Come dormiranno gli astronauti durante le missioni su Marte?

Dormire sarà una delle imprese più ardue per gli astronauti occupati nelle missioni su Marte. Come risolvere questo problema?

0
409
Come dormiranno gli astronauti durante le missioni su Marte?
Come dormiranno gli astronauti durante le missioni su Marte?

Gli astronauti sono abituati a dormire nello spazio, oramai da parecchio tempo. La loro esperienza favorirà anche il giusto riposo quando saranno impegnati nelle missioni future su Marte. Gli astronauti hanno trascorrerso mesi all’interno della Stazione spaziale internazionale e questo va avanti da oramai 23 anni.

Anche loro, come tante altre persone sulla Terra, lottano dunque contro problemi come insonnia e affini. Alcuni problemi sono molto simili a quelli dei turnisti o di persone con orari anormali, ma ci sono anche alcune questioni proprie dell’ambiente spaziale. Ad esempio, le persone sulla Terra non hanno il problema di fluttuare lontano dal proprio letto, come parecchi astronauti.

Non c’è nulla di cui preoccuparsi: gli astronauti utilizzano speciali ritenute che impediscono loro di fluttuare attraverso la stazione spaziale mentre stanno dormendo. Due delle maggiori sfide per gli astronauti stanno nell’ambiente in cui dormono e il cercare di instaurare un ciclo naturale di sonno.

Missioni su Marte, gli alloggi degli astronauti 

Gli astronauti hanno alloggi dell’equipaggio bui, silenziosi e privati ​​sulla stazione spaziale che favoriscono un buon sonno, ma non sarà sempre così in altre missioni spaziali, ha affermato la dott.ssa Erin Flynn-Evans, direttrice del Fatigue Countermeasures Laboratory presso l’Ames Research della NASA Centro di Mountain View, California. Come i loro storici predecessori Apollo, le capsule Orion che verranno utilizzate durante le future missioni Artemis sulla luna sono piccoli veicoli con spazio limitato per gli equipaggi e sacchi a pelo per i periodi di riposo.

Flynn-Evans: “Come un campeggio”

Flynn-Evans ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate dalla CNN: “Penso che sia come un campeggio. Se è per un paio di giorni, probabilmente non è un grosso problema. Ma più a lungo sei a stretto contatto con qualcuno, più dirompente può essere”. Mentre la stazione spaziale offre viste incredibili della Terra, le 16 albe a cui assiste un astronauta al giorno possono devastare il ritmo circadiano, l’orologio naturale del corpo per dormire e svegliarsi.



Le interruzioni del ritmo circadiano 

Sulla Terra, si verificano interruzioni del ritmo circadiano per le persone che lavorano turni notturni o sperimentano il jet lag mentre viaggiano attraverso i fusi orari. “La luce è ciò che ripristina il nostro ritmo circadiano e ci mantiene organizzati in quel ciclo giorno-notte, ma nello spazio abbiamo diverse sfide”, ha detto Flynn-Evans.

La stazione spaziale orbita attorno alla Terra ogni 90 minuti, creando cicli alternati di oscurità e luce. Piuttosto che costringere gli astronauti ad adattarsi a un ciclo così strano, gli esperti della NASA hanno aggiunto un’illuminazione all’interno della stazione spaziale che imita ciò che le persone sperimentano durante una normale giornata sulla Terra.

“Dobbiamo cercare di bloccare la luce dalle finestre durante la notte”, ha detto, “e dobbiamo davvero cercare di massimizzare la luce attraverso le finestre o con l’illuminazione interna per assicurarci che l’equipaggio riceva quello stimolo di sincronizzazione in modo che sono in grado di rimanere svegli e addormentati al momento giusto”.

Il jet lag inizia prima che gli astronauti arrivino alla stazione spaziale e i loro programmi di sonno vengono spostati per giorni prima del decollo in base all’ora del giorno e al fuso orario da cui partiranno. Una volta raggiunta la stazione spaziale, ogni astronauta viene spostato al Greenwich Mean Time, “una bella via di mezzo tra tutti i paesi che partecipano”, ha detto Flynn-Evans.

Come superare le sfide del sonno nello spazio?

Al Fatigue Countermeasures Laboratory, Flynn-Evans e i suoi colleghi sviluppano strumenti per aiutare gli astronauti a superare le sfide del sonno. Alcune delle strategie prevedono la gestione di quando gli astronauti sono esposti alla luce blu, la lunghezza d’onda di sincronizzazione primaria per il sistema circadiano, e quando ridurre la luce blu per aiutarli a dormire. 

Gli astronauti hanno programmi irreggimentati, ma l’arrivo di missioni di rifornimento o nuovi equipaggi a volte li interrompono. Flynn-Evans e altri ricercatori sviluppano approcci per spostare il sonno in modo sicuro per gli astronauti, come determinare quando fare un pisolino o rimanere alzati più tardi per adattarsi ai cambiamenti di programma.

2