Vulcano Noctis: il vulcano gigante scoperto su Marte

È stato recentemente scoperto un vulcano gigante, provvisoriamente denominato Vulcano Noctis, su Marte: si trova appena a sud dell'equatore del pianeta, nel Noctis Labyrinthus orientale, a ovest della Valles Marineris

È stato recentemente scoperto un vulcano gigante, provvisoriamente denominato Vulcano Noctis, su Marte: si trova appena a sud dell’equatore del pianeta, nel Noctis Labyrinthus orientale, a ovest della Valles Marineris, il vasto sistema di canyon del pianeta, sul bordo orientale di un ampio rialzo topografico regionale chiamato Tharsis, sede di altri tre famosi vulcani giganti: Ascraeus Mons, Pavonis Mons e Arsia Mons.

Perché Marte è rosso? UAV, campioni , incontaminati di Marte, acque sotterranee, vulcano Noctis

Il vulcano Noctis scoperto su Marte è attivo da molto tempo

Ripreso ripetutamente dalle navicelle spaziali in orbita attorno a Marte a partire dal Mariner 9 nel 1971, ma profondamente eroso al di là di ogni facile riconoscimento, il vulcano Noctis è rimasto nascosto in bella vista per decenni in una delle regioni più iconiche di Marte.

In attesa di un nome ufficiale, il vulcano Noctis è centrato a 7° 35′ S, 93° 55′ W. Raggiunge +9022 metri di altitudine e si estende per 450 chilometri di larghezza. Le dimensioni gigantesche del vulcano e la complessa storia delle modifiche indicano che è attivo da molto tempo. Nella sua parte sud-orientale si trova un sottile e recente deposito vulcanico sotto il quale è probabile che sia ancora presente il ghiaccio di un ghiacciaio.

La combinazione del vulcano Noctis e possibile scoperta di un ghiacciaio è significativa, poiché indica una nuova interessante posizione per studiare l’evoluzione geologica di Marte nel tempo, cercare la vita ed esplorare sia con robot che con umani in futuro.

Marte: svelata la causa dell'abbondanza di metalli nobili, vulcano Noctis

Stavamo esaminando la geologia di un’area in cui l’anno scorso avevamo trovato i resti di un ghiacciaio quando ci siamo resi conto che ci trovavamo all’interno di un enorme vulcano profondamente eroso“, ha affermato il dottor Pascal Lee, scienziato planetario del SETI Institute e del Mars Institute con sede presso il NASA Ames Research Center e autore principale dello studio.

Diversi indizi, presi insieme, hanno rilevato la natura vulcanica dei diversi altipiani e canyon stratificati in questa parte orientale di Noctis Labyrinthus. L’area sommitale centrale è caratterizzata da diverse mesa elevate che formano un arco, raggiungendo un massimo regionale e digradando verso il basso lontano dall’area sommitale. I dolci pendii esterni si estendono per 225 chilometri in numerose direzioni.

Il vulcano Noctis apre nuove frontiere per lo studio della geologia del Pianeta Rosso

Vicino al centro del vulcano Noctis è possibile vedere un residuo di caldera, i resti di un cratere vulcanico crollato che un tempo ha ospitato un lago di lava. Colate di lava, depositi piroclastici (costituiti da materiali particolati vulcanici come ceneri, ceneri, pomice e tefra) e depositi di minerali idrati si sono verificati in diverse aree all’interno del perimetro della struttura.

Questa zona di Marte è nota per avere un’ampia varietà di minerali idrati che abbracciano un lungo tratto della storia marziana. Da tempo si sospettava un ambiente vulcanico per questi minerali. Quindi, potrebbe non essere troppo sorprendente trovare un vulcano qui”, ha spiegato Sourabh Shubham, ricercatore presso il Dipartimento di Geologia dell’Università del Maryland e coautore dello studio: “In un certo senso, questo vulcano gigante è la prova a lungo cercata”.

Oltre al vulcano Noctis, la ricerca ha riportato la scoperta di una vasta area di depositi vulcanici di 5.000 chilometri quadrati all’interno del perimetro del vulcano stesso, che ha presentato un gran numero di tumuli bassi, arrotondati e allungati, simili a vesciche.

Questo “terreno pieno di vesciche” viene interpretato come un campo di “coni senza radici”: tumuli prodotti dallo scarico di vapore esplosivo o dal rigonfiamento del vapore quando una sottile coltre di materiali vulcanici caldi si posa su una superficie ricca di acqua o ghiaccio.

Solo un anno fa, Lee, Shubham e il loro collega John W. Schutt hanno identificato gli spettacolari resti di un ghiacciaio – o “ghiacciaio relitto” – attraverso una considerevole apertura erosiva nello stesso banco vulcanico sotto forma di un deposito di tonalità chiara ( LTD) di sale solfato con le caratteristiche morfologiche di un ghiacciaio.

Si ritiene che il deposito di solfato, costituito principalmente da jarosite, un solfato idrato, si sia formato quando la coltre di materiali piroclastici vulcanici si è posata su un ghiacciaio e reagì chimicamente con il ghiaccio.

I coni senza radici rotti identificati nel presente studio hanno evidenziato occorrenze simili di solfati poliidrati, indicando inoltre che la coperta vulcanica ricoperta di vesciche potrebbe nascondere una vasta lastra di ghiaccio del ghiacciaio al di sotto di essa.

Il vulcano Noctis presenta una lunga e complessa storia di modifiche, probabilmente dovute a una combinazione di fratturazione, erosione termica ed erosione glaciale. I ricercatori interpretano il vulcano come un vasto scudo fatto di accumuli stratificati di materiali piroclastici, lave e ghiaccio, quest’ultimo derivante da ripetuti accumuli di neve e ghiacciai sui suoi fianchi nel tempo.

Marte, campioni incontaminati di Marte, acque sotterranee, Vulcano Noctis

Quando col tempo si sono sviluppate fratture e faglie, in particolare in connessione con il sollevamento della più ampia regione di Tharsis su cui si trova il vulcano Noctis, la lava ha cominciato a sollevarsi attraverso diverse parti di esso, portando all’erosione termica e alla rimozione di grandi quantità di ghiaccio sepolto, causando un importante crollo di intere sezioni del vulcano.

Le glaciazioni successive hanno proseguito la loro erosione, conferendo a molti canyon all’interno della struttura la loro attuale forma caratteristica. In questo contesto, il “ghiacciaio relitto” e la possibile lastra di ghiaccio sepolta attorno ad esso potrebbero essere i resti dell’ultimo episodio di glaciazione che ha interessato il vulcano Noctis.

Vulcano noctis:un luogo privilegiato per l’astrobiologia e la ricerca di segni di vita

Gran parte del vulcano Noctis appena scoperto rimane un mistero. Anche se è chiaro che è attivo da molto tempo e ha cominciato a formarsi all’inizio della storia di Marte, non si sa quanto esattamente.

Allo stesso modo, sebbene abbia subito eruzioni anche in tempi moderni, non è noto se sia ancora vulcanicamente attivo e possa eruttare nuovamente. E se è stato attivo per molto tempo, la combinazione di calore prolungato e acqua ghiacciata potrebbe aver consentito al sito di ospitare la vita?

Mentre i misteri che circondano il vulcano Noctis continuano ad affascinare gli scienziati, il sito sta già emergendo come un nuovo e significativo luogo per studiare l’evoluzione geologica di Marte, cercare la vita e pianificare la futura esplorazione robotica e umana.

C'è mai stata vita su Marte? Metano, missioni private su Marte, UAV, acque sotterranee, vulcano Noctis

La possibile presenza di ghiacciai a profondità basse vicino all’equatore significa che gli esseri umani potrebbero potenzialmente esplorare una parte meno fredda del pianeta pur essendo in grado di estrarre acqua per l’idratazione  produrre carburante per missili, scomponendo l’H 2 O in idrogeno e ossigeno.

È davvero una combinazione di cose che rende il sito del vulcano Noctis eccezionalmente interessante. È un vulcano antico e longevo così profondamente eroso che potresti attraversarlo a piedi, in macchina o in volo per esaminare, campionare e datare diverse parti del suo interno per studiare l’evoluzione di Marte nel tempo. Ha anche avuto una lunga storia di calore che interagisce con acqua e ghiaccio, il che lo rende un luogo privilegiato per l’astrobiologia e la nostra ricerca di segni di vita“.

Infine, con il ghiaccio del ghiacciaio probabilmente ancora conservato vicino alla superficie in una regione equatoriale relativamente calda su Marte, il luogo sembra molto importante per l’esplorazione robotica e umana”, ha concluso Lee.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments