YouTube, nuove regole per contenuti generati con IA e deepfake

Indice

(Adnkronos) – YouTube ha introdotto nuove linee guida per la gestione dei contenuti generati tramite intelligenza artificiale, in particolare i deepfake. Queste norme si dividono in due categorie principali: una più rigida, volta a tutelare i partner dell'industria musicale della piattaforma, e un'altra meno restrittiva, applicabile al resto degli utenti. L'azienda ha chiarito che i creatori dovranno etichettare i contenuti realistici AI che caricano, rendendo esplicito immediatamente che sono stati realizzati con l'intelligenza artificiale, soprattutto in contesti delicati come le elezioni o situazioni di conflitto attuali. Queste etichette saranno visibili nelle descrizioni dei video e direttamente sui video stessi, nel caso di materiale sensibile. La definizione di "realistico" da parte di YouTube non è ancora stata precisata. Tuttavia, il portavoce Jack Malon ha indicato che verranno fornite indicazioni più dettagliate, complete di esempi, quando questa politica entrerà in vigore l'anno prossimo. Le conseguenze per chi non etichetta correttamente i contenuti AI potrebbero variare, incluse la rimozione del video e la demonetizzazione. Resta incerto, però, come YouTube possa identificare con certezza i video generati da AI non etichettati, considerando che gli attuali strumenti di rilevamento sono ancora poco affidabili. La situazione si complica ulteriormente per i video che utilizzano deepfake per simulare persone reali, come nel caso della loro voce o del loro volto. YouTube permetterà le richieste di rimozione tramite un modulo esistente, ma valuterà diversi fattori, tra cui se il contenuto è una parodia o satira e se l'individuo è un personaggio pubblico. Inoltre, per i contenuti musicali generati da AI che imitano la voce cantata o parlata di un artista, non saranno ammesse eccezioni per parodia e satira. I canali che producono coperture AI di artisti vivi o deceduti potrebbero vedere i loro contenuti rimossi. —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Carburante sostenibile: progettato un nuovo metodo per generarlo

Un team di ricercatori ha dimostrato che l'anidride carbonica,...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Articoli correlati

Popular Categories