13.7 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeVisioni del futuroCibo del futuro: cosa mangeremo tra 20 anni?

Cibo del futuro: cosa mangeremo tra 20 anni?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Se torniamo indietro nel tempo, il concetto di cibo del futuro è iniziato circa 15 anni fa, quando negli Stati Uniti sono stati introdotti i primi alimenti geneticamente modificati (OGM). Ora, nel 2021, la domanda su cosa e come mangeremo in futuro è in continua evoluzione.

Cosa mangeremo tra vent’anni?

Come riportato dal CSIRO, in Australia, si prevede che la domanda alimentare continuerà ad aumentare del 14% ogni decennio, il che significa che la produzione alimentare deve essere quasi il doppio del suo tasso attuale per stare al passo. Quindi, cosa mangeremo nei prossimi 20 anni e come daremo da mangiare a più di 10 miliardi di persone in tutto il mondo entro il 2050?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ecco cinque innovazioni sugli ingredienti che rappresenteranno il futuro del nostro cibo e, forse, miglioreranno la sicurezza degli alimenti, aiuteranno a soddisfare la crescente domanda alimentare del mondo e promuoveranno una produzione di cibo globale sostenibile.

Cibo del futuro: gli insetti ad alto contenuto proteico

Che ne diresti di mangiare hamburger, farina e snack a base di insetti? Sì, il consumo di insetti, noto anche come “entomofagia“, rappresenta il cibo del futuro. In effetti, è già una pratica comune in Thailandia, Cina, Brasile, Messico e alcuni paesi africani.

Ai fini della sicurezza alimentare, l’allevamento di insetti è in realtà considerato un modo sostenibile per fornire una fonte di cibo ecologicamente valida alla popolazione mondiale. Alcune specie di insetti, in genere grilli, cavallette e vermi della farina, stanno diventando il discorso della città nel campo dei prodotti alimentari ad alto contenuto proteico. L’obiettivo di questa innovazione è duplice:

  • affrontare principalmente la guerra alla malnutrizione nei paesi sottosviluppati.
  • ridurre significativamente l’impatto ambientale della dieta occidentale ricca di carne.

Notevoli investitori nell’allevamento di insetti:

  • Le aziende europee, come la britannica Future Positive Capital, l’olandese Aqua-Spark e la francese Bpifrance FPCI Ecotechnologies, sono i principali investitori nel settore dell’allevamento di insetti.

È interessante notare che i vermi della farina sono già sul mercato in Svizzera. Come pubblicato da FoodIngredientsFirst, una startup svizzera chiamata Essento, ha sviluppato hamburger di insetti per il consumo umano.

Sono palle di insetto che assomigliano ai falafel e sono ricche di nutrienti essenziali, come proteine, acidi grassi insaturi, vitamine e fibre. Le nuove leggi svizzere sulla sicurezza alimentare, previste nel maggio 2017, consentono la vendita di prodotti alimentari contenenti tre tipi di insetti, il cibo del futuro: cavallette, grilli e vermi della farina.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Noci senza allergeni

Un tipico esempio di noce senza allergeni è la noce tigre senza glutine. Come mostrato all’Ingredient Show 2018 a Birmingham, nel Regno Unito, Ani de la Prida, co-fondatore di The Tiger Nut Company, ha spiegato i benefici funzionali delle noci tigre: “Pensate per essere il prossimo cibo del futuro senza glutine, le noci tigre sono ricche di fibre e possono essere utilizzate come ingrediente senza additivi e minimamente lavorato nella cottura senza glutine“.

La noce di tigre, o Cyperus esculentus, una coltura della famiglia dei carici o piante infestanti, è diffusa nell’Europa meridionale, in Africa e in Madagascar, così come nel Medio Oriente e nel subcontinente indiano. Simile a tuberi dolci di mandorle, sono noti per il loro alto valore nutritivo, in particolare per l’alto contenuto di fibre, acido oleico, vitamine C ed E e minerali come potassio e fosforo.

È importante sottolineare che le noci tigre sono utilizzate principalmente per la produzione di latte, che è adatto a consumatori intolleranti al glutine (celiachia) e al lattosio.

Sostituti della carne a base vegetale

Ci stiamo rapidamente rendendo conto dell’impatto che la produzione di carne ha sull’ecosistema globale e sulla biodiversità.

Ci stiamo muovendo verso le pietanze senza carne? Ebbene, la tendenza è in aumento. La generazione attenta alla salute chiede più prodotti a base vegetale sul mercato, con un’etichettatura pulita. Alcune aziende stanno progressivamente producendo cibi che hanno lo stesso sapore della carne. Esempi inclusi:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • Beyond Meat: questa azienda con sede a Los Angeles ha prodotto il primo hamburger a base vegetale. Altri prodotti includono salsicce a base vegetale, strisce di pollo a base di proteine ​​di soia e piselli, crumble di manzo a base di proteine ​​di piselli.
  • Fry Family: questa azienda con sede in Sudafrica, simile a Beyond Meat, ha oltre 15 diversi sostituti della carne a base vegetale.
  • Cibi impossibili: questa startup californiana ha fatto l’impossibile e ha realizzato un hamburger a base vegetale che in realtà sfrigola e sanguina come un hamburger di carne, come viene dimostrato in un video. Impossible Burger dell’azienda è stato recentemente certificato come Kosher.

Tutte queste innovazioni a base vegetale ridurranno la necessità di allevare e macellare bovini e altro bestiame per il consumo umano.

Questo potrebbe fare molto per ridurre la crudeltà sugli animali e affrontare il problema del cambiamento climatico. Il passaggio a sostituti a base vegetale potrebbe comportare un utilizzo dell’acqua 15 volte inferiore, una riduzione delle emissioni di gas metano e il salvataggio delle nostre bellissime foreste pluviali da ulteriori distruzioni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, dovremmo comunque considerare il consumo di cibi meno lavorati e una cucina più vera, con cibi densi di nutrienti, per prevenire carenze nutrizionali.

Alghe

L’allevamento di alghe potrebbe rappresentare un potenziale punto di svolta nel modo in cui mangiamo il cibo. Prodotte in abbondanza sia in ambienti marini che d’acqua dolce, le alghe sono viste come una soluzione al problema della scarsità di cibo. Una pratica agricola che è già iniziata in Asia, le alghe possono essere utilizzate come cibo del futuro per nutrire sia gli esseri umani che gli animali e potrebbero diventare la più grande industria agricola del mondo.

Terramino Foods: questa start-up, con sede a San Francisco, ha sviluppato un processo per coltivare funghi che possono essere trasformati in un “hamburger di salmone“. Ha il sapore, l’aspetto e l’odore del pesce vero. Kimberlie Le, co-fondatore e CEO di Terramino Foods, ha affermato che in realtà è l’aggiunta di alghe e altri ingredienti a base vegetale che danno all’hamburger un sapore simile al salmone.

Con il crescente problema della pesca eccessiva e l’accumulo di inquinanti come mercurio e microplastiche nei pesci, i frutti di mare a base di alghe di Terramino potrebbero potenzialmente servire come sostituto sostenibile dei frutti di mare.

Carne allevata in laboratorio

Allora, cosa c’è in magazzino per i consumatori della carne? Nella speranza di frenare il riscaldamento globale, pur continuando a fornirla alle persone che la amano, gli scienziati che studiano il cibo del futuro hanno avuto l’idea di produrre carne sintetica coltivata in laboratorio.

Questa tecnologia scientifica innovativa è iniziata già nel 2013 e prevede la coltura di carne macinata da cellule staminali di vacca. La carne coltivata in laboratorio, nota anche come carne coltivata o in vitro, apparentemente ha l’aspetto, la cottura, l’odore e il sapore di carne macinata.

Ma cosa significa questo dal punto di vista legale e normativo? Su questo aspetto sono già iniziate conversazioni da parte di varie associazioni. Ad esempio, la United States Cattlemen’s Association sta discutendo sulla definizione legale di “manzo” e “carne“.

Allo stesso modo, in Australia, l’Autorità per gli standard alimentari in Australia e Nuova Zelanda (FSANZ) garantirà che venga eseguita una valutazione della salute e della sicurezza pubblica su ogni diverso prodotto a base di carne coltivata in laboratorio.

Gli australiani amano la loro carne, non c’è dubbio. Pertanto, i regolatori australiani vogliono accertare che le affermazioni presentate non inducano in errore i loro consumatori e violino le leggi sui consumatori. Hanno menzionato: “In quanto ‘nuovo’ alimento, la carne coltivata in laboratorio richiede requisiti ai sensi dei nostri codici di standard alimentari .”

Il take-away

In conclusione, l’urgenza di garantire la sicurezza alimentare, prevenire la scarsità di cibo e la malnutrizione, evitare le intolleranze alimentari e le allergie, proteggere la biodiversità globale, sostenere la produzione di cibo pulito e ridurre al minimo la crudeltà sugli animali, questo tipo di innovazioni guiderà il nostro modo di mangiare nei decenni a venire.

Cibo del futuro: alghe, carne coltivata sinteticamente, alternative alla carne a base vegetale, hamburger di insetti commestibili e barrette proteiche potrebbero essere nel menu globale. È importante sottolineare che è ancora da vedere quali tipi di regolamenti verranno applicati in vari paesi, per quanto riguarda i reclami e la fornitura di questi prodotti alimentari avanzati.

Articoli più letti