Cosa non può mancare in una Spa: consigli per l’arredo e non solo

La Spa è – per definizione un ambiente rilassante e accogliente, pertanto è fondamentale offrire un’esperienza indimenticabile ai propri clienti. Proprio l’atmosfera può influenzare in positivo o in negativo il benessere delle persone

0
37
Cosa non può mancare in una Spa: consigli per l’arredo e non solo
Cosa non può mancare in una Spa: consigli per l’arredo e non solo

La Spa è – per definizione un ambiente rilassante e accogliente, pertanto è fondamentale offrire un’esperienza indimenticabile ai propri clienti. Proprio l’atmosfera può influenzare in positivo o in negativo il benessere delle persone.

Al di là dei trattamenti rilassanti, dal personale cordiale e dall’arredamento, sono molti gli aspetti che concorrono al successo di una Spa, tra cui i lettini Spa Lemi, che presentano una tecnologia avanzata.

La scelta dell’atmosfera

Iniziamo dall’atmosfera, che per una Spa significa tutto: dal settore del Beauty & Wellness, la clientela di oggi richiede molto. Soprattutto, chiede di poter staccare la spina e potersi rilassare senza pensare a nulla, solo al proprio benessere.

Secondo i dati Istat, stress e ansia sono in aumento, in particolar modo negli adulti: 2,8 milioni di italiani soffrono di stress, e la percentuale aumenta in relazione all’età.

Cosa deve fare, dunque, chi gestisce una Spa e Centro Benessere? Offrire un posto dove ritagliarsi del tempo per prendersi cura di sé nel modo migliore. E l’atmosfera è proprio ciò che contrasta lo stress.

In questo caso, alcuni elementi chiave da considerare sono i colori, l’illuminazione, ma anche la scelta dei mobili, in quanto ogni aspetto contribuisce alla realizzazione di un ambiente che induce alla calma e al relax, e che lascia una sensazione di benessere alla clientela.



L’illuminazione di una Spa

Prima di tutto, possiamo dire che una corretta illuminazione può contribuire notevolmente a creare un’atmosfera rilassante e accogliente per i clienti. La luce dovrebbe essere soffusa e bisognerebbe evitare fonti luminose troppo intense, per non affaticare gli occhi.

Una delle opzioni più diffuse è indubbiamente quella delle luci regolabili, poiché consente di creare delle atmosfere diverse a seconda delle esigenze. Durante un massaggio o una seduta di meditazione, magari, la luce soffusa favorisce indiscutibilmente la calma e la tranquillità.

Un ulteriore aspetto da sottolineare è che l’illuminazione dovrebbe essere sempre integrata in modo armonioso con gli altri elementi dell’arredamento. Cosa dà quel tocco in più a qualsiasi Spa? L’uso di luci decorative o di candele profumate.

La scelta dei mobili

Come è ovvio, anche la scelta dei mobili è determinante: non bisogna, però, considerare solo l’aspetto estetico, ma anche funzionalità e comfort, resistenza all’usura. In linea di massima, i mobili scelti devono riflettere lo stile e l’atmosfera generale dello spa.

Gli elementi fondanti, in ogni caso, mettono sempre il benessere al di sopra di tutto. Durante la progettazione, bisogna bilanciare il tutto per raggiungere un equilibrio armonico, tra zona relax e zona fitness.

La gestione dello spazio

Per una Spa piccola, sarebbe un errore puntare solo ed esclusivamente sull’arredo e sui decori. Anzi. Proprio la disposizione dello spazio è cruciale per realizzare un ambiente dove tutti possano sentirsi a proprio agio.

È importante pianificare attentamente la disposizione dello spazio per massimizzare l’uso, certo, ma garantendo al contempo un risultato armonioso. Tutte le aree andrebbero progettate, in ogni caso, in modo efficiente e funzionale.

Un piccolo consiglio che vale sempre per chi sta per arredare un ambiente: la scelta dei colori e delle texture può influenzare la percezione dello spazio. Facciamo un esempio concreto con i colori chiari e neutri, che trasmettono una sensazione di luminosità.

I materiali diffusi in una Spa

I materiali di una Spa comunicano molto alle persone. Dal momento in cui questi luoghi sono veri e propri templi del benessere per ricaricare le energie, è fondamentale scegliere dei materiali che trasmettano una sensazione di pace, di calma, di calore.

Tra i migliori da valutare troviamo indubbiamente la pietra naturale, oppure il legno. Sì, i materiali naturali sono accoglienti, soprattutto se abbinati a giochi d’acqua strategici, che inducono il corpo al relax.

Cosa non può mancare in una Spa e Centro Benessere?

I servizi di una Spa e Centro Benessere possono essere certamente personalizzati e sono anche strettamente connessi all’idea che ciascuno di noi ha del benessere. Tuttavia, la clientela si aspetta (quasi) sempre la presenza di alcuni elementi.

  • Vasche idromassaggio: sono sempre comode e danno la possibilità di poter davvero staccare la spina. I led cromoterapia sono utilissimi, senza considerare eventuali plus, come i dispositivi per il massaggio alla cervicale;

  • Doccia emozionale: stiamo parlando di un vero e proprio percorso sensoriale che permette di purificare il proprio corpo dopo un trattamento, tra luci soffuse e oli essenziali. Un must imperdibile;

  • Lettini rilassanti e per massaggi: sono innumerevoli le persone che prenotano trattamenti in Spa con l’obiettivo di favorire il relax e scaricare un po’ di tensione. Naturalmente, i lettini rilassanti, progettati con la tecnologia di ultima generazione, sono imperdibili;

  • Sauna finlandese: un modo concreto per rilassarsi e rigenerarsi al contempo, per purificare l’organismo, per eliminare le tossine e i liquidi in eccesso. Un trattamento detox amatissimo dalle donne e dagli uomini di oggi.

Con i giusti accorgimenti, è possibile creare una Spa di successo, dove le persone possono finalmente dimenticare il rumore del mondo, per immergersi in uno spazio di pace.

2