Universo: 5 concetti fantascientifici possibili nel futuro

I romanzi e i film di fantascienza sono ricchi di idee stravaganti, il più delle volte come trampolino di lancio per un’avventura ricca di azione piuttosto che un serio tentativo di prevedere le tendenze future della scienza o della tecnologia. 

Alcuni dei tropi più comuni, come accelerare una navicella spaziale a velocità fantastiche in pochi secondi senza schiacciare gli occupanti, sono semplicemente impossibili secondo le leggi della fisica come le intendiamo nel nostro universo, eppure quelle stesse leggi sembrano consentire altri concetti fantascientifici apparentemente inverosimili, dai wormhole agli universi paralleli

Ecco una carrellata di alcune delle idee fantascientifiche che potrebbero davvero essere realizzate, almeno in teoria.

Wormholes

1e1a26e4 6e2e 4cc1 8a77 be03c757f032

L’idea di un wormhole, una scorciatoia attraverso lo spazio che consente viaggi quasi istantanei tra parti distanti dell’universo, suona come se fosse stata creata come una trama fittizia ma, sotto il suo nome più formale di ponte Einstein-Rosen, l’idea esiste come un concetto teorico serio da molto prima che gli scrittori di fantascienza se ne impadronissero.

L’idea esce da Albert Einstein con la teoria della relatività generale, che vede la gravità come una distorsione dello spazio-tempo causata da oggetti massicci. In collaborazione con il fisico Nathan Rosen, Einstein teorizzò, nel 1935, che punti di gravità estremamente forti, come i buchi neri, potessero essere direttamente collegati tra loro. E così è nata l’idea dei wormhole.

Le forze attorno a un buco nero dovrebbero distruggere qualunque cosa vi si avvicini, per cui l’idea di viaggiare attraverso un wormhole non è stata presa in seria considerazione fino agli anni ’80, quando l’astrofisico Carl Sagan ha deciso che avrebbe scritto un romanzo di fantascienza. Secondo la BBC, Sagan chiese a Kip Thorne, un fisico, di pensare ad un modo fattibile per percorrere distanze interstellari in un lampo. 

Thorne escogità un modo – possibile in teoria, ma altamente improbabile in pratica – attraverso il quale gli umani potrebbero raggiungere il viaggio interstellare attraversando indenni un wormhole. Il risultato ha trovato la sua strada nel romanzo di SaganContact” (Simon e Schuster: 1985), che è stato successivamente adattato in un film con Jodie Foster nel ruolo principale. 

Sebbene sia altamente improbabile che i wormhole diventino mai i metodi di trasporto semplici e convenienti descritti nei film, gli scienziati hanno ora escogitato un modo più praticabile per costruire un wormhole rispetto al suggerimento originale di Thorne. È anche possibile che, se esistono davvero wormhole nell’universo, possano essere localizzati utilizzando la nuova generazione di rivelatori di onde gravitazionali.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Articoli correlati

Popular Categories