I turisti diffondono batteri e virus congelati sul monte Everest

Secondo una recente ricerca, i vari scalatori che si avventurano sul monte Everest lascerebbero dietro di loro batteri e virus congelati…

Facciamo il punto della situazione e iniziamo col dire che a quasi 5 miglia sul livello del mare nelle montagne himalayane, la depressione rocciosa tra il Monte Everest e la sua cima gemella, il Lhotse, giace battuta dal vento, priva di neve. È qui al Colle Sud che ogni anno centinaia di avventurieri piantano il loro accampamento finale prima di tentare di scalare la vetta più alta del mondo dal versante sud-orientale. 

L’ “eredità congelata” degli scalatori

Secondo la nuova ricerca condotta dalla University of Colorado at Boulder, gli scalatori stanno lasciando dietro di sé un’eredità congelata di batteri resistenti, che possono resistere alle condizioni difficili dell’alta quota e rimanere dormienti nel terreno per decenni o addirittura secoli.

La ricerca non solo mette in luce un impatto invisibile del turismo sulla montagna più alta del mondo, ma potrebbe anche portare a una migliore comprensione dei limiti ambientali riguardo alla vita sulla Terra, nonché dove la vita può esistere su altri pianeti o lune fredde. I risultati sono stati pubblicati il ​​mese scorso su Arctic, Antarctic, and Alpine Research

Una “firma umana” sul monte Everest

Steve Schmidt, autore senior dell’articolo e professore di ecologia e biologia evolutiva, ha dichiarato: “C’è una firma umana congelata nel microbioma dell’Everest, anche a quell’altitudine”.

Nei decenni passati, gli scienziati non sono stati in grado di identificare in modo definitivo i microbi associati all’uomo in campioni raccolti sopra i 26.000 piedi. Questo studio segna la prima volta che la tecnologia di sequenziamento genico di nuova generazione è stata utilizzata per analizzare il suolo da un’altitudine così elevata sul Monte Everest, consentendo ai ricercatori di ottenere nuove preziosi informazioni sull’Everest e su ciò che il monte ospita. 

I ricercatori non sono sorpresi della scoperta

I ricercatori non sono stati sorpresi di trovare microrganismi lasciati dagli esseri umani. Batteri e virus sono ovunque, anche nell’aria, e possono facilmente spostarsi e atterrare a una certa distanza dai campi o dai sentieri vicini. Schmidt ha chiarito: “Se qualcuno si è anche soffiato il naso o ha tossito, questo è il tipo di cosa che potrebbe presentarsi”.

Ciò che li ha colpiti, tuttavia, è che alcuni microbi che si sono evoluti per prosperare in ambienti caldi e umidi come il nostro naso e la nostra bocca si sono dimostrati abbastanza resistenti da sopravvivere in uno stato dormiente in condizioni così difficili.

Che cos’è la criobisfera?

Questo team di ricercatori della CU Boulder, di cui fanno parte esperti quali Schmidt, Nicholas Dragone e Adam Solon, studia la criobiosfera: le regioni fredde della Terra e i limiti della vita in loro. Gli studiosi hanno campionato suoli ovunque dall’Antartide e dalle Ande all’Himalaya e al Polo Nord. Di solito, i microbi associati all’uomo non si presentano in questi luoghi nella misura in cui sono apparsi nei recenti campioni dell’Everest.

Il lavoro di Schmidt nel corso degli anni lo ha messo in contatto con i ricercatori diretti al Colle Sud dell’Everest nel maggio del 2019 per allestire la stazione meteorologica più alta del pianeta, istituita dal National Geographic e dalla Rolex Perpetual Planet Everest Expedition. Ha chiesto ai suoi colleghi di raccogliere alcuni campioni di terreno di quel luogo.

Di conseguenza Baker Perry, coautore, professore di geografia all’Appalachian State University e National Geographic Explorer, si è allontanato il più possibile dal campo del Colle Sud per raccogliere alcuni campioni di terreno da rispedire a Schmidt.

Cosa è stato scoperto?

Dragone e Solon hanno quindi analizzato il suolo in diversi laboratori della CU Boulder. Utilizzando la tecnologia di sequenziamento genico di nuova generazione e tecniche di coltura più tradizionali, sono stati in grado di identificare il DNA di quasi tutti i microbi vivi o morti nel suolo. Hanno quindi effettuato ampie analisi bioinformatiche delle sequenze di DNA per determinare la diversità degli organismi, piuttosto che la loro abbondanza.

La maggior parte delle sequenze di DNA microbico che hanno trovato erano simili a organismi resistenti o “estremofili” precedentemente rilevati in altri siti ad alta quota nelle Ande e in Antartide. L’organismo più abbondante che hanno trovato utilizzando sia metodi vecchi che nuovi era un fungo del genere Naganishia che può resistere a livelli estremi di radiazioni fredde e UV.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Articoli correlati

Popular Categories