Elon Musk: SpaceX raggiungerà Marte convertendo CO2 in carburante per missili – video

SpaceX sta avviando un programma per assorbire CO2 dall'atmosfera e trasformarla in carburante per missili

2215

Elon Musk afferma che i suoi piani per Marte possono coincidere con la spinta globale per abbassare la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera. “SpaceX sta avviando un programma per assorbire CO2 dall’atmosfera e trasformarla in carburante per missili”, ha twittato il CEO e miliardario della tecnologia. 

Non è chiaro esattamente come Musk intenda farlo, ma è anche difficile negare il fascino di una tale capacità. Immaginiamo un mondo in cui tutta la CO2 in eccesso generata da una nazione o da una regione viene direttamente convertita in carburante per missili e successivamente consumata durante i lanci, senza lasciare scorie dannose ed inquinanti.

Sarà importante anche per Marte”, ha aggiunto Musk in una risposta su Twitter a se stesso, incoraggiando grandi speranze. E si scopre che la speranza potrebbe non essere del tutto immeritata, dal momento che ci sono già idee in gioco su come convertire la CO2 in carburante per missili sulla superficie di Marte.

Elon Musk sostiene da tempo l’uso di mezzi rinnovabili per trasportare gli esseri umani nello spazio

Sebbene l’annuncio di Musk possa sembrare un po’ casuale, è sorprendentemente appropriato, considerando l’abbondanza di CO2 emessa dai lanci in orbita terrestre che sta crescendo a velocità senza precedenti. Ancora più scioccante, questa idea di Musk non è così stravagante come potrebbe sembrare a prima vista. Una nuova tecnica, chiamata “cattura diretta dell’aria“, consentirebbe a SpaceX di assorbire migliaia di tonnellate di CO2 e di convertirla in carburante per missili, secondo Bloomberg.

In effetti, sono state già avviate le operazioni di un impianto DAC, che, aspirando 4.400 tonnellate di CO2 all’anno, è anche il più grande al mondo, secondo un rapporto pubblicato su Futurism. E un altro in Scozia inizierà le operazioni nel 2026, con l’obiettivo di rimuovere 1,1 milioni di tonnellate di CO2 all’anno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo arriva sulla scia dell’annuncio fatto da Musk all’inizio del 2021 di un premio di 100 milioni di dollari per chiunque possa portare una tecnica efficiente di rimozione del carbonio.

“Penso che questa sia una di quelle cose per cui sarà necessario un po’ di tempo per capire quale sia la soluzione giusta”, ha detto Musk in un rapporto di Reuters, all’epoca.

“E soprattutto per capire quale sia la migliore economia per la rimozione della CO2. In questo momento abbiamo solo un pianeta. Anche una possibilità dello 0,1 percento di un disastro: perché correre questo rischio“? Ha affermato Musk durante una discussione con il presidente Peter Diamandis del Concorso XPrize.

I piani per convertire la CO2 in carburante per missili sono già in lavorazione

Ovviamente Musk non è la prima persona a considerare la conversione del carbonio in sostanze più commerciabili o prodotti di valore per l’economia. Dopotutto, ha più senso utilizzare tutto ciò che è coinvolto piuttosto che seppellire semplicemente sotto terra prodotti di scarto come la CO2. E molte aziende e scienziati hanno fatto passi da gigante su questa linea di pensiero.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ad esempio, potremmo incorporare forme solide di carbonio nei materiali da costruzione, tra cui acciaio e cemento, un’industria già considerata pesante per le emissioni, ha affermato il professore di fisica applicata e scienza dei materiali Harry Atwater, del California Institute of Technology, in un rapporto di Popular Science.

“E se potessimo effettivamente rimuovere l’anidride carbonica emessa attraverso tutta la sintesi passata dei materiali da costruzione e poi trasformarla in materiali che potremmo usare come compositi in fibra di carbonio e altre forme di carbonio immagazzinato in modo più benigno?”, si chiede Atwater, nel rapporto.

“Sarebbe una forma di immagazzinamento indefinita”, ha aggiunto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In questo momento, la Starship di SpaceX utilizza metano liquido super raffreddato e LOX per il lancio. Anche i modelli precedenti come il Falcon 9 utilizzano LOX, ma combinato con cherosene raffinato.

Questi combustibili non esistono in abbondanza su Marte, motivo per cui gli scienziati hanno sviluppato concetti su come utilizzare l’atmosfera ricca di CO2 di Marte. Nell’ottobre di quest’anno, un team di ingegneri ha suggerito di utilizzare un catalizzatore al carbonio all’interno di un reattore, per convertire l’anidride carbonica in metano, che può quindi essere impiegato nella prossima generazione di motori a razzo, forse come i motori Raptor di SpaceX.

Questa idea si basa su quella che viene chiamata una “reazione Sabatier“, qualcosa già in uso dall’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale per filtrare la CO2 dall’atmosfera interna della stazione, generando persino acqua potabile.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I viaggi spaziali non dovrebbero andare a scapito dell’abitabilità della Terra

Se l’azienda aerospaziale privata di Elon Musk può sfruttare questa conoscenza per convertire la CO2 nell’atmosfera terrestre in carburante per missili su larga scala, potrebbe creare un nuovo ed entusiasmante incentivo per i turisti spaziali, trasformando efficacemente un’attività ecologicamente dubbia (andare nello spazio perché sei abbastanza ricco, inquinando la Terra), in un atto intrinsecamente ecologico che genera anche una fresca fonte di acqua potabile. Abbastanza pulito, almeno in teoria.

Ovviamente, questo potrebbe trasformare radicalmente il volto pubblico di SpaceX. Ma i pionieri del Pianeta Rosso dovranno affrontare le stesse difficoltà: al momento della sua intervista a XPrize, Musk ha affermato che la sua azienda ha un piano a lungo termine per utilizzare quanta più energia rinnovabile possibile per alimentare i voli spaziali con razzi, cosa che per Musk significa Marte.

Ha anche sottolineato la sua classica argomentazione sugli eventi di estinzione di massa e su come la razza umana necessiti di diventare una specie multi-planetaria. Ma quando gli è stato chiesto se i suoi piani per Marte fossero “solo una via di fuga per i ricchi“, il miliardario ha risposto che la colonizzazione di Marte non potrà essere un’esclusiva dei ricchi.

Paragonando le missioni su Marte ai primi viaggi in Antartide, Musk ha sottolineato che gli aspiranti marziani affronteranno una realtà scomoda, pericolosa ed eccitante: in cui non c’è alcuna garanzia di tornare. “Molte persone probabilmente moriranno in quest’impresa”, ha avvertito nel live streaming.

Con questo in mente, possiamo solo sperare che la tecnologia di cattura del carbonio possa assorbire abbastanza inquinamento dai lanci di razzi che le avventure spaziali di domani non vadano a scapito dell’abitabilità della Terra.