La CO2 atmosferica ha raggiunto il picco più alto in 4 milioni di anni

Le misurazioni recentemente rilasciate dei livelli di anidride carbonica atmosferica (CO2) mostrano che le concentrazioni della sostanza chimica che intrappola il calore sono aumentate a livelli record mai visti dagli scienziati nell'era moderna

0
1124
Indice

Le misurazioni recentemente rilasciate dei livelli di anidride carbonica atmosferica (CO2) mostrano che le concentrazioni della sostanza chimica che intrappola il calore sono aumentate a livelli record mai visti dagli scienziati nell’era moderna.

Il mese di maggio ha visto i livelli più alti di CO2 finora nel 2021, con una concentrazione media di 419,13 parti per milione (ppm), hanno annunciato lunedì i ricercatori della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).

Stiamo aggiungendo all’atmosfera circa 40 miliardi di tonnellate di inquinamento da CO2 all’anno“, afferma il climatologo Pieter Tans del Global Monitoring Laboratory della NOAA.

Se vogliamo evitare il catastrofico cambiamento climatico, la massima priorità deve essere ridurre a zero l’inquinamento da CO2 il prima possibile“.

010 terra 5 6(Istituto di Oceanografia di Scripps) – La curva di Keeling, misurazioni delle concentrazioni di CO2 dal 1958 ad oggi.



Il nuovo picco di 419,13 ppm, affermano gli scienziati, è la media mensile più alta da quando sono iniziate misurazioni atmosferiche accurate oltre 60 anni fa.

Ma la vera scala di questo risultato non può essere misurata in decenni, dal momento che bisogna andare molto, molto più indietro nel tempo per trovare l’atmosfera terrestre sovraccarica di CO2 come lo è ora.

Quanto indietro? Bene, più o meno fino al Pliocene, in particolare da 4,1 a 4,5 milioni di anni fa, sostiene il NOAA, che è stata l’ultima volta che il carico atmosferico di anidride carbonica è stato paragonabile ai cieli inquinati di oggi.

Lo sappiamo perché i ricercatori hanno ricostruito le passate concentrazioni atmosferiche di CO2  utilizzando metodi proxy complessi, come le composizioni di isotopi di carbonio trovate nei sedimenti marini di vari punti oceanici in tutto il mondo.

Gli alti livelli di CO2  atmosferica durante il Pliocene superiore comportarono un mondo molto diverso rispetto ad oggi, con circa 2-3 gradi Celsius più caldo rispetto al periodo pre-industriale.

In effetti, le regioni polari della Terra erano così calde da essere ricoperte di foreste e il ghiaccio che si sarebbe formato in seguito in Antartide e nell’Artico era ancora acqua liquida, che alzava gli oceani fino a un livello del mare di oltre 20 metri più alto di oggi.

Potremmo essere solo a centinaia di anni di distanza da un ritorno a quelle condizioni, temono gli scienziati, una volta che i livelli di CO2 avranno abbastanza tempo per riscaldare di nuovo il pianeta.

Anche prima di arrivarci, il previsto innalzamento del livello del mare entro la fine di questo secolo da solo potrebbe minacciare lo stile di vita di centinaia di milioni di persone – e per molti che vivranno in luoghi sicuri dall’acqua, il rischio del caldo sarà altissimo.

Sarebbe bello quindi se il NOAA avesse in qualche modo sbagliato, nel qual caso non dovremmo preoccuparci così tanto della loro lettura di 419,13 ppm per maggio e di ciò che prefigura. Ma altri scienziati stanno vedendo la stessa cosa.

Le misurazioni separate condotte dalla Scripps Institution of Oceanography confermano ampiamente i numeri della NOAA, anche se con una differenza molto marginale, con il team di Scripps che calcola una media di 418,92 ppm per maggio (rispetto alle 417 ppm dell’anno precedente).

In almeno un paio di giorni del 2021, infatti, i ricercatori di Scripps hanno osservato livelli giornalieri superiori a 420 ppm, registrando un altro disastroso primato nella storia umana.

In ogni caso, i nuovi risultati si inseriscono in un contesto familiare e consolidato. Sono soltanto l’ultima prova della traiettoria inalterata dei livelli di CO2, una storia che i ricercatori ci stanno ripetendo anno dopo anno, ancora e ancora.

È preoccupante ma c’è ancora speranza.

La soluzione è davanti ai nostri occhi“, afferma Tans.

L’energia solare e l’eolico sono già più economiche dei combustibili fossili e funzionano alla scala necessaria. Se agiamo presto, potremmo ancora essere in grado di evitare un catastrofico cambiamento climatico“.

Ciò che è chiaro è che nonostante i blocchi delle attività economiche dovuti alla pandemia – e i temporanei cali dell’inquinamento che hanno provocato – questo tipo di riduzione delle emissioni non è sufficiente per vedere ancora un effetto significativo sulle concentrazioni atmosferiche complessive di CO2 , specialmente sullo sfondo delle naturali fluttuazioni delle emissioni di carbonio.

Forse un calo del 30% delle emissioni umane, della durata di almeno sei mesi, potrebbe mostrare un effetto osservabile, pensano gli scienziati. Ma non l’abbiamo capito dalla pandemia, durante la quale le emissioni sono diminuite di circa il 6%.

E ogni altro segnale dice che stiamo correndo nella direzione sbagliata, comunque.

L’ultimo decennio ha visto la crescita più rapida di [CO2] di qualsiasi decennio nella storia umana“, ha detto al New York Times il geochimico di Scripps Ralph Keeling.

Il problema non è solo che i livelli sono alti, è che stanno ancora salendo velocemente“.

2