Lenti a contatto: cosa succede se ti addormenti senza rimuoverle?

Le lenti a contatto sono utilizzate per migliorare la vista a causa di uno dei seguenti difetti di rifrazione:

Miopia (miopia)
Ipermetropia (lungimiranza)
Astigmatismo (visione distorta)
Presbiopia (modifiche alla visione da vicino che spesso si verificano con l’invecchiamento)

Tuttavia, questi dischi di plastica sottili e trasparenti comportano alcuni rischi per la salute, soprattutto se li indossi durante la notte. Se ti è capitato di addormentarti senza togliertele, sai bene che la mattina ti ritrovi a lottare con delle lenti secche e appiccicose sui tuoi bulbi oculari accompagnate da un forte dolore agli occhi.

Cosa succede se dormi con le lenti a contatto

Non dovresti tenerle durante la notte perché l’ossigeno non raggiunge i tuoi occhi in modo efficiente. Quando questo accade, le cellule della cornea entrano in uno stato di ipossia (poco ossigeno) e un ambiente a basso contenuto di ossigeno favorisce la crescita batterica.

Questa causa primaria e altri motivi fisiologici potrebbero aumentare la probabilità di sviluppare un’infezione agli occhi. Se abbastanza grave, l’infezione potrebbe persino portare alla perdita permanente della vista e il rischio di cheratite microbica (una grave infezione corneale) aumenta da 6 a 8 volte. Quando ciò accade, il tuo occhio può sviluppare più vasi sanguigni e puoi avere arrossamento e irritazione. Puoi anche avere altri problemi con la cornea.

Leggi anche :  Un nuovo collirio che potrebbe liberare dagli occhiali milioni di persone 

Chi porta le lenti sa che toglierle diventa più difficile a causa della secchezza. In questi casi, si consiglia di utilizzare colliri umettanti prima di rimuoverle. Ciò contribuirà a prevenire danni alla superficie corneale. Inoltre, alcuni batteri come Pseudomonas aeruginosa possono colonizzare le lenti se lasciate per periodi più lunghi.

Dormire con le lenti può causare mal di testa. Il mal di testa può verificarsi a causa della secchezza degli occhi causata dalla mancanza di flusso di ossigeno e umidità. Quando hai gli occhi asciutti, puoi diventare più sensibile alla luce e socchiudere gli occhi in risposta. Questo costante strabismo a volte può scatenare un mal di testa da tensione muscolare.

Consigli sulle lenti a contatto per mantenere gli occhi sani

I ricercatori hanno scoperto che sei portatori di lenti su sette hanno riportato almeno un comportamento rischioso quando si trattava delle loro lenti. Per ridurre il rischio di sviluppare sintomi negativi o un’infezione agli occhi, non fare le seguenti cose:

Dormirci senza rimuoverle
Riutilizzare le usa e getta
Nuotarci
Dimenticarsi di sostituire le lenti usa e getta abbastanza frequentemente
Utilizzare la stessa custodia per più di tre o quattro mesi
Strofinare gli occhi con le mani sporche
Condividerle con un’altra persona.
Acquistare lenti alla moda.

Fai queste cose per mantenere gli occhi sani e al sicuro dalle infezioni:

Lava le mani con acqua e sapone prima di maneggiarle
Risciacqua le lenti solo con una soluzione per lenti oculari. L’acqua del rubinetto può contenere microparticelle che possono irritare gli occhi
Strofina delicatamente le lenti con la punta delle dita (anche se la confezione delle lenti lo sconsiglia) per rimuovere batteri e detriti che si sono attaccati alla superficie, quindi risciacquale nuovamente con la soluzione apposita
Sostituisci la custodia ogni tre o quattro mesi per ridurre i batteri
Conserva le lenti in una custodia pulita cambiando la soluzione ogni singolo giorno
Acquista le lenti solo da un professionista sanitario. Le lenti alla moda possono essere rischiose perché le lenti devono essere adattate in modo specifico agli occhi di ogni individuo

Segni di un’infezione agli occhi e cosa fare

Se si verificano diminuzione della vista, arrossamento, lacrimazione e secrezioni, si può avere un’infezione agli occhi. Se rimuovere le lenti non attenua l’irritazione, è il momento di optare per un a vista oftalmologica ed è importante portare con sé il porta lenti, non buttarle ma mettile in una custodia per lenti e portale con te dall’oculista per analizzare i segni di eventuali infezioni: gli oculisti possono coltivare la lente a contatto per capire il trattamento adeguato per i tuoi occhi.

Ecco un elenco di sintomi associati alle infezioni correlate alle lenti a contatto:

Visione sfocata
Rossore insolito dell’occhio
Dolore all’occhio
Prurito agli occhi
Lacrimazione o secrezione dall’occhio
Extra sensibilità alla luce
Una sensazione di qualcosa negli occhi

Alcune infezioni oculari correlate alle lenti a contatto possono causare gravi perdite della vista o addirittura cecità. Se si dispone di uno di questi sintomi, è importante consultare il proprio optometrista il prima possibile. Ogni anno si verificheranno 18-20 infezioni da cheratite microbica ogni 10.000 persone che lasciano le lenti a contatto durante la notte.

Uso prolungato delle lenti

Poiché le lenti sono realizzate in plastica flessibile in silicone idrogel, una maggiore quantità di ossigeno può raggiungere la cornea. Vedrai che la maggior parte delle lenti a contatto a uso prolungato sono spesso lenti a contatto morbide. Sono disponibili solo poche lenti rigide permeabili ai gas (RGP) adatte per l’uso durante la notte. Dopo ogni rimozione programmata di queste lenti a contatto, gli oculisti consigliano di far riposare gli occhi per almeno un giorno e di indossare gli occhiali.

Lenti per ortocheratologia notturna (Ortho-k) Le lenti a contatto Ortho-k aiutano a modificare la curvatura della cornea

In tal modo, l’occhio può mettere meglio a fuoco gli oggetti. Gli oculisti spesso prescrivono questo tipo di lenti a contatto per le persone con miopia (miopia). Se usi le lenti Ortho-k, ti ​​potrebbe essere consigliato di dormirci per almeno 8 ore a notte. Le lenti Ortho-k vengono quindi rimosse al mattino e chi le indossa può godere di una visione più chiara per tutto il giorno senza occhiali o lenti. C’è da ricordare comunque che il rischio di cheratite microbica è maggiore nelle persone che usano lenti a uso prolungato.

Si può dormire con le lenti per poco tempo?

Se hai lenti a contatto a uso prolungato, è possibile dormirci per un’ora. Ma ogni volta, anche se per un’ora, si aumenta il ​​rischio di un’infezione agli occhi. Si raccomanda sempre di evitare di addormentarsi con le lenti.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Complotto della Terra piatta: ecco perché non ha fondamento

La convinzione che la Terra sia piatta non è...

Voyager 2, l’eliopausa e, oltre, l’infinito

La Voyager 2 opera attualmente a temperature di circa 3,6 gradi Celsius, e ogni anno che passa la navicella produce 4 watt in meno di energia

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Kew Gardens: il 50% delle specie al suo interno sono a rischio

La crisi climatica è una minaccia in continua evoluzione...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Articoli correlati

Popular Categories