Campi Flegrei: antiche rovine dove i romani erano soliti fare festa

I pesci sfrecciano sui pavimenti a mosaico e nelle ville in rovina, dove un tempo i romani in vacanza bevevano, tramavano e flirtavano nella festa cittadina di Baia, ora parco archeologico sottomarino vicino a Napoli

1051

I pesci sfrecciano sui pavimenti a mosaico e nelle ville in rovina, dove un tempo i romani in vacanza bevevano, tramavano e flirtavano nella festa cittadina di Baia, ora parco archeologico sottomarino vicino a Napoli.

Terme romane di Baia
Terme romane di Baia

Sette imperatori romani avevano ville lussuose qui

Le statue che un tempo decoravano le lussuose dimore di questo resort sulla spiaggia sono ora campi da gioco per i granchi al largo delle coste italiane, dove i sub possono esplorare le rovine di palazzi e bagni a cupola costruiti per gli imperatori romani.

La nobiltà di Roma fu attratta per la prima volta nel II secolo a.C. dalle sorgenti termali di Baia, che si trova sulla costa all’interno dei Campi Flegrei.

Sette imperatori romani, tra cui Augusto e Nerone, avevano qui ville, così come Giulio Cesare e Marco Antonio. Il poeta Sesto Properzio descrisse la città come un luogo di vizi, che era “nemico delle creature virtuose”.

Era dove “i vecchi si comportano come ragazzini, e molti ragazzi si comportano come ragazze”, secondo lo studioso romano Varrone.

Ma dal IV secolo, i portici, le colonne di marmo, i santuari e le peschiere ornamentali avevano cominciato a sprofondare a causa del bradisismo, il graduale innalzamento e caduta del terreno dovuto all’attività idrotermale e sismica.

L’intera area, compresa la vicina capitale commerciale di Pozzuoli e sede militare di Miseno, fu sommersa. Le loro rovine ora giacciono tra i quattro ei sei metri (da 15 a 20 piedi) sott’acqua.

Parco archeologico Campi Flegrei
Parco archeologico Campi Flegrei

Qualcosa di unico

“E’ difficile, soprattutto per chi viene per la prima volta, immaginare di poter trovare cose che non potresti mai vedere in nessun’altra parte del mondo in pochi metri d’acqua”, ha dichiarato Marcello Bertolaso, responsabile dei Campi Flegrei diving center, che porta i turisti in giro per il sito.

“I subacquei amano vedere cose molto speciali, ma quello che si può vedere nel parco di Baia è qualcosa di unico”.

Il sito sottomarino di 177 ettari (437 acri) è un’area marina protetta dal 2002, dopo decenni in cui sono stati trovati oggetti d’antiquariato nelle reti dei pescatori e i saccheggiatori hanno avuto campo libero.

Uno splendido pavimento a mosaico
Uno splendido pavimento a mosaico

I subacquei devono essere accompagnati da una guida registrata

Un’attenta distesa di sabbia vicino a un muretto scopre uno splendido pavimento a mosaico di una villa appartenuta a Gaio Calpurnio Pisoni, noto per aver trascorso i suoi giorni qui a cospirare contro l’imperatore Nerone.

Gli esploratori seguono le antiche pietre della strada costiera tra rovine di centri termali e negozi, la luce del sole in una giornata limpida perfora le onde per illuminare le statue. Le statue esposte sono repliche; gli originali sono ora in un museo.

“Quando ricerchiamo nuove aree, rimuoviamo delicatamente la sabbia dove sappiamo che potrebbe esserci un pavimento, la documentiamo e poi la copriamo di nuovo”, ha affermato l’archeologo Enrico Gallocchio ad AFPTV.

“Se non lo facciamo, la fauna o la flora marina attaccheranno le rovine. La sabbia le protegge”, ha detto Gallocchio, responsabile del parco di Baia.

“Le grandi rovine sono state facilmente scoperte spostando un po’ di sabbia, ma ci sono aree in cui i banchi di sabbia potrebbero essere profondi diversi metri. Ci sono senza dubbio ancora antiche reliquie da trovare, ha affermato.