Trovato un coronavirus in un pipistrello ferro di cavallo

Indice

Un nuovo tipo di coronavirus correlato al virus che ha causato il Covid-19 negli esseri umani, è stato trovato in un pipistrello ferro di cavallo (rhinolophus) del Regno Unito, secondo una nuova ricerca collaborativa dell’Università dell’East Anglia, ZSL (Zoological Society of London) e Public Health England (PHE).

Tuttavia, non ci sono prove che questo nuovo virus sia stato trasmesso all’uomo, o che possa farlo in futuro, a meno che non muti.

I ricercatori dell’UEA hanno raccolto campioni fecali da più di 50 pipistrelli ferro di cavallo minori nel Somerset, nel Gloucestershire e nel Galles e li hanno inviati per l’analisi virale al Public Health England.

Il sequenziamento del genoma ha trovato un nuovo coronavirus in uno dei campioni di pipistrelli, che il team ha chiamato “RhGB01”.

È la prima volta che un sarbecovirus (coronavirus correlato alla SARS) è stato trovato in un pipistrello ferro di cavallo minore e il primo ad essere scoperto nel Regno Unito.

Il team di ricerca afferma che questi pipistrelli avranno quasi sicuramente ospitato il virus per molto tempo. Ed è stato trovato ora, perché questa è la prima volta in cui vengono testati.

È importante sottolineare che è improbabile che questo nuovo virus rappresenti un rischio diretto per l’uomo, a meno che non muti.

Una mutazione potrebbe verificarsi se un essere umano infetto da Covid-19 trasmettesse il virus a un pipistrello infetto, quindi chiunque entri in contatto con i pipistrelli o i loro escrementi, ad esempio coloro che sono impegnati in speleologia o nella protezione dei pipistrelli, dovrebbe indossare DPI appropriati.

La prof.ssa Diana Bell, esperta di malattie zoonotiche emergenti della School of Biological Sciences dell’UEA, ha dichiarato: “I pipistrelli ferro di cavallo si trovano in Europa, Africa, Asia e Australia e i pipistrelli che abbiamo testato si trovano all’estremità occidentale del loro areale”.

Virus simili sono stati trovati in altre specie di pipistrelli ferro di cavallo in Cina, sud-est asiatico ed Europa orientale.

“La nostra ricerca estende la gamma sia geografica che di specie di questi tipi di virus e suggerisce la loro presenza più diffusa in oltre 90 specie di pipistrelli ferro di cavallo. Quasi certamente questi pipistrelli avranno ospitato questo virus per molto tempo, probabilmente molte migliaia di anni. Non lo sapevamo prima perché questa è la prima volta che tali test sono stati effettuati sui pipistrelli del Regno Unito. Sappiamo già che ci sono diversi coronavirus anche in molte altre specie di mammiferi”, ha aggiunto. 

La ricerca sulle origini del SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19 negli esseri umani, si è concentrata sui pipistrelli ferro di cavallo, ma ci sono circa 1.400 altre specie di pipistrelli e comprendono il 20% dei mammiferi conosciuti.

“I nostri risultati evidenziano la necessità di test genotipici affidabili per questi tipi di virus nelle popolazioni di pipistrelli in tutto il mondo”. E solleva una domanda importante su quali altri animali siano portatori di questi tipi di virus.

Il professor Andrew Cunningham, della Zoological Society di Londra, ha dichiarato: “I nostri risultati evidenziano che la distribuzione naturale dei sarbecovirus e le opportunità di ricombinazione attraverso la coinfezione dell’ospite intermedio sono state sottovalutate. Questo virus del Regno Unito non è una minaccia per l’uomo perché il dominio di legame del recettore (RBD), la parte del virus che si attacca alle cellule ospiti per infettarle, non è compatibile con la capacità di infettare le cellule umane”.

Ma il problema è che qualsiasi pipistrello che ospita un coronavirus simile alla SARS può fungere da crogiolo per la mutazione del virus.

Quindi, se un pipistrello con l’infezione da RhGB01 come quello che è stato trovato dovesse essere infettato da SARS-CoV-2, c’è il rischio che questi virus si possano ibridare generando un nuovo virus con l’RBD di SARS-CoV-2, e quindi in grado di infettare le persone.

Prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2 dall’uomo ai pipistrelli, e quindi ridurre le opportunità di mutazione del virus, è fondamentale con l’attuale campagna globale di vaccinazione di massa contro questo virus.

La professoressa Bell ha aggiunto: “I rischi principali sarebbero, ad esempio, un riabilitatore di pipistrelli che si prenda cura di un animale salvato e lo infetti con SARS-CoV2, il che fornirebbe un’opportunità di ricombinazione genetica se è già portatore di un altro sarbecovirus”.

“Chiunque entri in contatto con i pipistrelli o i loro escrementi, come i soccorritori o gli speleologi, dovrebbe indossare DPI appropriati, al fine di ridurre il rischio che si verifichi una mutazione. Dobbiamo applicare norme rigorose a livello globale per chiunque maneggi pipistrelli e altri animali selvatici”, ha aggiunto.

Il nuovo virus rientra nel sottogruppo di coronavirus chiamati sarbecovirus che contiene sia SARS-CoV-2 (responsabile dell’attuale pandemia) che SARS-CoV (responsabile dell’epidemia di SARS iniziale del 2003 negli esseri umani).

Ulteriori analisi hanno confrontato il virus con quelli trovati in altre specie di pipistrelli ferro di cavallo in Cina, sud-est asiatico ed Europa e hanno mostrato che il suo parente più prossimo è stato scoperto in un pipistrello di Blasius dalla Bulgaria nel 2008.

La scoperta nel Regno Unito è stata fatta dalla studentessa universitaria di ecologia Ivana Murphy, della School of Biological Sciences dell’UEA, che ha raccolto escrementi di pipistrello come parte della sua tesi di ricerca dell’ultimo anno. Jack Crook ha condotto le analisi genetiche in collaborazione con altri ricercatori del PHE.

Sono stati catturati un totale di 53 pipistrelli e le loro feci raccolte in sacchetti sterili. La ricerca è stata condotta secondo rigidi protocolli di salute e sicurezza. Sono stati indossati DPI completi e Ivana è stata regolarmente testata per Covid-19 per evitare qualsiasi possibilità di contaminazione incrociata. I pipistrelli sono stati rilasciati immediatamente dopo che i loro escrementi erano stati raccolti.

Ivana ha dichiarato: “Più di ogni altra cosa, sono preoccupata che le persone possano improvvisamente iniziare a temere e perseguitare i pipistrelli, che è l’ultima cosa che vorrei e non sarebbe necessaria. Come tutti gli animali selvatici, se lasciati soli non rappresentano alcuna minaccia”.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Offerte Amazon di oggi: scope a vapore super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Articoli correlati

Popular Categories