nel periodo 23-29 novembre è pari a 89 casi per 100mila abitanti, in aumento rispetto alla settimana precedente quando era a quota 76 su 100mila, secondo quanto emerge dal monitoraggio settimanale della Cabina di regia ministero della Salute-Istituto superiore di sanità.

A livello nazionale l’incidenza cresce del 17,1% rispetto alla settimana precedente. Il valore è in aumento in quasi tutte le regioni/province autonome. L’incidenza più elevata – si legge nel report – è stata riportata nel Veneto (183 casi per 100mila abitanti) e la più bassa in Sicilia (1 caso per 100mila abitanti).

La fascia d’età che registra il più alto tasso di incidenza settimanale è quella over 90, anche se l’incidenza è in aumento in tutte le fasce d’età. L’età mediana alla diagnosi è di 58 anni, stabile rispetto alle settimane precedenti. La percentuale di reinfezioni è circa il 44%. L’indice di trasmissibilità (Rt) basato sui casi con ricovero ospedaliero al 21 novembre è pari a 1,09 (range 1,05-1,13), sostanzialmente stabile rispetto al valore del 14 novembre (Rt 1,12, range 1,08-1,17), e sopra la soglia epidemica.

Cresce il numero di pazienti Covid ricoverati negli ospedali d’Italia. Al 29 novembre l’occupazione dei posti letto in area medica cresce al 9,2% (5.741 ricoverati), rispetto alla settimana precedente quando era al 7,7% (4.811 ricoverati). L’occupazione delle terapie intensive sale all’1,9% (170 ricoverati), dall’1,5% (137 ricoverati), stando a quanto emerge dal monitoraggio.

I tassi di ospedalizzazione e mortalità aumentano con l’età – si legge nel report – presentando i valori più elevati nella fascia d’età over 90. Anche il tasso di ricovero in terapia intensiva aumenta con l’età.

—cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Articoli più letti

Related articles