Come mai il colibrì è un uccello così agile?

Nuovi test effettuati dagli studiosi gettano luce su alcune abilità finora sconosciute dei colibrì. Quanto sono veloci?

0
129
Come mai il colibrì è un uccello così agile?
Come mai il colibrì è un uccello così agile?

Quando si tratta di manovre aeree strabilianti, uccellini come i colibrì potrebbero mettere in difficoltà addirittura il Maverick di Top Gun. Gli scienziati hanno scoperto come queste piccole creature, originarie dell’America settentrionale, possono inserirsi in spazi più piccoli della loro apertura alare.

Gli esperti affermano che i risultati fanno luce sull’annoso enigma riguardante come i colibrì riescano a passare attraverso il fitto fogliame per raggiungere fiori ricchi di nettare  e gustosi insetti, questo nonostante non riescano a ripiegare le ali come altri uccelli.

Il dottor Marc Badger, primo autore della ricerca presso l’Università della California, ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da “The Guardian”: “Molte persone pensano che i colibrì siano molto veloci e molto manovrieri. Ma… queste incredibili abilità si trovano nello spazio aperto dove le vediamo. Sono solo la punta dell’iceberg”.

L’esperimento sui colibrì di Anna

Scrivendo sul Journal of Experimental Biology, Badger e colleghi descrivono come hanno creato un allestimento che coinvolge quattro colibrì di Anna e due fiori finti. Ogni fiore si riempiva di nettare solo quando l’uccello visitava l’altro fiore, facendo sì che gli uccelli volassero avanti e indietro tra di loro. I ricercatori hanno poi separato i fiori con una delle sette diverse partizioni caratterizzate da un’apertura circolare o ovale, la cui altezza e larghezza variavano dalla stessa dimensione dell’apertura alare degli uccelli (circa 12 cm) alla metà di quella distanza (6 cm).

I ricercatori hanno presentato ciascuna delle sette aperture a ciascun colibrì 10 volte e li hanno registrati mentre facevano due viaggi tra i fiori ogni volta, ottenendo 140 prove filmate per uccello. Queste registrazioni hanno rivelato che la postura degli uccelli mentre volavano attraverso le aperture rientrava in uno spettro compreso tra due pose molto diverse.

In un estremo, gli uccelli ripiegavano le ali contro il corpo e fermavano il battito delle ali per passare rapidamente attraverso l’apertura come un proiettile. Nell’altro hanno adottato un approccio più lento in cui hanno rotolato il corpo e girato la testa per passare lateralmente attraverso il foro continuando a sbattere le ali, con un’ala inclinata in avanti e l’altra all’indietro.



I ricercatori hanno scoperto che entrambe le tecniche venivano usate sulla maggior parte delle aperture, anche se per l’apertura circolare più piccola gli uccelli usavano quasi sempre l’approccio “a proiettile”.

Il team aggiunge che nel corso degli esperimenti, gli uccelli tendevano a utilizzare l’approccio a proiettile più spesso, indipendentemente dalle dimensioni e dalla forma dell’apertura.

Badger ha detto che è possibile che gli uccelli adottino inizialmente la strategia laterale più cauta per ridurre il rischio di sfrecciare attraverso il buco del divisorio e mettersi in pericolo, aggiungendo che quando è diventato chiaro che la configurazione fosse sicura, avrebbero potuto passare alla strategia del proiettile per ridurre il rischio di rompere le piume.

Badger ha aggiunto che la ricerca rivela come i colibrì, che possono battere le ali 40-50 volte al secondo, possono regolare la loro postura mentre si muovono per volare attraverso spazi ristretti. Badger ha riferito: “È semplicemente incredibile vedere come usano il controllo flap-by-flap sulle ali”.

Curiosità sui colibrì

I colibrì sono uccelli straordinari noti per la loro vivacità, colori sgargianti e il loro battito d’ali incredibilmente veloce. Di seguito sono fornite informazioni dettagliate su diversi aspetti dei colibrì:

Classificazione e Caratteristiche Generali:

I colibrì fanno parte della famiglia Trochilidae e sono endemici delle Americhe, dalle regioni artiche alle Ande sudamericane. Sono caratterizzati da dimensioni ridotte, con lunghezze che variano da 5 a 20 centimetri, a seconda della specie. Le piume dei colibrì spesso riflettono la luce creando colori iridescenti che sembrano cambiare con l’angolazione della luce.

Alimentazione:

I colibrì sono noti per il loro elevato metabolismo e il fabbisogno energetico elevato.
La loro dieta si basa principalmente su nettare, che ottengono succhiando dai fiori con i lunghi becchi sottili. Hanno anche bisogno di proteine e la ottengono cacciando insetti e ragni.

Anatomia e Struttura del Volo:

I colibrì hanno muscoli pettorali altamente sviluppati che costituiscono una percentuale significativa del loro peso corporeo. Il loro cuore è proporzionalmente il più grande tra tutti gli uccelli, rappresentando fino al 2,5% del peso corporeo. Possono volare in avanti, all’indietro, sospesi in aria e persino a testa in giù grazie alle ali che si muovono in un ampio raggio.

Riproduzione:

La riproduzione dei colibrì coinvolge spesso elaborate danze aeree dei maschi per attirare le femmine. I nidi vengono costruiti con ragnatele, muschio e materiale vegetale e sono spesso situati su rami sottili. Le femmine depongono da uno a tre piccoli, a seconda della specie, e sono responsabili della cura dei nidiacei.

Migrazioni:

Alcune specie di colibrì sono note per le loro lunghe migrazioni. Ad esempio, il colibrì golarubino (Archilochus colubris) migra dalla parte settentrionale degli Stati Uniti e del Canada fino alle regioni centrali del Messico.

Conservazione:

Molti colibrì sono minacciati dalla perdita di habitat, dall’inquinamento e dai cambiamenti climatici. La conservazione delle aree naturali e la promozione di giardini con fiori adatti possono contribuire a preservare le popolazioni di colibrì.

2