Biancheria intima: insostituibile da oltre 40000 anni

L’umanità ha sempre cercato modi per adattarsi e sopravvivere alle sfide ambientali, e uno degli aspetti più affascinanti di questa evoluzione è l’invenzione dell’abbigliamento, che non solo ha fornito protezione dagli elementi, ma ha anche giocato un ruolo cruciale nello sviluppo culturale e sociale.

Recenti scoperte, con relativo studio pubblicato su Science Advances, suggeriscono che i nostri antenati del Paleolitico potrebbero aver inventato la biancheria intima circa 40.000 anni fa.

A Chronology of the Stone Age

Il tutto nasce dalla necessità di protezione e comfort, durante il Paleolitico infatti, gli esseri umani vivevano in ambienti estremamente variabili e spesso ostili, con le temperature che potevano scendere drasticamente, e la necessità di mantenere il calore corporeo era vitale per la sopravvivenza.  L’abbigliamento, inizialmente semplice e rudimentale, si è evoluto per soddisfare queste esigenze, con la biancheria intima che, in particolare, avrebbe offerto un ulteriore strato di protezione e comfort, riducendo l’attrito e mantenendo il calore nelle aree più sensibili del corpo.

Una delle innovazioni chiave che ha permesso la creazione di abbigliamento più complesso è stata l’invenzione dell’ago con occhiello, questo strumento, che risale a circa 40.000 anni fa, ha rivoluzionato il modo in cui gli esseri umani potevano lavorare i materiali tessili, questi strumenti permettevano cuciture più precise e resistenti, rendendo possibile la creazione di capi di abbigliamento più aderenti e funzionali.

L’abbigliamento non era solo una questione di sopravvivenza, con il tempo, ha assunto significati culturali e sociali più profondi, con la stessa biancheria intima che, ad esempio, potrebbe aver avuto un ruolo nella definizione delle identità di genere e nello sviluppo delle norme sociali. Inoltre, la capacità di creare abiti più complessi e decorati ha permesso agli individui di esprimere la propria creatività e status all’interno della comunità.

L’importanza della biancheria intima nel corso della storia

L’invenzione della biancheria intima rappresenta un passo significativo nell’evoluzione umana, non solo per le sue implicazioni pratiche, ma anche per il suo impatto culturale e sociale, ecco perché bisogna esplorare più a fondo le tecnologie, le scoperte archeologiche e le teorie che supportano questa affascinante ipotesi.

Le prove dell’uso della biancheria intima nel Paleolitico sono principalmente indirette, basate su strumenti e resti materiali trovati nei siti archeologici. Gli aghi con occhiello, come menzionato in precedenza, sono tra le scoperte più significative, questi aghi, realizzati in osso o avorio, sono stati trovati in vari siti in Europa e Asia, datati a circa 40.000 anni fa, pertanto la loro presenza suggerisce che i nostri antenati avevano sviluppato tecniche avanzate di cucito, necessarie per creare abiti più complessi e aderenti.

sciadv.adp2887 f1

Gli aghi con occhiello rappresentano un salto tecnologico significativo, prima della loro invenzione, gli esseri umani utilizzavano strumenti più rudimentali, come punteruoli senza occhiello, per perforare e legare insieme i materiali, indi per cui l’introduzione dell’occhiello ha permesso di infilare un filo attraverso l’ago, facilitando cuciture più precise e resistenti.

Questo ha aperto la strada alla creazione di abiti più complessi, inclusa la biancheria intima, che richiedeva cuciture accurate per garantire comfort e funzionalità. I materiali utilizzati per la biancheria intima nel Paleolitico erano probabilmente pelli di animali e fibre vegetali, ma perché questa scelta?

Le pelli di animali, trattate e ammorbidite, offrivano un’ottima protezione contro il freddo e l’umidità, mentre invece le fibre vegetali, intrecciate o filate, potevano essere utilizzate per creare tessuti più leggeri e traspiranti, di certo la combinazione di questi materiali permetteva di creare capi di abbigliamento adatti a diverse condizioni climatiche e attività quotidiane.

Scoperte nei siti archeologici

Numerosi siti archeologici hanno fornito indizi sull’uso della biancheria intima nel Paleolitico, per citarne qualcuno, nel sito di Dolní Věstonice, nella Repubblica Ceca, sono stati trovati resti di aghi con occhiello e frammenti di tessuti, suggerendo che gli abitanti di quel periodo avevano sviluppato tecniche avanzate di lavorazione dei materiali, altri siti, come quelli in Siberia e Mongolia, hanno rivelato la presenza di strumenti simili, indicando una diffusione geografica di queste tecnologie.

Le scoperte archeologiche non solo ci forniscono informazioni sulle tecnologie utilizzate dai nostri antenati, ma ci aiutano anche a comprendere meglio la loro cultura e il loro modo di vivere, l’uso della biancheria intima, ad esempio, suggerisce una maggiore attenzione al comfort personale e alla cura del corpo.

sciadv.adp2887 f5

Oltre a quanto precedentemente detto, la capacità di creare abiti complessi indica un livello avanzato di organizzazione sociale e cooperazione, poiché la produzione di tessuti richiedeva competenze specializzate e collaborazione tra i membri della comunità

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Kew Gardens: il 50% delle specie al suo interno sono a rischio

La crisi climatica è una minaccia in continua evoluzione...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Articoli correlati

Popular Categories