Come si sono diffuse le superstizioni

Indice

I leader dell’antica Roma, quando dovevano prendere decisioni relativamente ad eventi importanti, come, ad esempio, quando tenere le elezioni o dove costruire nuove città, si basavano sui presagi interpretati dai sacerdoti. Questi presagi consistevano nell’osservazione del volo degli uccelli.

Molti costruttori spesso omettono il tredicesimo piano di un palazzo dalle planimetrie e molti pedoni fanno di tutto per evitare di camminare sotto una scala.

Superstizioni come queste sono ampiamente riconosciute come non razionali, eppure molti continuano a crederci anche oggi, influenzando anche altre persone.

In una nuova analisi guidata dalla teoria dei giochi, due biologi hanno ideato un modello che mostra come le convinzioni superstiziose possono essere stabilite nelle norme sociali di una società. Il loro lavoro, pubblicato su National Academy of Sciences acts, dimostra come gruppi di individui, ciascuno a partire da sistemi di credenze distinti, possano evolvere in un insieme coordinato di comportamenti che sono applicati da un insieme di norme sociali coerenti.

La cosa interessante che emerge è che, partendo da un sistema in cui nessuno ha un particolare sistema di credenze, può emergere un insieme di convinzioni, e da queste, un insieme di comportamenti coordinati“, spiega Erol Akçay, assistente professore di biologia a Penn.

Lentamente, queste persone accumulano superstizioni“, aggiunge Bryce Morsky, un ricercatore in postdottorato. “Potrebbero dire, ‘Ok, beh, credo che quando osservo questo evento dovrei comportarmi in questo modo perché un’altra persona si comporterà in quel modo’ e nel tempo, se hanno successo nell’usare quel tipo di strategia, le superstizioni si affermano e passano stabilmente nell’uso comune.”

Il lavoro di Morsky e Akçay è un’applicazione della teoria dei giochi, che tenta di prevedere come le persone interagiranno e prenderanno decisioni in un contesto sociale. Nel corso dello studio, sono stati presi in particolare considerazione i cosiddetti equilibri correlati, scenari in cui a tutti gli attori vengono dati segnali correlati che determinano la loro risposta a una certa situazione.

Un esempio classico è un semaforo“, dice Akçay. “due persone che si stanno avvicinando a un incrocio, vedranno un segnale di ‘stop’ seguito da un segnale di ‘go’, è un fatto universalmente noto. ed è razionale che entrambe le parti obbediscano al significato del segnale.”

Il segnale, in questo caso il semaforo, è un dispositivo correlativo, o in modo più evocativo, un “coreografo“. Ma il team di Penn voleva capire cosa accade in assenza di un coreografo. Se le persone potessero prestare attenzione a una varietà di altri segnali che potrebbero dirigere le loro azioni, e le loro convinzioni fossero trasmesse in base al successo delle loro azioni, si presenterebbero comportamenti coordinati? In altre parole, l’evoluzione può agire da “coreografo cieco?

Che cosa succede se un ciclista sta andando verso un incrocio, e invece di un semaforo vedono un gatto?“, dice Akçay. “Il gatto non è un segnale e quindi è irrilevante all’incrocio, ma può succedere che una persona pensi che se quel gatto fosse nero, sarebbe una buona idea fermarsi, oppure potrebbe pensare che il gatto non significa nulla e continuerebbe ad approssimarsi all’incrocio.”

Nonostante il fatto che il colore di un gatto che non ha alcuna relazione con la probabilità che un ciclista si avvicini ad un incrocio fermandosi o procedendo oltre, a volte questo tipo di strategia condizionale potrebbe comportare un maggiore profitto per il ciclista, se è correlato con le superstizioni di altri ciclisti.

A volte può essere razionale tenere queste credenze irrazionali“, nota Morsky.

Nel loro modello, Morsky e Akçay presumono che gli individui siano razionali, nel senso che non seguono una norma alla cieca, ma lo fanno solo quando le loro convinzioni lo fanno apparire utile. Cambiano le loro convinzioni imitando le quelle delle persone di successo. Ciò crea una dinamica evolutiva in cui le norme “competono” l’una contro l’altra, aumentando e diminuendo in prevalenza attraverso il gruppo. Questo processo evolutivo alla fine porta alla formazione di nuove norme sociali.

Morsky e Akçay hanno dimostrato che le norme evolutivamente stabili, quelle che non possono essere sostituite da altre, devono essere coerenti, nel senso che coordinano con successo il comportamento individuale anche in assenza di un “coreografo” esterno.

In pratica, queste norme evolutivamente stabili, sia nella prescrizione di come un attore dovrebbe comportarsi sia nel descrivere le aspettative dell’attore su come dovrebbero comportarsi gli altri, creano un coerente sistema di credenze che aiuta a coordinare il comportamento generale di molti attori, anche se tale coordinamento non viene diretto da qualsiasi coreografo esterno.

Per esplorare ulteriormente le loro scoperte, i ricercatori sperano di impegnarsi in esperimenti sociali per vedere se gli individui possano iniziare a escogitare le proprie superstizioni o credenze quando non ne viene fornita alcuna.

Quello che mi piace di questo lavoro“, commenta Morsky, “è che queste credenze sono delle superstizioni inventate, ma diventano reali perché tutti le seguono realmente, quindi diventano una realtà sociale. Sono davvero interessato ad effettuare ulteriori studi sull’argomento

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories