15.7 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaSapremo mai esattamente come è nato l'universo?

Sapremo mai esattamente come è nato l’universo?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

I fisici non sono ancora in grado di fare luce sul mistero di ciò che è accaduto nei momenti in cui un piccolo seme si è gonfiato per diventare l’universo che conosciamo. Uno scienziato pensa di sapere perché non si riescono a trovare una descrizione fisica di questo fenomeno chiamato inflazione: l’universo non ce lo permette. 

Nello specifico, lo scienziato descrive una nuova congettura che afferma, per quanto riguarda l’universo giovane, “l’osservatore dovrebbe essere protetto dall’osservare direttamente le strutture più piccole nel cosmo“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In altre parole, per definizione i fisici potrebbero non essere mai in grado di costruire un modello di inflazione usando i soliti strumenti e dovranno trovare un modo migliore. 

Ma perchè no? Questa nuova congettura, che è un’opinione o un pensiero basato su informazioni incomplete, punta il dito contro una caratteristica particolare dei modelli di inflazione. Questi modelli assorbono fluttuazioni molto, molto piccole nello spaziotempo e le ingrandiscono. Ma non abbiamo una teoria fisica completa di quelle piccole fluttuazioni, e quindi i modelli di inflazione che hanno quella caratteristica (cioè quasi tutte) non funzioneranno mai.

La teoria delle stringhe potrebbe essere la chiave per chiarire i segreti dell’inflazione.

Inflazione dell’universo

Le osservazioni della struttura su larga scala dell’universo e la luce residua del Big Bang hanno rivelato che all’inizio dell’universo, il nostro cosmo probabilmente ha vissuto un periodo di espansione incredibilmente rapida. Questo evento straordinario, noto come inflazione, ha portato l’universo a diventare trilioni su trilioni di volte più grande nella più piccola frazione di secondo.

Nel processo di diventare enorme, l’inflazione ha anche reso il nostro cosmo un po’ irregolare. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Man mano che l’inflazione si dispiegava, le più piccole fluttuazioni quantistiche casuali – fluttuazioni costruite nel tessuto stesso dello spazio-tempo – sono diventate molto, molto più grandi, il che significa che alcune regioni erano più dense di materia di altre. 

Alla fine, quelle differenze sub-microscopiche crebbero fino a diventare macroscopiche … e anche più grandi, in alcuni casi estendendosi da un’estremità all’altra dell’universo. Milioni e miliardi di anni dopo, quelle minuscole differenze di densità crebbero fino a diventare i semi di stelle, galassie e delle più grandi strutture del cosmo.

Gli astronomi sospettano fortemente che qualcosa di simile a questa storia dell’inflazione sia accaduta nei primi momenti dell’universo, a meno di un secondo dalla nascita; anche così, non sanno cosa ha innescato l’inflazione, cosa l’ha alimentata, quanto è durata o cosa l’ha spenta. In altre parole, ai fisici manca una descrizione fisica completa di questo evento epocale.

Al mix di misteri va aggiunto che nella maggior parte dei modelli di inflazione, le fluttuazioni a scale estremamente minuscole vengono gonfiate per diventare differenze macroscopiche. Quanto piccole? Più piccole della lunghezza di Planck, circa 1,6 x 10 ^ meno 35 metri (il numero 16 preceduto da 34 zeri e un punto decimale). Questa è la scala in cui la forza di gravità rivaleggia con quella delle altre forze fondamentali della natura. A quella scala, abbiamo bisogno di una teoria fisica unificata per descrivere la realtà.

Il problema è che non abbiamo una tale teoria.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La maggior parte (se non tutti) i modelli di inflazione richiedono che l’universo cresca così tanto che le differenze sub-planckiane diventino macroscopiche. Ma non capiamo la fisica sub-planckiana. Quindi come potremmo costruire un modello teorico di inflazione se non comprendiamo la fisica sottostante?

Oltre la scala di Planck

Forse la risposta è: non possiamo. Non potremo mai. Questo concetto è chiamato Congettura della censura trans-Planckiana, o TCC (in questo nome, “trans-Planckiano” significa qualsiasi cosa che raggiunga la lunghezza di Planck).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Robert Brandenberger, un cosmologo teorico svizzero-canadese e professore alla McGill University di Montreal, in Canada, ha recentemente scritto una recensione del TCC

Secondo Brandenberger, “Il TCC è un nuovo principio che limita le cosmologie vitali“. A suo avviso, il TCC implica che qualsiasi osservatore nel nostro mondo su larga scala non potrà mai “vedere” ciò che accade alla piccola scala trans-planckiana. 

Anche se avessimo una teoria della gravità quantistica, il TCC afferma che qualsiasi cosa che vive nel regime sub-planckiano non “passerà mai” nel mondo macroscopico. Quanto a cosa potrebbe significare il TCC per i modelli di inflazione, purtroppo non è una buona notizia. 

La maggior parte delle teorie sull’inflazione si basa su una tecnica nota come “teoria del campo efficace“. Dal momento che non abbiamo una teoria che unisca la fisica ad alta energia e piccola scala (ovvero condizioni come l’inflazione), i fisici cercano di costruire versioni a bassa energia per fare progressi. 

Ma sotto il TCC, quel tipo di strategia non funziona, perché quando la usiamo per costruire modelli di inflazione, il processo di inflazione avviene così rapidamente che “espone” il regime sub-planckiano all’osservazione macroscopica, come ha spiegato Brandenberger.

Alla luce di questo problema, alcuni fisici si chiedono se dovremmo adottare un approccio completamente diverso all’universo primordiale.

Fuori dalla palude

La cosmologia dei gas di stringa è un possibile approccio alla modellazione dell’universo primordiale in base alla teoria delle stringhe, che è essa stessa un candidato promettente per una teoria unificata della fisica che porti la fisica classica e quantistica sotto lo stesso tetto. 

Nel modello dei gas di stringa, l’universo non subisce mai un periodo di rapida inflazione. Invece, il periodo di inflazione è molto più dolce e lento e le fluttuazioni al di sotto della lunghezza di Planck non vengono mai “esposte” all’universo macroscopico. 

La fisica al di sotto della scala di Planck non cresce mai fino a diventare osservabile, quindi il TCC è soddisfatto. Tuttavia, i modelli di gas di stringa non hanno ancora dettagli sufficienti per testare le prove osservabili dell’inflazione nell’universo.

Il TCC è correlato a un altro punto critico tra l’inflazione e le teorie della fisica unificata come la teoria delle stringhe. 

La teoria delle stringhe prevede un numero enorme di universi potenziali, di cui il nostro particolare cosmo (con il suo insieme di forze e particelle e il resto della fisica) ne rappresenta solo uno. 

Sembra che la maggior parte (se non tutti) i modelli di inflazione siano incompatibili con la teoria delle stringhe a livello di base. Al contrario, appartengono a quella che i teorici delle stringhe chiamano la “palude“, la regione di possibili universi che semplicemente non sono fisicamente realistici.

Il TCC potrebbe essere un’espressione del rifiuto dell’inflazione nelle paludi.

Potrebbe essere ancora possibile costruire un modello tradizionale di inflazione che soddisfi il TCC (che viva al di fuori delle paludi della teoria delle stringhe); ma se il TCC è vero, questo limita fortemente i tipi di modelli che i fisici possono costruire. 

Se l’inflazione riesce a procedere per un periodo di tempo abbastanza breve (immagina di far gonfiare un palloncino lentamente e fermarsi prima che scoppi), mentre continua a piantare i semi che un giorno cresceranno fino a diventare strutture massicce, la teoria dell’inflazione potrebbe funzionare.

In questo momento, il TCC non è stato dimostrato – è solo una congettura. Si allinea con altre linee di pensiero della teoria delle stringhe, ma anche la teoria delle stringhe non è provata (in effetti, la teoria non è completa e non è nemmeno in grado di fare previsioni). 

Tuttavia, idee come questa sono utili, perché i fisici fondamentalmente non capiscono l’inflazione e tutto ciò che può aiutare ad affinare quel pensiero è il benvenuto.

Pubblicato originariamente su WordsSideKick.com.

Articoli più letti