I computer quantistici potrebbero essere una “superstrada” per sperimentare i nostri altri sé nel metaverso

Il fisico David Deutsch, spesso definito "il padre dell'informatica quantistica", crede che un giorno saremo in grado di caricare noi stessi in computer quantistici, che ci permetterebbero di vedere cosa stanno facendo le altre versioni di noi stessi nel metaverso

0
1200
I computer quantistici potrebbero essere una "superstrada" per sperimentare i nostri altri sé nel metaverso
I computer quantistici potrebbero essere una "superstrada" per sperimentare i nostri altri sé nel metaverso

Il comico John Mulaney una volta disse: “Non so a cosa serva il mio corpo se non portare la mia testa da una stanza all’altra“. Non è solo. Molte persone identificano il loro sé essenziale, la loro coscienza , con i pensieri nella loro testa; “Penso quindi sono“. Spettacoli come Upload e film come Transcendence giocano con l’idea di raggiungere l’immortalità caricando la propria coscienza su un computer.

In realtà, questo fa parte di un intero movimento chiamato “Transumanesimo“.

Ma il fisico David Deutsch, spesso definito “il padre dell’informatica quantistica”, vuole fare un ulteriore passo avanti. Crede che un giorno saremo in grado di caricare noi stessi in computer quantistici, che ci permetterebbero di vedere cosa stanno facendo le altre versioni di noi stessi in altri universi.

Oggi i computer quantistici non sono ancora abbastanza efficienti per questo. E nessuno sa cosa sia veramente la coscienza. Ma con il progresso dei computer quantistici e della biologia quantistica, un giorno potrebbe essere possibile.

Un computer che crede di essere te

Nella serie di Amazon, Upload, i cervelli delle persone vengono scansionati e caricati in un corpo avatar in uno dei tanti mondi del metaverso: esistono eleganti e resort per i ricchi e magri alloggi post-morte accolgono i poveri. Per un certo prezzo, puoi aggiornare il tuo avatar e persino interagire “fisicamente” con persone viventi se indossano tute con feedback tattile che consentono loro di sperimentare il tocco.



Ma l’autore Louis Rosenberg, un ingegnere con un dottorato in filosofia, lancia una chiave inglese in questo Valhalla digitale. Rosenberg è autore, amministratore delegato e capo scienziato presso Unanimous AI, che crea algoritmi di intelligenza artificiale per catturare l’intelligenza collettiva. Sottolinea che il tuo sé caricato è in realtà solo una copia di te. Anche se riuscissimo a ideare una macchina in grado di scansionare l’intero cervello di qualcuno – i suoi ricordi, pensieri e comportamenti, fino al livello molecolare – e ricrearlo all’interno di un computer, in realtà non prolungherebbe la tua esperienza di vita.

Per un istante, quella copia sarebbe identica a te“, dice. “E poi l’istante successivo, non appena ha iniziato ad avere le proprie esperienze… sarà una persona diversa“.

Facciamo questo esperimento mentale: se uno di questi “scanner cerebrali” fosse posizionato su una strada trafficata dove qualcuno passasse inavvertitamente sotto di esso, che gli scansionasse il cervello, si trasferirebbe dal suo corpo al computer? NO.

Prima di tutto, non avrebbe idea di essere stati scansionati, giusto?” dice Rosemberg. “Non avrebbe idea del fatto che esista una sua copia in un computer da qualche parte, quindi non si sentirebbe improvvisamente trasportato in un sistema informatico. Non sarebbero loro. Se incontrassi quella persona per strada dopo che è stata scansionata e gli dicessi: “Ehi, abbiamo appena scansionato il tuo cervello, ti abbiamo caricato nel cloud… ora puoi anche farti investire da una macchina’, saresti preso per pazzo e non ti ascolterebbe”.

Ma ora ci sarebbe una sua copia in un computer che crede davvero di essere lui. Avrebbe tutti i suoi ricordi; crederebbe di far parte della sua famiglia, i suoi soldi, e crederebbe di avere i stuoi stessi diritti. In sostanza, “avresti creato questa situazione molto difficile“.

Rosen, che ha recentemente pubblicato un romanzo di fantascienza grafico chiamato Upgrade, ha anche notato che questa copia del computer crederebbe di avere un corpo e far fronte alla sua mancanza di un corpo potrebbe farlo impazzire. In Upload, ad esempio, un personaggio afferma che gli avatar di prima generazione non mangiavano, andavano di corpo o sbattevano le palpebre, il che li faceva impazzire.

Le persone che pensano che i loro corpi siano solo pensati per portare la testa in giro trascurano la simbiosi tra i due. Riceviamo costantemente segnali dai nostri corpi. Il corpo è il mezzo con cui registriamo molte delle nostre emozioni e sensazioni. Ci aiuta a sapere dove siamo, fisicamente, nel mondo. La ricerca mostra che il genoma dei nostri batteri intestinali, una parte del nostro corpo a cui raramente pensiamo, è la chiave di ciò che siamo. Può essere trasmesso di generazione in generazione, come il DNA, e può regolare l’espressione genica. Quindi un sé disincarnato in un computer avrebbe un’esistenza molto diversa, molto probabilmente tortuosa.

Metaverso e multiverso

Ma se non avessimo intenzione di passare l’eternità al computer? E se, come Deutsch, volessimo solo viaggiare nel multiverso per vedere cosa stanno combinando le nostre controparti ultraterrene?

Deutsch, che ha scritto uno dei primi articoli nel 1985 in cui proponeva il calcolo quantistico, è un professore in visita, ricercatore e autore affiliato all’Università di Oxford. Crede che il calcolo quantistico tragga parte della sua potenza di calcolo da altri mondi. Questo suona come una teoria esotica, ma è in parte basata su qualcosa di abbastanza banale: il fatto che i processi quantistici usano l’energia in modo più efficiente rispetto ai processi classici.

Nel mondo classico, le particelle esistono in luoghi specifici e misurabili. Ma nel mondo quantistico, le particelle esistono in sovrapposizione – potrebbero essere ovunque in un’onda di probabilità – fino a quando non vengono osservate. Quando vengono osservate, si dice che la funzione d’onda “collassa”, lasciando dietro di sé una particella specifica che può essere misurata in un particolare stato.

I fisici discutono ancora su cosa significhi il collasso della funzione d’onda, come funzioni o anche se sia un modo accurato per descrivere il fenomeno. Ma molti esperti ora credono che quando una particella viene identificata in un luogo e condizione o stato nel nostro universo, sia simultaneamente bloccata in ciascuno dei suoi possibili stati rimanenti in altri universi. In altre parole, tutto ciò che può accadere, accade, in altri universi. Questa è l’interpretazione dei molti mondi della meccanica quantistica, che il fisico Hugh Everett propose nel 1957.

I computer classici funzionano come il mondo classico. Usano bit, uno o zero, per risolvere i problemi testando le opzioni una alla volta, anche se molto velocemente. Ma invece di usare i bit, un computer quantistico usa i qubit, tipicamente una particella subatomica come un elettrone o un fotone, che potrebbe essere sia uno che zero e tutto il resto in un’onda di probabilità. Significa che i computer quantistici possono testare tutte le risposte quasi contemporaneamente.

Una cosa che li aiuta a farlo è la proprietà quantistica dell’entanglement. Quando le particelle che sono state precedentemente collegate sono entangled, anche se sono molto distanti, possono rimanere entangled in modo tale che se conosci lo stato di una, puoi conoscere istantaneamente lo stato di altre particelle con cui è entangled. Ad esempio, se trovi una particella che ha uno spin verso l’alto, sai che una particella con cui è entangled avrà uno spin verso il basso.

Molte particelle possono essere entangled l’una con l’altra, quindi un computer quantistico che conosce lo stato di una particella conosce simultaneamente lo stato di tutte le particelle con cui è entangled, fornendoti esponenzialmente più dati per query. Grazie alla possibilità di testare così tanti risultati contemporaneamente, i computer quantistici possono risolvere i problemi molto più rapidamente con la stessa quantità di energia dei computer classici.

Nel 1994, il fisico Peter Shor presentò un algoritmo che mostrava che un problema che un computer classico avrebbe impiegato miliardi di anni per risolvere, la fattorizzazione di grandi numeri primi, poteva essere completato in pochi giorni da un computer quantistico. Deutsch ritiene che l’algoritmo di Shor sia la prova che i computer quantistici stanno interagendo con altri universi.

Nel suo libro The Fabric of Reality, Deutsch ha scritto:

Quando l’algoritmo di Shor ha scomposto un numero, utilizzando circa 10500 volte le risorse computazionali di quelle che si possono vedere essere presenti, dove è stato scomposto il numero? Ci sono solo circa 1080 atomi nell’intero universo visibile, un numero assolutamente minuscolo rispetto a 10500. Quindi, se l’universo visibile fosse l’estensione della realtà fisica, la realtà fisica non conterrebbe nemmeno lontanamente le risorse necessarie per fattorizzare un numero così grande. Chi l’ha fattorizzato, allora? Come e dove è stato eseguito il calcolo?”.

I computer quantistici, secondo lui, risolvono i problemi in parte interagendo con i quanti in altri universi, e recuperando le informazioni che poi consegnano a questo universo. L’interpretazione dei molti mondi afferma che anche le persone, non solo le particelle, sono rappresentate in tutti i loro possibili stati nel multiverso.

Quindi, una volta che i computer quantistici diventeranno più potenti e una volta che troveremo un modo per caricare su di essi le nostre coscienze, potremmo trovarci su un’autostrada verso noi stessi. O, almeno, copie di noi lo faranno.

2