Artrosi e alimentazione: perché la dieta è così importante?

Essere in sovrappeso per molti anni, oltre a causare artrosi, comporta seri rischi per la salute. Per questo motivo, quanto e cosa si mangia è importante.

1434

La dieta e il peso corporeo hanno un’influenza significativa sullo sviluppo e sul trattamento dell‘artrosi: dunque, quanto e cosa si mangia è importante. Il sovrappeso, infatti, comporta rischi per la salute e affatica le articolazioni.

Di conseguenza, si consumano più velocemente rispetto alle persone più snelle. Chi soffre di artrosi ed è in sovrappeso, o peggio ancora obeso, dovrebbe considerare un cambio di alimentazione consultandosi con il proprio medico.

Studio: connessione tra sovrappeso e sviluppo di artrosi del ginocchio (gonartrosi)

In uno studio australiano, gli scienziati hanno studiato la relazione tra sovrappeso e artrosi del ginocchio: i pazienti più magri l’hanno sviluppata solo in età avanzata. I pazienti giovani, sani ma in sovrappeso, hanno visto una diminuzione della cartilagine in giovane età e spesso soffrono di più per usura articolare e dolori, rispetto alle persone di peso normale.

Cosa c’entra l’alimentazione con l’artrosi e il metabolismo dell’articolazione?

La ricchezza di nutrienti del liquido sinoviale è importante per il metabolismo articolare perché la dieta influisce sulla sua qualità. La cartilagine articolare deve quindi essere continuamente rifornita di importanti nutrienti in esso contenuti.

Il sangue poi lo trasporta nel liquido sinoviale, che contiene minerali, zucchero e proteine. Importanti componenti articolari sono: Glucosamina solfato, condroitin solfato, collagene idrolizzato e acido ialuronico. Legano l’acqua a se stessi e consentono alle articolazioni di scivolare dolcemente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La cartilagine avascolare può assorbire i nutrienti solo attraverso il movimento. Se c’è una carenza, la cartilagine si rompe. Una volta che la cartilagine è distrutta, le ossa si sfregano direttamente l’una contro l’altra. Pertanto, dovresti sostenere il tuo metabolismo articolare con molto esercizio e i cibi giusti. Per esempio:

  • Verdure, erbe aromatiche, spezie e frutta
  • latticini magri (formaggio con meno del 45% di grassi)
  • oli e grassi vegetali (olio di lino, olio di oliva, olio di colza, olio di avocado)
  • prodotti integrali, semi e noci
  • pesce

Spezie per l’artrosi

Un discorso a parte meritano alcune spezie, che hanno effetti antinfiammatori e analgesici. Se usati correttamente, possono supportare la terapia dell‘artrosi. Sia gli insegnamenti ayurvedici indiani che la medicina cinese le usano per curarla. Dovresti comunque consultare il tuo medico, prima di aggiungerle alla tua dieta.

La curcuma contiene curcumina, che può contrastare l’infiammazione. Di conseguenza, il gonfiore articolare si attenua e il paziente riprende a muoversi meglio. Uno studio della Western Ontario e della McMaster University of Canada (WOMAC) ha confermato gli effetti benefici della curcuma nell’artrosi.

Prevenire l’artrosi con la dieta

Un cambiamento nella dieta potrebbe non curare l’artrosi esistente, ma può migliorare la terapia e alleviare il disagio. I pazienti dovrebbero evitare i seguenti alimenti o consumarli solo con moderazione:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • carne rossa
  • latticini
  • uova
  • caffè
  • alcol
  • fast food e piatti pronti

I grassi animali vanno consumati con consapevolezza: contengono acido arachidonico, un acido grasso omega-6 che favorisce i processi infiammatori nell’area articolare e cartilaginea. Le frattaglie, come fegato, strutto, salsiccia di fegato, uova e frutti di mare, hanno livelli particolarmente elevati di acido arachidonico.

I pazienti con artrosi dovrebbero anche evitare di mangiare cibi pronti o fast food: questi pasti sono ricchi di calorie ma non hanno praticamente alcun valore nutritivo.

Panoramica della nutrizione per l’artrosi

È fondamentale fornire alle articolazioni vitamine, minerali, oligoelementi e composti vegetali secondari a tutte le età (come i polifenoli dell’oliva) che proteggono le articolazioni dallo stress ossidativo e hanno effetti antinfiammatori.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • Le bevande: acqua, zenzero o tisane non zuccherate, latte di mandorle o avena non zuccherate; bere cioccolato, nettare di frutta, bevande di soia, bibite gasate, alcolici sono da evitare.
  • Mela, frutti di bosco, clementina, kiwi, nettarina, pesca, prugna, amarena, anguria, fagioli, piselli, finocchi, cetrioli, cavoli, lenticchie, bietole, funghi, peperoni, lattuga, crauti, asparagi, spinaci, pomodori.
  • Noci e semi, frutta secca (20 g al giorno) come mandorle, anacardi, pinoli, semi di girasole, semi di zucca, nocciole e noci; evitare arachidi e noci salate.
  • Grassi e oli (2 cucchiai al giorno) olio di oliva, olio di noci, olio di lino, olio di germe di grano; vietati burro chiarificato, olio di palma, maionese, olio di semi di girasole, olio di cartamo.
  • Cereali e contorni (2 manciate al giorno) farro, fiocchi d’avena, patate al cartoccio, prodotti integrali, miglio; pane bianco, fette biscottate, croissant, riso sbucciato, pasta di grano duro, patatine fritte e fast food in genere, piatti pronti, pani croccanti sono da evitare.
  • Carne magra di manzo, pollo e tacchino; carne in scatola, filetto di maiale, carne impanata, sono da evitare.
  • Pesce e frutti di mare (2 porzioni a settimana) trota, halibut, aringa, merluzzo, salmone, sgombro, sardina, passera di mare, rombo; con moderazione gamberi, granchi; pesce impanato da evitare.
  • Massimo due uova a settimana, latte magro e latticini giornalieri come latticello, yogurt naturale, quark (fino al 20% di grassi); formaggi stagionati, da evitare.