Congiunzione di 3 pianeti, quando e come vederla

Hai mai visto una congiunzione di 3 pianeti? La splendida vista di tre pianeti insieme nel cielo notturno non accade molto spesso. A parte poche settimane fa, l’ultima volta che c’è stata una congiunzione di tre pianeti è stato nel 2015, quando Venere, Giove e Marte sono stati in stretta congiunzione.

Per la prossima congiunzione di 3 pianeti dovremo aspettare fino a quando Marte, Saturno e Mercurio non appariranno vicini, nel 2026.

Per gli appassionati l’appuntamento è tra il 25 ed il 28 febbraio 2021, quando Giove e Saturno saranno visitati, almeno dal nostro punto di vista, dal minuscolo pianeta Mercurio.

Ecco tutto ciò che devi sapere su come, quando e dove sarà possibile vedere la congiunzione di 3 pianeti.

Quando si verificherà la congiunzione di 3 pianeti?

Da giovedì 25 febbraio a domenica 28 febbraio 2021, Giove, Saturno e Mercurio saranno allineati, con Giove che si avvicinerà gradualmente a Mercurio.
La congiunzione di 3 pianeti avrà luogo nei cieli mattutini, poco prima dell’alba.

Ma dove sarà possibile vedere congiunzione di tre pianeti?
L’evento sarà visibile guardando verso est, poco sopra l’orizzonte, poco prima dell’alba del 24 febbraio, quando Giove sarà più vicino all’orizzonte, con Mercurio sopra di esso e Saturno ancora più in alto verso sud-est.

Nei giorni successivi, Giove salirà più in alto sopra l’orizzonte e sembrerà avvicinarsi a Mercurio.

“Trio planetario” vs “tripla congiunzione”

Una congiunzione di 3 pianeti deve essere una “tripla congiunzione”, giusto? Sbagliato. Una tripla congiunzione, in realtà avviene quando due pianeti si incrociano tre volte in un breve periodo. Come può succedere? È perché vediamo il cielo notturno da una piattaforma mobile. Mentre la Terra orbita attorno al Sole, vediamo che i pianeti interni più veloci, Venere e Mercurio, sembrano cambiare posizione rapidamente, mentre i pianeti esterni sembrano muoversi molto più lentamente.

Indipendentemente da ciò, è la nostra posizione in rapido cambiamento che assicura che tutti i pianeti sembrino cambiare rapidamente posizione. Anche i pianeti esterni sembrano muoversi tutti all’indietro – qualcosa chiamato “moto retrogrado” – mentre li approcciamo. Ecco un modo semplice per pensarci; un’auto che viaggia a 80 kmh sembrerà andare all’indietro se vista attraverso il finestrino di un’auto che passa a 90 kmh.

Invece, una congiunzione di 3 pianeti è conosciuta come “trio planetario“, in riferimento a quando succede che tre pianeti si vengono a trovare nello stesso spicchio di 5 gradi del cielo.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Offerte Amazon: macchine da caffè super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Asma: il 20% degli atleti olimpici ne soffrono

C'è un disturbo comune tra gli atleti di alto...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories