Forse c’è solo un altro pianeta nella nostra galassia davvero simile alla Terra

Cosa è necessario avere per un esopianeta alieno per avere le giuste condizioni per ospitare la vita come la conosciamo? Molto, a quanto pare

0
4309

Cosa è necessario avere per un esopianeta alieno per avere le giuste condizioni per ospitare la vita come la conosciamo? Molto, a quanto pare.

Nonostante un documento dell’anno scorso affermasse che potrebbero esserci 300 milioni di pianeti “potenzialmente abitabili” nella nostra galassia una nuova ricerca pubblicata negli avvisi mensili della Royal Astronomical Society complica le cose.

Suggerendo che condizioni simili alla Terra su pianeti potenzialmente abitabili potrebbero essere molto più rare di quanto si pensasse in precedenza, questa nuova analisi degli esopianeti conosciuti si concentra sulla fotosintesi.

Finora gli astronomi hanno scoperto 4.422 pianeti extrasolari, ma solo una manciata è considerata potenzialmente abitabile.

La fotosintesi è il modo in cui le piante utilizzano la luce solare, l’acqua e l’anidride carbonica per creare ossigeno ed energia.



Dato che la fotosintesi è ritenuta fondamentale nel consentire biosfere complesse di tipo terrestre, per un esopianeta essere potenzialmente abitabile significa quindi che deve sviluppare un’atmosfera basata sull’ossigeno.

Il James Webb Space Telescope (JWST), il cui lancio è previsto entro la fine dell’anno, sarà in grado di studiare le atmosfere degli esopianeti mentre transitano sulle loro stelle. La luce che arriva attraverso la loro atmosfera rivelerà quali gas contengono.

Tuttavia, la fotosintesi richiede acqua liquida. Solo gli esopianeti che hanno la giusta temperatura, né troppo caldi né troppo freddi, potrebbero ospitare una cosa del genere sulla loro superficie.

Quindi quanti esopianeti rocciosi delle dimensioni della Terra ci sono in questa cosiddetta “Zona di Riccioli d’Oro?

Non molti, suggerisce questa ricerca.

Infatti, anche nella manciata di esopianeti rocciosi e potenzialmente abitabili conosciuti, nessuno ha le condizioni teoriche per sostenere una biosfera simile alla Terra alimentata dalla fotosintesi.

Non sono tutte cattive notizie.

Lo studio, che ha studiato la quantità di radiazioni (sole) che ogni promettente esopianeta riceve dalla sua stella, rivela un pianeta che si avvicina a ricevere abbastanza luce solare per sostenere una grande biosfera che potrebbe essere rilevata da JWST: Kepler-442b.

Quello che sappiamo di Kepler-442b

Kepler-443b è un pianeta roccioso grande circa il doppio della massa della Terra che orbita attorno a una stella nana arancione moderatamente calda a circa 1.120 anni luce di distanza, nella costellazione della Lira.

La sua esistenza è stata annunciata nel 2015 dopo essere stata scoperta dal telescopio spaziale Kepler in transito sulla sua stella madre. Il telescopio ha smesso di funzionare nel 2018.

Chiamato anche KOI-4742.01, questo esopianeta è a circa metà della distanza dalla sua stella rispetto alla Terra dal Sole. Ci vogliono 112 giorni perché Kepler-443 percorra un’orbita completa.

Tuttavia, è una “super-Terra”, cioè, che nonostante il nome, non è esattamente simile alla Terra.

Lo studio conclude che le stelle intorno alla metà della temperatura del nostro Sole non possono sostenere biosfere simili alla Terra perché non forniscono energia sufficiente nella corretta gamma di lunghezze d’onda.

Ciò non significa che la fotosintesi non sarebbe possibile, ma non ci sarebbe abbastanza vita vegetale sul pianeta per sostenere una biosfera simile alla Terra.

È un duro colpo per la ricerca della vita nella galassia poiché il 70% delle stelle nella Via Lattea sono deboli stelle nane rosse (chiamate anche M-nane), nessuna delle quali – suggerisce questo studio – fornisce ai loro pianeti abbastanza luce solare per una fotosintesi significativa.

Ancora peggio, sempre secondo le conclusioni dello studio, le stelle più calde e luminose del nostro Sole potrebbero, in teoria, alimentare più fotosintesi, ma queste stelle non hanno una vita abbastanza lunga da consentire l’evoluzione di una vita complessa.

Dal momento che le nane rosse sono di gran lunga il tipo di stella più comune nella nostra galassia, questo risultato indica che le condizioni simili alla Terra su altri pianeti potrebbero essere molto meno comuni di quanto potremmo sperare“, ha affermato l’autore principale, il professor Giovanni Covone dell’Università di Napoli.

Questo studio pone forti vincoli ai parametri necessari per la nascita della vita complessa, quindi sfortunatamente sembra che il “punto debole” per ospitare una ricca biosfera simile alla Terra non sia così ampio“.

2