Come seleziona la NASA gli astronauti per la Luna?

Durante il programma Apollo, gli Stati Uniti hanno inviato sulla luna 12 astronauti ed erano tutti uomini e tutti erano bianchi. Presi in gran parte dai ranghi della Marina e dell’Aeronautica degli Stati Uniti, questi americani esemplificavano gli ideali autoproclamati di coraggio e integrità della nazione, ma anche i suoi pregiudizi.

La NASA seleziona gli astronauti attraverso un processo di applicazione rigoroso e selettivo. Gli interessati devono soddisfare determinati requisiti, tra cui avere un diploma di laurea in un campo scientifico o tecnologico, avere esperienza lavorativa in un campo correlato, e possedere abilità come il volo aereo. Inoltre, gli astronauti devono superare una serie di test fisici e psicologici per determinare la loro idoneità per i voli nello spazio. Infine, i candidati selezionati devono completare un periodo di addestramento intensivo prima di essere assegnati a una missione.

Quando l’Apollo 11 atterrò sulla luna nel 1969, i neri americani erano particolarmente disinteressati, contestando il valore del programma spaziale quando l’uguaglianza razziale sulla Terra era fuori portata. La rivale della corsa allo spazio del paese, l’Unione Sovietica, aveva inviato una donna nello spazio nel 1963, ma gli Stati Uniti non avrebbero seguito l’esempio fino al volo dello space shuttle di Sally Ride nel 1983, e il primo astronauta afroamericano, Guion Bluford, non avrebbe preso volo fino a quello stesso anno.

Ora, circa cinque decenni dopo l’ultima missione Apollo, la NASA sta tornando sulla luna con una missione che va oltre la semplice esplorazione scientifica. Il suo programma Artemis è iniziato lo scorso novembre con il lancio di Artemis 1, che ha portato nello spazio solo manichini. Artemis 2 trasporterà un equipaggio di astronauti intorno alla luna e ritorno. Quindi, Artemis 3 porterà gli esseri umani sulla superficie lunare nel 2025, se tutto va come previsto. Oltre a ciò, la NASA spera di stabilire una base scientifica permanente sulla luna insieme a una mini stazione spaziale in orbita lunare nota come Gateway. “Cinquantacinque anni fa, eravamo sulla luna”, afferma l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Ora torniamo con la prima donna e la prima persona di colore.”

La NASA non ha ancora scelto chi saranno quei primi astronauti Artemis, anche se probabilmente sarà qualcuno che è già stato nello spazio ed è volato alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Mentre la NASA ha annunciato un gruppo di 18 astronauti nel suo “Artemis Team” nel 2020, l’agenzia ha da allora ampliato il pool, affermando che uno qualsiasi dei 42 astronauti attivi si sta addestrando per un possibile futuro incarico lunare. La NASA sta usando la ISS come campo di addestramento per i futuri astronauti dello spazio profondo e sta conducendo una serie di esercitazioni presso il Johnson Space Center di Houston.

La NASA sta anche guardando oltre il suo tradizionale pool di piloti di caccia. Qualsiasi cittadino statunitense con almeno un master in un campo scientifico o matematico può ora presentare domanda per diventare un astronauta, una mossa per migliorare la diversità. L’attuale pool di candidati è quasi equamente diviso tra uomini e donne, ed è anche etnicamente diversificato, strettamente corrispondente alla composizione etnica degli Stati Uniti

Il numero di astronauti non bianchi e non maschi che sono volati nello spazio è ancora basso. L’anno scorso l’agenzia ha pubblicato il suo primo piano d’azione per l’equità, con l’obiettivo di migliorare la diversità in tutta l’agenzia assumendo appaltatori provenienti da comunità svantaggiate, migliorando l’accesso alle sovvenzioni e monitorando meglio questi sforzi. Sebbene tali iniziative concrete siano importanti per diversificare l’industria spaziale e aprire la pipeline degli astronauti, è importante anche per i giovani futuri astronauti vedere persone sottorappresentate in missioni di alto profilo come i voli per la ISS, ispirandoli a seguire le loro orme.

Nel 2019, Christina Koch e Jessica Meir della NASA hanno eseguito la prima passeggiata spaziale tutta al femminile, trascorrendo più di sette ore fuori dalla ISS. Poi, l’anno scorso, Jessica Watkins è diventata la prima donna di colore a prestare servizio in una missione di lunga durata sulla stazione, tornando dall’orbita in ottobre. Spera che la sua missione ispiri altre ragazze e donne nere a seguire il suo percorso, proprio come è stata ispirata dai suoi modelli di ruolo crescendo. “Sono onorata e grata per l’opportunità di ricambiare il favore”, dice. Non molto tempo dopo, Nicole Mann è diventata la prima donna nativa nello spazio e attualmente sta trascorrendo circa sei mesi di stanza sulla ISS. Come Watkins, spera che la sua missione serva da ispirazione per altri che vogliono diventare astronauta, ingegnere o scienziato.

Mentre la diversità è una differenza importante tra le prossime missioni lunari e le missioni Apollo degli anni ’60 e ’70, anche le missioni Artemis si stanno svolgendo in un ambiente politico e tecnologico completamente diverso. Il programma Apollo previsto dal presidente John F. Kennedy mirava a dimostrare la forza delle capacità spaziali degli Stati Uniti durante la guerra fredda. “Non è stato proposto da Kennedy per la scienza e non è stato finanziato dal Congresso per la scienza”, afferma Teasel Muir-Harmony, curatore della collezione Apollo allo Smithsonian’s National Air and Space Museum. “Era principalmente un programma della Guerra Fredda”.

Con la Guerra Fredda una questione di storia, Artemis si concentrerà sulla scienza e l’innovazione, con le missioni con equipaggio dirette verso luoghi mai esplorati prima. Gli astronauti viaggeranno verso le regioni polari della luna, sede di quelle che vengono chiamate “regioni permanentemente in ombra”. Poiché queste regioni sono incredibilmente fredde, gli scienziati ritengono che potrebbero ospitare depositi di ghiaccio d’acqua. Hanno la speranza che queste risorse possano essere estratte per l’acqua che potrebbe poi essere trasformata in ossigeno, e quindi in carburante per missili, che consentirebbe una base scientifica permanente sulla superficie lunare.

L’ampliamento del pool di candidati idonei per includere laureati in matematica e scienze sottolinea il nuovo obiettivo della NASA. Storicamente, ha selezionato piloti e persone con un background militare per l’addestramento degli astronauti. Ora “stanno selezionando scienziati e medici, persone che hanno quel background STEM ma non sono necessariamente ingegneri o piloti collaudatori”, afferma l’analista spaziale Laura Forczyk di Astralytical , una società di consulenza aerospaziale.

Prima di venire alla NASA, l’astronauta Loral O’Hara era un ingegnere ricercatore presso la Woods Hole Oceanographic Institution, dove ha lavorato su sommergibili occupati dall’uomo, tra cui Alvin, che ha notoriamente esplorato il relitto del RMS Titanic. Il polo sud lunare sarà oscuro e la sua esperienza di navigazione nelle acque profonde e oscure dell’oceano potrebbe aiutare a navigare e lavorare nei crateri ombrosi della luna. L’agenzia ha anche recentemente selezionato Deniz Burnham, che ha esperienza come ingegnere sul campo su una remota piattaforma petrolifera, per addestrarsi per il corpo degli astronauti. La sua esperienza potrebbe rivelarsi utile mentre la NASA lavora per estrarre risorse chiave, come l’acqua, dalla superficie lunare.

Gli attuali astronauti si stanno già preparando a creare una base scientifica sulla superficie lunare come parte del programma Artemis. “L’obiettivo sono quelle abilità critiche che sono necessarie non solo per salvare le loro vite, ma per ottenere la scienza di cui abbiamo bisogno sulla superficie della luna”, afferma David Armstrong, capo dell’addestramento presso la direzione delle operazioni di volo della NASA. Gli obiettivi per le prime missioni umane in superficie includono la valutazione dei rischi e delle risorse al polo sud lunare, dove la NASA prevede di allestire il suo campo base Artemis. Per fare ciò, gli astronauti che camminano sulla luna avranno bisogno di formazione in geologia sul campo, raccolta di campioni e dispiegamento di esperimenti in superficie.

Gli astronauti di Artemis stanno anche esercitando le abilità di pilotaggio per la navicella spaziale Orion nei simulatori e si stanno adattando a un’enorme piscina per prepararsi alla gravità e all’oscurità al polo sud lunare. Esercitarsi per una passeggiata spaziale quasi nera come la pece immersa nella piscina, soprannominata Neutral Buoyancy Lab, è “totalmente snervante”, afferma Armstrong. Ma gli astronauti “attingono le loro esperienze e si appoggiano l’un l’altro, così come noi nel centro di controllo per costruire quella fiducia”.

Anche se cinquant’anni separano i programmi Artemis e Apollo, gli astronauti della NASA stanno rivisitando quelle prime missioni sulla luna per trovare ispirazione e approfondire l’addestramento e la pianificazione. “Abbiamo letteralmente letto le trascrizioni di ciò di cui (gli astronauti dell’Apollo 11) Buzz Aldrin e Neil Armstrong stavano parlando mentre scendevano sulla luna, sia in tempo reale che nei loro debriefing”, afferma l’astronauta della NASA Christina Koch.

Koch ha trascorso 328 giorni nello spazio a bordo della ISS, stabilendo un record per il tempo continuo più lungo nello spazio di una donna. Tra la necessità di astronauti con esperienza di volo spaziale di lunga durata e la richiesta della NASA di mandare una donna sulla luna, Koch potrebbe benissimo essere scelto per Artemis 3.

“Essere qui in un momento in cui stiamo perseguendo queste enormi domande e andando in queste nuove audaci direzioni è fantastico. Il fatto che io possa farne parte è quasi insondabilmente sorprendente”, afferma Koch. Per Koch, l’impegno della NASA per la diversità attraverso le missioni Artemis è fondamentale per il successo dell’agenzia e dell’umanità. “Dobbiamo farlo per tutti e per tutti, se non lo facciamo, non rispondiamo veramente alla chiamata dell’umanità a esplorare, ed è quello che stiamo celebrando”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Deserto di Atacama: miracoloso evento dopo ben 10 anni

Il deserto di Atacama, situato nel nord del Cile,...

Perseidi: potrai ammirarle nelle notti dell’11 e del 12 agosto 2024

Il miglior spettacolo di meteore dell'estate si verificherà durante...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories