Un tempio nascosto ridefinisce la diffusione del Cristianesimo

In una scoperta che potrebbe rimodellare la nostra comprensione di un aspetto particolarmente importante della storia occidentale, gli archeologi hanno portato alla luce un antico tempio romano

0
257
Un tempio nascosto ridefinisce la diffusione del Cristianesimo
Un tempio nascosto ridefinisce la diffusione del Cristianesimo

In una scoperta che potrebbe rimodellare la nostra comprensione di un aspetto particolarmente importante della storia occidentale, gli archeologi hanno portato alla luce un antico tempio romano.

Questo antico monumento, insieme alla lettera imperiale che ha portato alla sua scoperta, fornisce una visione profonda della transizione dell’Impero Romano dal paganesimo al cristianesimo.

Un team di archeologi guidato da Douglas Boin, professore di storia della Saint Louis University, ha scoperto un tempio a Spello, una città collinare vicino Roma. Questa struttura, risalente all’epoca dell’imperatore Costantino il Grande (che regnò dal 306 al 337 d.C.), simboleggia un’epoca cruciale.

Sotto Costantino, il cristianesimo fiorì, passando dalla persecuzione all’essere una religione patrocinata nell’Impero Romano. Ma questa transizione non fu chiara o diretta, poiché anche lo stesso Costantino continuava a nutrire e persino incoraggiare pratiche pagane, rivela la nuova ricerca.

Costantino il Grande e il cristianesimo: la zona grigia

All’inizio del IV secolo, l’Impero Romano era un crogiolo di religioni, tra cui una serie di credenze pagane e la fede cristiana in costante crescita. Durante questi tempi difficili, il cristianesimo dovette spesso affrontare ostilità e persecuzioni, viste come una minaccia ai valori e alla stabilità tradizionale.

I romani erano particolarmente diffidenti e di conseguenza aggressivi nei confronti dei cristiani per due ragioni principali. Innanzitutto, questo era un culto nuovo e sconosciuto. A quei tempi, proprio come adesso, ciò che era più vecchio era affidabile. Questo spiega perché i romani fossero molto più tolleranti e indulgenti nei confronti degli ebrei, anche se li detestavano particolarmente. Tuttavia, la civiltà ebraica era antica e aveva una patria.



Il secondo e più importante motivo per cui i romani perseguitavano accanitamente i cristiani aveva a che fare con la sfida di questi ultimi alle usanze romane. I cristiani si rifiutavano di adorare gli dei di Roma che molti imperatori affermavano di essere o di prendere parte ai sacrifici, cosa che ci si aspettava da coloro che vivevano nell’Impero Romano. Questa trasgressione era vista come sovversiva, quindi i governanti romani vedevano il cristianesimo come un culto pericoloso che doveva essere schiacciato.

Ma poi arrivò Costantino.

In precedenza, l’imperatore Diocleziano (che regnò dal 284 d.C. al 305 d.C.) aveva diviso l’impero in Oriente e Occidente e aveva nominato un co-imperatore o “Augusto”. Lo stesso Diocleziano era un Augusto, che governava la parte orientale dell’impero. Proprio sotto Augusto c’era il “Cesare”, titolo dato ai due co-imperatori più giovani. I Cesari erano responsabili del governo di sezioni più piccole dell’impero e venivano spesso scelti per le loro capacità o per i legami familiari con gli Augusti. Ci si aspettava che i Cesari alla fine salissero al rango di Augusto dopo il pensionamento o la morte dei loro predecessori.

Questo corpo dirigente composto da quattro uomini era conosciuto come la Tetrarchia.

L’idea era che ogni Augusto avrebbe fatto da mentore al proprio Cesare, garantendo una transizione graduale e la continuità del governo. In realtà le cose funzionarono in modo molto diverso.

Il padre di Costantino, Flavio Costanzo, fu uno dei Cesari dell’Impero Romano d’Occidente e in seguito fu elevato ad Augusto. Costanzo fu ucciso vicino a York nel 306 d.C. durante una battaglia con i pici e le legioni proclamarono suo figlio Costantino nuovo imperatore.

Tuttavia, una volta morto Diocleziano, la Tetrarchia crollò e Costantino si ritrovò coinvolto in una guerra civile che avrebbe determinato chi avrebbe riportato l’ordine a Roma.

Il momento cruciale arrivò nel 312 d.C. con la battaglia di Ponte Milvio, uno scontro vicino Roma contro il suo rivale Massenzio. La leggenda, rafforzata dagli scritti di storici cristiani come Lattanzio ed Eusebio, racconta di una visione che Costantino ebbe la notte prima della battaglia. Secondo quanto riferito, vide un simbolo, una croce di luce, e le parole “In Hoc Signo Vinces” (“In questo segno, vinci”).

Seguendo questa visione, Costantino fece contrassegnare i suoi soldati sui loro scudi con il simbolo cristiano Chi-Rho (creato sovrapponendo le prime due lettere (XP) della parola greca per Cristo, ΧΡΙΣΤΟΣ). Seguì la vittoria e Costantino attribuì il suo trionfo al Dio cristiano.

Questo momento segnò la conversione di Costantino al cristianesimo.

Dopo la sua vittoria, Costantino, insieme al co-imperatore Licinio, emanò l’editto di Milano nel 313 d.C. Questa proclamazione garantì la libertà religiosa in tutto l’impero, ponendo fine alla persecuzione dei cristiani e ponendo le basi per la tolleranza religiosa. Fu un cambiamento radicale, poiché l’impero passò dalla persecuzione dei cristiani al riconoscimento ufficiale della loro fede.

Costantino in realtà fece un ulteriore passo avanti e si sforzò di promuovere la sua nuova fede. Il suo regno vide un graduale favore del cristianesimo rispetto al paganesimo. Concesse privilegi al clero cristiano, finanziò la costruzione di chiese e promosse i cristiani a posizioni di alto rango. Uno dei contributi più significativi di Costantino al cristianesimo fu il suo ruolo nel Primo Concilio di Nicea nel 325 d.C. Convocò questo incontro di vescovi cristiani per affrontare la controversia ariana, che riguardava la natura di Cristo e il suo rapporto con Dio Padre. Il concilio portò alla nascita del Credo niceno, una dichiarazione fondamentale della fede cristiana.

Tuttavia, Costantino non bandì mai del tutto il paganesimo. In effetti, come mostra questo nuovo studio, egli abbracciava ancora almeno alcuni elementi dell’antica fede romana.

La lettera dell’Imperatore e la scoperta di un tempio

Boin studiò una lettera scritta da Costantino, rinvenuta per la prima volta nel XVIII secolo. Questa lettera concedeva agli abitanti della città di Spello il permesso di celebrare una festa religiosa localmente, piuttosto che dover viaggiare molto per un’altra festa. Ma non era gratis. In cambio, i cittadini dovettero costruire un nuovo tempio dedicato a quelli che Costantino definì i suoi “antenati divini”. Come accennato in precedenza, gli imperatori romani storicamente si consideravano dei a pieno titolo e, come tali, erano considerati adorabili.

Questo è noto come il “Culto Imperiale”.

“C’era una notevole continuità religiosa tra il mondo romano e il mondo cristiano primitivo”, ha dichiarato Boin.

“Le cose non sono cambiate da un giorno all’altro. Prima della nostra scoperta, non avevamo mai avuto la sensazione che esistessero siti fisici e religiosi reali associati a questa tarda “pratica di culto imperiale”. Ma a causa dell’iscrizione e del suo riferimento a un tempio, Spello offriva un potenziale molto allettante per un’importante scoperta di un culto imperiale sotto un sovrano cristiano”.

Boin si recò a Spello e supervisionò le indagini geofisiche che fotografarono il sottosuolo dove i ricercatori sospettavano potessero trovarsi le rovine di questo tempio. Dopo settimane di sondaggi, hanno finalmente individuato una struttura dall’aspetto promettente sotto un parcheggio. Gli scavi successivi hanno rivelato due muri adiacenti, seguiti da altre strutture che formavano le mura del tempio. Il sito è oggi la migliore e più grande testimonianza del culto imperiale nel tardo impero romano.

Questo edificio”, ha osservato Boin, “mostra la capacità di resistenza delle tradizioni pagane e come gli imperatori romani continuassero a negoziare i propri valori e sogni per il futuro senza cancellare il passato”.

Mentre Boin e il suo team si preparano per ulteriori scavi la prossima estate, questo tempio è pronto a ridefinire la nostra comprensione dei cambiamenti sociali e culturali nel tardo Impero Romano. Non si erge solo come struttura fisica ma come simbolo della complessa interazione tra tradizioni passate e credenze emergenti in una delle epoche più trasformative della storia.

“Siamo sul punto di fornire alla gente una prova molto visibile che sconvolge davvero il modo in cui le persone pensano ai grandi momenti di cambiamento culturale”, ha affermato. 

“I cambiamenti culturali non sono mai così grandi come pensiamo che siano mentre li viviamo, e c’è molta zona grigia tra i costumi delle persone e la società e la cultura in generale. E molti di questi possono essere lasciati fuori dalla storia. Quindi, fare in modo che questo tempio sia potenzialmente un tempio dedicato ai divini antenati di Costantino come un modo per adorare l’imperatore in un mondo sempre più cristiano in quel momento, è così strano e mi piace che possiamo portarlo alla luce”, ha concluso.

I risultati sono stati presentati all’incontro annuale dell’Archaeological Institute of America.

2