Come stanno funzionando in tutto il mondo le misure anti coronavirus?

I governi nazionali hanno adottato approcci diversi per affrontare questa crisi e queste scelte hanno influenzato il corso del virus in diversi modi, con varie implicazioni.

705

Un mese dopo quella che oggi è la pandemia di COVID-10 è stata dichiarata un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale, la progressione delle infezioni sta causando sconvolgimenti in tutto il mondo su una scala senza precedenti. I governi nazionali hanno adottato approcci diversi per affrontare questa crisi e queste scelte hanno influenzato il corso del virus in diversi modi, con varie implicazioni.

Cina

L’epidemia è iniziata nella città di Wuhan e si è rapidamente diffuso. Le autorità cinesi hanno preso provvedimenti drastici relativamente presto quando c’erano circa 500 casi noti. Hanno costruito nuovi ospedali nel tentativo di evitare il collasso del sistema sanitario ma anche così gli operatori sanitari sono stati sottoposti a superlavoro in una situazione molto difficile e molti sono stati infettati.
Il governo cinese ha inoltre introdotto rigorose misure di sanità pubblica per ridurre i contatti personali, tra cui l’interruzione degli spostamenti fuori dalla provincia di Hubei, la regione dove si trova Wuhan, l’interruzione del trasporto pubblico locale, la chiusura delle scuole, fermato tutte le attività economiche nella zona, la limitazione rigorosa dei movimenti fuori casa e la chiusura di tutte le attività commerciali. Queste misure di allontanamento sociale hanno funzionato e a febbraio il numero di nuovi casi è rallentato e ora si è quasi fermato.
Poco dopo l’inizio dell’epidemia, alcuni casi sono stati osservati in altre parti della Cina e lì sono state istituite misure di salute pubblica simili a quelle di Hubei molto rapidamente. La conseguenza è stata quella di prevenire in quelle città la diffusione del virus e al di fuori dell’Hubei il numero di casi è rimasto molto basso. Ciò dimostra che l’epidemia può essere contenuta.


file 20200318 37387 1lwsjis.jpg?ixlib=rb 1.1
Distanziamento sociale in Tailandia. RUNGROJ YONGRIT / EPA

Stati asiatici vicini

Anche GiapponeTaiwanTailandiaSingapore e Hong Kong hanno adottato drastiche misure di sanità pubblica dopo aver individuato solo un numero limitato di casi. Questi sono luoghi che hanno assistito allo scoppio dell’epidemia di SARS nel 2002-2003. Finora, sembra che i focolai di SARS-CoV-2 siano stati contenuti.
La domanda che ora si presenta alle autorità è fino a che punto possono essere allentate le misure di controllo. Poiché solo una piccola parte della popolazione di ciascun paese è stata infettata, la maggioranza rimane vulnerabile. Se le restrizioni venissero interrotte troppo presto, l’epidemia potrebbe ripresentarsi e sarà difficile ricomporre la quarantena. Se le misure proseguiranno troppo a lungo, le persone e le economie soffriranno in altri modi.

Corea del Sud

Un’eccezione nella regione è stata la Corea del Sud, dove inizialmente il numero di casi è aumentato molto rapidamente. Ciò è stato probabilmente collegato a un evento di “massa” dove una persona ha infettato centinaia se non migliaia di persone, legate a una setta religiosa. Tuttavia, il paese ha poi messo in atto il regime più ampio al mondo di test e tracciabilità di potenziali malati, ora stanno entrando in vigore nuove misure di contenimento.

Iran

Un simile evento, probabilmente collegato a un raduno religioso, sembra aver avuto luogo in Iran, accelerando la diffusione del virus dopo che, secondo quanto riferito, è stato portato nel paese da un commerciante di ritorno dalla Cina. Le autorità sono state criticate per aver presumibilmente cercato di sopprimere le informazioni sulla diffusione del virus e di non aver istituito misure di contenimento abbastanza presto. L’Iran è ora uno dei paesi con più casi al di fuori della Cina e il virus continua a diffondersi.

Italia

L’infezione sembra aver circolato inosservata nel nord Italia per qualche tempo, consentendo al virus di diffondersi ampiamente e portando i servizi ospedalieri locali a essere sopraffattiRigorose misure di controllo sono state istituite in alcune aree del nord Italia, sebbene non così rigorose come quelle in Cina.
Purtroppo, però, le misure prese si sono rivelate inefficaci per fermare la trasmissione del virus, quindi il governo ha esteso tali misure tali misure a tutto il paese. Al momento della stesura di questo articolo (18 marzo), non si è ancora visto l’effetto di queste misure, che probabilmente impiegheranno 10-12 giorni per avere un impatto.

file 20200318 37441 1pd0frq.jpg?ixlib=rb 1.1
Parigi appare stranamente silenziosa, ma non vuota. Ian Langston / EPA

Europa occidentale

Il numero di casi è aumentato rapidamente in Francia, Germania, Spagna e Svizzera. Sono attualmente in atto misure di allontanamento sociale, con oltre 100 milioni di persone bloccate. Nel Regno Unito, il numero di casi non è aumentato così rapidamente e le restrizioni sono state istituite con ritardi rispetto agli altri paesi.
Questi paesi sperano di emulare il controllo raggiunto in Cina. Ma senza la ricerca di casi, test diagnostici rigorosi, identificazione di contatti e isolamento di casi e contatti, le misure in atto hanno maggiori probabilità di rallentare l’epidemia piuttosto che contenerlo.
La logica qui è che riducendo la trasmissione e quindi appiattendo la curva epidemica e dilazionando i casi nel tempo, ci sarà meno pressione sui servizi sanitari e meno interruzioni causate dall’epidemia. In effetti, si tratta di un atto di bilanciamento tra il fatto di causare solo le perturbazioni sociali necessarie per garantire che il servizio sanitario possa ancora funzionare in modo efficiente.

Stati Uniti

Gli Stati Uniti sono stati lenti nello sviluppare e distribuire un accurato test diagnostico del coronavirus in numero adeguato e la risposta nazionale è stata lenta e non coordinata. Nel frattempo l’epidemia si è diffusa ampiamente in ogni stato, con un numero crescente di casi, un accesso iniquo alle cure sanitarie e conseguenti decessi. Al momento molti degli Stati dell’unione hanno proclamato il lockdown ma la portata dell’epidemia cresce rapidamente.

conclusioni

Affinché i governi istituiscano efficaci misure di controllo della sanità pubblica, hanno bisogno del sostegno e della conformità del pubblico in generale. Se il pubblico non si conforma, le misure falliranno. Ad esempio, se bar e pub sono chiusi ma le persone si riuniscono e bevono in case private, non sarà possibile ottenere il necessario allontanamento sociale.
Nei paesi che mirano a rallentare anziché fermare l’epidemia, una parte maggiore della popolazione sarà infettata per un periodo di tempo più lungo, ma ciò significa che una parte più grande della popolazione avrà sviluppato l’immunità se si dovessero verificare ulteriori ondate di questa infezione.
Qualunque sia la strategia adottata, tutti noi abbiamo un ruolo nella protezione di noi stessi e dei nostri concittadini.
Fonte: The Conversation