Solo il 3 per cento degli habitat della Terra è ancora ecologicamente intatto

La maggior parte degli habitat di terraferma della Terra hanno perso la loro integrità ecologica, comprese aree precedentemente classificate come intatte, secondo quanto mostra uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Forests and Global Change.

Lo studio ha analizzato tre fattori per valutare l’integrità degli ecosistemi terrestri. La misura in cui le persone hanno apportato modifiche al paesaggio, il numero di specie animali perse da un habitat e il numero di individui di una specie chiave – una specie necessaria in un ecosistema funzionante – ancora presenti. Le indagini precedenti hanno spesso trascurato gli ultimi due fattori.

Sappiamo che ci sono sempre meno habitat intatti e abbiamo analizzato i valori degli habitat sia per la biodiversità che per le persone“, ha detto in un comunicato stampa l’autore principale dello studio Andrew Plumptre, esperto di biodiversità presso il Conservation Research Institute dell’Università di Cambridge. 

Ma questo studio ha scoperto che gran parte di ciò che consideriamo habitat intatto manca di specie che sono state cacciate dalla presenza umana o perse a causa di specie invasive o malattie“.

Gli sforzi precedenti per quantificare e mappare l’integrità degli ecosistema si erano concentrati esclusivamente sull’influenza delle attività umane – inclusa l’incursione di insediamenti umani, strade e inquinamento luminoso e acustico – sugli ecosistemi di tutto il mondo. 

Habitat intatti, siamo ancora in tempo a fare molto

Le stime suggeriscono che tra il 20 e il 40 percento dell’habitat terrestre è libero dall’influenza umana diretta. Ma l’umanità ha un impatto su aree molto più grandi con l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, l’introduzione di specie aliene e il cambiamento del clima.

Plumptre ed i suoi colleghi hanno combinato i dati sull’impatto umano e la perdita di specie animali da vari database globali per mappare l’integrità ecologica di diverse regioni. Hanno confrontato gli attuali livelli di diversità vegetale e animale in un habitat intatto con i dati storici sulla biodiversità.

Troviamo che solo circa il 2-3% della terra della Terra è dove si potrebbe essere considerati come se avessi la stessa fauna e flora che avevi 500 anni fa, in epoca preindustriale, prima che si verificassero i maggiori impatti umani“, conclude Plumptre .

Le aree identificate come funzionalmente intatte includevano la Siberia orientale e il Canada settentrionale per i biomi boreali e della tundra, parti delle foreste tropicali del bacino dell’Amazzonia e del Congo e il deserto del Sahara. Dal 2 al 3% dei siti ecologicamente intatti, solo l’11% si trova all’interno di aree protette dal punto di vista ambientale. 

Tuttavia, molti altri siti intatti, comprese parti del Sahara, dell’Amazzonia e del Canada settentrionale, si trovano all’interno di territori gestiti da comunità indigene, che hanno svolto un ruolo nel mantenimento della loro integrità ecologica.

Lo studio mostra anche che gli ecosistemi terrestri della Terra potrebbero essere ripristinati, poiché l’habitat è ancora intatto, ma mancano le specie chiave o la biodiversità è notevolmente ridotta. La frammentazione dell’ecosistema è un altro problema. Molti piccoli habitat sono ancora intatti, ma poiché mancano di connessioni, non possono supportare tante specie quante ne potrebbe fare un singolo habitat delle stesse dimensioni.

I risultati mostrano che potrebbe essere possibile aumentare l’area ecologicamente intatta fino al 20% attraverso le reintroduzioni mirate di specie che sono state perse in aree in cui l’impatto umano è ancora basso, a condizione che le minacce alla loro sopravvivenza possano essere affrontate eche vengano ricostituiti numeri a un livello in cui possono svolgere il loro ruolo funzionale“.

La conservazione degli ecosistemi intatti è fondamentale per il mantenimento della biodiversità sulla Terra e, a sua volta, per i servizi che questi ecosistemi forniscono agli esseri umani“, afferma il coautore Kimberly Komatsu.

Nel nuovo documentario “The Year Earth Changed“, il naturalista britannico Sir David Attenborough ha esortato le persone a ricordare il loro impatto sul mondo naturale e come l’attuale crisi possa essere un’opportunità per un futuro migliore.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Articoli correlati

Popular Categories