17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeCucinaLa pizza: oltre che buona, è importante che sia sana

La pizza: oltre che buona, è importante che sia sana

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Buona, filante, profumata, colorata, calda, pochi resistono a una buona pizza. Tra i piatti unici, è lei la regina! Eppure l’impasto è semplicissimo, solo tre gli ingredienti – farina, lievito e acqua – oltre a quelli necessari per farcirla in base ai propri gusti.

Una ricetta famosissima che, almeno in apparenza, potrebbe sembrare una delle più facili da realizzare. Tuttavia, quando si decide di sceglierla (a cena fuori) o di prepararla in casa, meglio avere le idee chiare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una pizza sana, oltre che gustosa

Siamo tutti d’accordo che è uno dei nostri orgogli nazionali. Eppure anche la pizza negli ultimi tempi è finita spesso sotto accusa: scarsa digeribilità, troppe calorie, grassi in eccesso, glutine e sodio fuori controllo.

C’è chi avanza perfino l’ipotesi che potrebbe essere cancerogena; dunque, dobbiamo ridurne il consumo o addirittura evitare di mangiarla?

Nulla di tutto questo! Quando però si tratta della propria salute, avere un occhio attento non guasta.

Dopo anni di pizze vendute a poco prezzo, consumate senza troppi pensieri, qualcuno ha cominciato a riflettere su alcuni particolari: questo alimento può anche nascondere delle insidie? Si, in particolare se cotta nel forno a legna (finora un indiscusso valore aggiunto).

Gli accorgimenti per evitare rischi

Per fortuna bastano pochi accorgimenti per eliminare ogni rischio. Prima di tutto, quando entri in pizzeria, dai un’occhiata sul banco dove si stende l’impasto e verifica che non via sia troppa farina. Se è in eccesso, infatti, si “appiccica” sotto la pizza e durante la cottura (sempre ad alta temperatura) brucia velocemente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo gli esperti, tutti gli alimenti carbonizzati introducono sostanze cancerogene nell’organismo, soprattutto il benzopirene; se qualche parte scura del bordo è visibile e la si può eliminare, la farina carbonizzata sotto la pizza (insieme a quella rimasta nel forno dalle cotture precedenti, quindi ancora più bruciata) è molto dannosa.

Stessa conclusione se il forno è pieno di fumo, o se il fuoco viene alimentato con legna riciclata. Una pratica fuorilegge, in quanto le pizzerie devono usare solo legna certificata per uso alimentare.

La lievitazione della pizza

L’impasto lievitato a lungo è meglio. Infatti risulta più digeribile perché amidi e proteine vengono scomposti e preferiti dagli enzimi. Una pizza di qualità si può ottenere sia con lievito di birra (più utilizzato) che con lievito madre (dà un gusto tipico) ricorrendo a diverse tipologie di farine e tecniche di impasto.

Il periodo di riposo dell’impasto si decide in base a molte variabili, ma in genere basta una sola notte. Una buona pizza, leggera e digeribile, si riconosce solo all’assaggio: se ben lievitata risulta alveolata, facile da masticare e da tagliare, mai gommosa e appiccicosa sotto i denti.

Gli ingredienti

La mozzarella: se di buona qualità è digeribile, resta bianca in cottura, non è mai gommosa. Inoltre non bagna mai la pizza, rendendola molliccia. In caso contrario, significa che non è stata ben sgocciolata prima dell’uso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Condimenti: esclusivamente olio extravergine di oliva, che mantiene inalterati  gli antiossidanti naturali (tocofenoli) anche durante la cottura.

Il pomodoro: secondo la tradizione, i pomodori devono essere San Marzano  a crudo, ma le pizze gourmet ne propongono anche altre varietà, purché  di elevata qualità.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Infine, almeno per la classica margherita, sulla pizza non può assolutamente mancare il basilico e una spolverata di parmigiano grattugiato.

Una deliziosa combinazione: la pizza

Insomma, valutando gli ingredienti, non c’è nulla di poco sano in questa deliziosa composizione. Quel che conta, ovviamente, sono le regole del procedimento per l’impasto e ciò che si mette sopra.

Infatti, se la lievitazione non è fatta nel modo giusto, basta anche solo una fetta per creare sgradevoli gonfiori di stomaco, un pomodoro inacidito per facilitare un attacco di reflusso gastroesofageo, una mozzarella di qualità scadente o troppo vecchia per alterare il sapore della pizza stessa.

Articoli più letti