Home Visioni del futuro Come sarà la Terra tra 500 anni?

Come sarà la Terra tra 500 anni?

Sappiamo che due tipi principali di processi cambiano la Terra: uno coinvolge i cicli naturali, come il modo in cui il pianeta ruota e si muove intorno al sole, e l'altro è causato da forme di vita, in particolare gli esseri umani

0
5941

Gli scienziati possono fare previsioni piuttosto accurate sul futuro, ma prevedere come sarà la Terra tra 500 anni è un compito difficile perché ci sono molti fattori in gioco. Immagina Cristoforo Colombo nel 1492 che cerca di predire le Americhe di oggi.

Sappiamo che due tipi principali di processi cambiano la Terra: uno coinvolge i cicli naturali, come il modo in cui il pianeta ruota e si muove intorno al sole, e l’altro è causato da forme di vita, in particolare gli esseri umani.

La Terra è in continua evoluzione.

La Terra è in continuo movimento e vacilla, l’angolo di inclinazione e anche i suoi cambiamenti di orbita, portano il nostro pianeta più vicino o più lontano dal Sole. Questi cambiamenti si verificano nel corso di decine di migliaia di anni e sono stati responsabili delle ere glaciali.

Gli umani, però, stanno cambiando il pianeta.

La seconda grande influenza sul pianeta sono gli esseri viventi. Gli effetti della vita sul pianeta sono più difficili da prevedere. Interrompere una parte di un ecosistema può mettere fuori gioco molte altre cose.



Gli esseri umani in particolare stanno cambiando la Terra in molti modi: tagliando foreste, riducendo importanti habitat della fauna selvatica a favore delle città, spostando specie invasive in tutto il pianeta e distruggendo gli ecosistemi.

Contribuiscono anche al riscaldamento globale. Le persone stanno causando il cambiamento del clima, principalmente bruciando combustibili fossili che rilasciano più gas serra nell’atmosfera di quanto il pianeta e l’atmosfera possano sopportare.

Normalmente, i gas serra intrappolano il calore del sole come fa il vetro di una serra, mantenendo la Terra più calda di quanto non sarebbe altrimenti. Questo può essere utile, fino a quando non diventa troppo.

Il risultato di troppa anidride carbonica è che le temperature aumentano e ciò può portare a giornate estive pericolosamente calde e allo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e in Antartide. Le calotte glaciali che si sciolgono sollevano gli oceani, causando l’inondazione delle aree costiere.

Questo è ciò che la Terra sta affrontando in questo momento.

Questi cambiamenti potrebbero portare a un pianeta molto diverso in 500 anni. Un pianeta in fase di riscaldamento può anche contribuire a condizioni meteorologiche estreme come ondate di calore, tempeste e siccità che possono cambiarne l’aspetto. Tutte le forme viventi della Terra sono a rischio.

Imparare dagli ultimi 500 anni

Guardando indietro agli ultimi 500 anni, la parte vivente della Terra, chiamata biosfera, è cambiata radicalmente.

Il numero di esseri umani è aumentato da circa 500 milioni di persone a oltre 7,5 miliardi di oggi. Più di 800 specie vegetali e animali si sono estinte a causa delle attività umane in durante questo periodo. Man mano che la popolazione umana cresce, altre specie hanno meno spazio per vagare. L’innalzamento del livello del mare significa ancora meno terra e l’aumento delle temperature spingerà molte specie a migrare verso climi migliori.

Non tutti i cambiamenti della Terra sono causati dagli umani, ma gli umani ne hanno peggiorati alcuni. Una grande sfida oggi è convincere le persone a smettere di fare cose che creano problemi, come bruciare combustibili fossili che contribuiscono al cambiamento climatico. Questo è un problema globale che richiede ai paesi di tutto il mondo e alle persone al loro interno di lavorare per lo stesso obiettivo.

Tornando a Cristoforo Colombo, probabilmente non avrebbe potuto immaginare un’autostrada piena di macchine o un telefono cellulare. La tecnologia migliorerà senza dubbio anche nei prossimi 500 anni. Ma finora, le soluzioni tecnologiche non si sono sviluppate abbastanza velocemente da risolvere il cambiamento climatico. Continuare a fare le stesse cose e aspettarsi che qualcun altro risolva il problema in seguito sarebbe una scommessa rischiosa e costosa.

Quindi, la Terra tra 500 anni potrebbe essere irriconoscibile. Oppure, se gli umani fossero disposti a cambiare i loro comportamenti, potrebbe persistere con le sue vivaci foreste, oceani, campi e città per molti altri secoli, insieme ai suoi residenti di maggior successo, l’umanità.