Aspettativa di vita: diminuisce il divario tra uomini e donne

Nuovi studi hanno dimostrato che benché le donne siano più longeve degli uomini, il divario di genere per quanto riguarda l'aspettativa di vita sta diminuendo

0
77
Longevità: quali sono i fattori che incidono, aspettativa di vita

Le donne tendono a vivere più a lungo degli uomini, ma una revisione globale dei dati sull’aspettativa di vita dal 1990 al 2010 suggerisce che il divario di genere per quanto riguarda la mortalità si sta riducendo.

Longevità: quali sono i fattori che incidono, aspettativa di vita

Lo studio si basa su un’analisi statistica dei dati delle Nazioni Unite, che hanno raggruppato 194 paesi in “cluster” di somiglianza basati su fattori misurabili che influenzano l’aspettativa di vita.

È iniziato il processo di riduzione del divario tra uomini e donne nell’aspettativa di vita

Rispetto alle statistiche del 1990, ogni gruppo di nazioni ha mostrato un’aspettativa di vita costante o migliorata entro il 2010. Si è verificata anche una sostanziale riduzione del divario tra uomini e donne nella mortalità.

In media a livello globale, le donne oggi tendono a vivere circa quattro o cinque anni in più rispetto agli uomini, anche se in alcune nazioni, come la Russia, le donne possono vivere quasi dieci anni in più rispetto ai loro coetanei maschi.



Il motivo per cui esiste questo divario è relativamente poco chiaro e, sebbene in parte sia probabilmente biologico, ci sono altri fattori influenti che determinano l’aspettativa di vita di un individuo, molti dei quali dipendono dai cambiamenti nella società e nell’ambiente.

Ad esempio, mentre alcune nazioni, come il Sudafrica, hanno registrato un importante calo dell’aspettativa di vita dal 1990 al 2010, queste eccezioni sono state in gran parte dovute a fattori locali come l’ epidemia di HIV / AIDS, l’ebola, la malaria, la guerra o la carestia.

Se la tendenza globale complessiva rimarrà più o meno la stessa in futuro, il divario tra i sessi potrebbe diminuire ancora di più entro il 2030, prevedono i ricercatori dell’Università di Alcalá e dell’Università di Barcellona in Spagna, insieme a un esperto dell’Università di Oxford.

Questo è valido sia per le nazioni a reddito più alto che per quelle a reddito più basso, sebbene le nazioni a reddito più elevato tendano a mostrare rendimenti decrescenti in termini di aspettativa di vita nel tempo.

Quattro minuti al giorno di attività fisica inten per la longevità, aspettativa di vita

In regioni come l’Australia tuttavia, l’Europa e il Nord America, i ricercatori stimano un notevole calo dei tassi di mortalità tra gli individui più anziani entro il 2030, sebbene le malattie degenerative continueranno a essere una delle principali cause di morte.

Il Giappone, l’Australia e alcuni paesi dell’Europa occidentale probabilmente saranno in cima alle classifiche degli indicatori di longevità negli anni a venire.

Nel 2010, gli Stati Uniti erano tra i primi classificati, ma i ricercatori prevedono che entro il 2030 cadranno al secondo o addirittura al terzo posto. I decessi associati al consumo di droga stanno aumentando a livelli spaventosi negli Stati Uniti e stanno minando il futuro progresso sanitario della nazione. Alcune stime suggeriscono che entro il 2029 gli Stati Uniti potrebbero registrare un milione di morti in più per oppioidi.

Le previsioni attuali si basano solo su dieci anni di dati, quindi le loro deduzioni devono essere prese con le pinze. Ad esempio, negli ultimi anni si è assistito a uno stallo dei precedenti aumenti dell’aspettativa di vita in molti paesi a causa del COVID-19 , con un impatto maggiore sull’aspettativa di vita degli uomini rispetto a quella delle donne, ma questo potrebbe essere solo un allontanamento temporaneo dalla tendenza generale di aumento.

Il medico scienziato Brandon Yan, che non ha partecipato alla ricerca, ha detto a Chen Ly del New Scientist che i risultati sono “coerenti con le tendenze epidemiologiche che suggerirebbero un aumento dell’aspettativa di vita globale e una riduzione del divario di genere nel tempo”.

Il ricercatore capo David Atance e colleghi hanno analizzato i numeri e prevedono che la maggior parte delle nazioni vedrà le proprie tendenze di longevità continuare in futuro.

Entro il 2030, hanno scoperto che i paesi dell’America Latina probabilmente otterranno i migliori indicatori di aspettativa di vita dopo le regioni ad alto reddito, con progressi particolarmente significativi nel miglioramento dell’aspettativa di vita maschile.

L'elisir di lunga vita, aspettativa di vita

Nei paesi che negli ultimi anni hanno dovuto affrontare malattie, carestie, conflitti violenti e guerre, come quelli dell’Africa e del Medio Oriente, si prevede che anche l’aspettativa di vita maschile migliorerà.

Al contrario, l’aumento dell’aspettativa di vita in Eritrea, Etiopia, Madagascar, Ruanda, Sudan, Tanzania e Zambia sarà prodotto principalmente dalla popolazione femminile, man mano che le condizioni socioeconomiche e politiche miglioreranno.

I risultati peggiori sono previsti nella Repubblica Centrafricana, nella Costa d’Avorio, nel Lesotho e nello Zimbabwe. Queste nazioni sono state tutte coinvolte in guerre e hanno vissuto disordini sociali, economici e politici negli ultimi dieci anni.Niente di tutto ciò, ovviamente, tiene conto dei nuovi sviluppi economici, sociali o politici che potrebbero verificarsi nei prossimi anni.

Il tempo dirà se i futuri miglioramenti nell’aspettativa di vita si verificheranno effettivamente, soprattutto perché il cambiamento climatico minaccia milioni di vite sia nelle nazioni sia ad alto reddito che in quelle a basso reddito.

2