40 scheletri romani decapitati a Fleet Marston

40 scheletri romani decapitati, trovati nel cimitero romano di Aylesbury.

Nel più grande luogo di sepoltura situato in Inghilterra, nel Buckinghamshire, sono stati portati alla luce numerosi scheletri e diversi manufatti durante uno scavo a Fleet Marston, vicino ad Aylesbury, per l’ampliamento della famosa rete ferroviaria multimiliardaria HS2.

L’antica città, vecchia di 2000 anni, è – secondo un team di 50 archeologi che ha lavorato al sito – una scoperta sorprendente, che dice molto sulle usanze di questo popolo. Anche se riconoscono che tutto ciò era un “normale, seppur marginale, rito di sepoltura” all’epoca.

Il collegamento ferroviario – non nuovo a questi straordinari rinvenimenti – in quest’occasione ha portato alla luce 425 corpi, di cui un buon 10% (40) con teste decapitate posizionate tra le gambe o sui piedi.

Quello che, a tutti gli effetti, risulta un cimitero tardo romano, sta facendo chiarezza, secondo gli esperti, sulle usanze di sepoltura di questo antico popolo. Una possibile interpretazione, asseriscono gli archeologi, è che queste persone siano state decapitate perché probabilmente erano criminali, o diversamente, degli emarginati. I manufatti ritrovati, erano un compendio di monete, dadi, pesi di piombo, spille, campanelle, e così via.

Ma non è tutto. La ricerca ha evidenziato altri aspetti di questa recente scoperta. Tutto ciò non è inusuale se si considera la vastità di questo sito funebre romano.

Il cimitero, che è – ribadiamo – il più grande del suo genere mai rinvenuto nella contea, è l’ultima scoperta del controverso progetto di collegamento della ferrovia ad alta velocità HS2.

40 scheletri romani nel più grande cimitero Inglese

Le monete ritrovate, come accennato, sono più di 1.000, (oltre a pesi di piombo), che forse indicano come 2.000 anni fa fosse un luogo di scambi e commercio. Nel frattempo, proprio la scoperta di dadi e campane, suggerisce agli esperti, che la zona fosse un centro di gioco d’azzardo e/o attività religiose.

Screenshot 2022 02 14 at 12 05 01 Archaeologists Find 40 Beheaded Roman Skeletons With Skulls Between Their Legs
IMAGE CREDIT: HS2 – 40 scheletri romani decapitati a Fleet Marston

“Lo scavo è significativo sia per consentire una chiara caratterizzazione di questa città romana, ma anche uno studio su molti dei suoi abitanti“. Dichiara Richard Brown, Senior Project Manager per COPA, la società dietro gli archeologi che lavorano per HS2.

La città di Fleet Marston, lo ricordiamo, si trova vicino al sito dove una serie di uova marce di 1.700 anni fa furono scoperte in uno scavo non collegato nel 2019. Una volta fiancheggiava Akeman Street – una grande strada romana che andava dalla capitale romana di Verulamium (ora St Albans) a Corinium Dobunnorum (ora Cirencester), attraverso la romana Alchester (vicino a Bicester).

Grazie alla sua posizione, il team suggerisce che la città potrebbe essere stata un punto di sosta per i viaggiatori e i soldati che si recavano alla guarnigione di Alchester.

Futuro e nuovi progetti

Tuttavia, a differenza di come si possa pensare,  la scoperta è tutt’altro che unica. Infatti, il sito di Fleet Marston è solo uno degli oltre 100 che HS2 ha individuato dal 2018. Nel 2019, per esempio, il progetto multimiliardario ha scovato i resti dell’esploratore Matthew Flinders a Euston, Londra.

Insieme a diversi nuovi siti di insediamento romano scoperti durante i lavori di HS2 [questo nuovo sito] migliora e popola la mappa del Buckinghamshire romano“. Aggiunge Brown.

La prima fase di HS2 si estende per 225 chilometri (140 miglia) tra Londra e Birmingham ed è il più grande scavo archeologico in Europa. Potrebbe costare ben 44,6 miliardi di sterline (60,3 miliardi di dollari) e sollevare una serie di preoccupazioni ambientali; ma le scoperte archeologiche sono “un sottoprodotto eccitante e gradito”. Dice Neil Redfern, direttore del Consiglio di Archeologia.

Il programma di archeologia dell’HS2 ci ha permesso di imparare di più sulla nostra ricca storia in Gran Bretagna. Il grande cimitero romano a Fleet Marston ci permetterà di ottenere una visione dettagliata dei residenti di Fleet Marston e del più ampio paesaggio della Gran Bretagna romana“. Commenta Helen Wass, responsabile del patrimonio presso HS2 Ltd. Nel corso dei prossimi anni, lo scavo a Fleet Marston sarà analizzato, permettendoci una rara visione della Britannia romana e delle vite di coloro che vi vivevano.

kWagbVB6TwFmHmWpYEyKzJ 970 80 e1644836696555
40 scheletri romani decapitati a Fleet Marston – IMAGE CREDIT: HS2

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Articoli correlati

Popular Categories