Scoperto in Israele l’Homo Nesher Ramla, imparentato coi Neanderthal

L'esemplare, soprannominato Homo Nesher Ramla dalla cava di calcare nel centro di Israele dove è stato trovato, visse tra 140.000 e 120.000 anni fa

0
2606

Quasi un decennio fa, gli archeologi nel centro di Israele hanno scoperto alcuni frammenti di uno strano cranio di ominide. Dopo anni di studio, giovedì i ricercatori hanno rivelato la loro conclusione: apparteneva a un tipo precedentemente sconosciuto di umani arcaici.

L’esemplare, soprannominato Homo Nesher Ramla dalla cava di calcare nel centro di Israele dove è stato trovato, visse tra 140.000 e 120.000 anni fa. Potrebbe essere stato uno degli ultimi sopravvissuti di un antichissimo gruppo di ominidi preistorici che potrebbero essere stati i precursori del Neanderthal europeo, postulano i suoi scopritori.

La scoperta, fatta da un team di studiosi israeliani e internazionali, ha abbellito la copertina di Science Magazine di questa settimana ed è stata dettagliata in due articoli, uno che discuteva del teschio stesso e l’altro degli strumenti e delle ossa di animali rinvenute con esso.

Questo fossile cambia molte delle nostre opinioni sull’evoluzione umana e in particolare sui Neanderthal, che si pensava avessero avuto origine in Europa, piuttosto che in Medio Oriente“, afferma il prof. Israel Hershkovitz, un antropologo fisico dell’Università di Tel Aviv che ha guidato l’analisi del cranio.

La mandibola e il cranio di Nesher Ramla.
La mandibola e il cranio del Nesher Ramla. Credito: Avi Levin e Ilan Theiler, Facoltà di Medicina Sackler, Università di Tel Aviv

Un puzzle paleolitico

Il cranio parziale, che comprende la maggior parte delle ossa parietali e della mascella inferiore, è stato trovato durante uno scavo di salvataggio del 2010-2011 in un sito preistorico scoperto nella cava di calcare utilizzata dalla fabbrica di cemento Nesher. Il sito si trova appena fuori dalla città israeliana di Ramla.
I bulldozer stavano sgombrando una nuova sezione della cava quando hanno colpito un’antica dolina. Mentre scavavano i sedimenti fino a una profondità di 12 metri, sono emersi strati di strumenti preistorici e ossa di animali.

A questo punto, Yossi Zaidner, un archeologo ora all’Università Ebraica di Gerusalemme, è stato chiamato per scavare il sito prima che fosse distrutto.

Si è trattato di uno scavo di salvataggio, quindi abbiamo dovuto scavare molto più velocemente del solito“, ricorda Zaidner. “In quelle due stagioni abbiamo portato alla luce una quantità di materiale che normalmente richiederebbe 20 anni”.



Il materiale estratto dallo scavo consisteva principalmente di decine di migliaia di selci e ossa di animali in quello che si è rivelato essere uno dei siti preistorici più ricchi di Israele, dice l’archeologo. sono stati ritrovati resti di: uri (un grande bovino selvatico ormai estinto), tartarughe, cavalli, rinoceronti, cervi e altri animali.

La conclusione immediata è stata che che gli uomini preistorici dovevano aver usato la dolina naturale come un accampamento all’aperto per cacciare e macellare le loro prede. Ma chi era stato esattamente a cacciare?

L’ipotesi era che si trattasse di Homo sapiens. Sappiamo che i sapiens arcaici fecero le prime incursioni dall’Africa nell’Israele odierno già 200.000 anni fa e gli strumenti trovati a Nesher Ramla, datati a circa 120.000 anni fa, erano simili a quelli rinvenuti in altri siti di questo periodo e noti per essere stati abitati da questi primi pionieri sapiens, osserva Zaidner.

Ma quando gli antropologi hanno analizzato i resti del cranio, gli unici resti umani trovati nello scavo, hanno avuto una sorpresa.

Homo Nesher Ramle,: le parti del cranio che sono state scoperte
Homo Nesher Ramle,: le parti del cranio scoperte Credito: Università di Tel Aviv

Non assomiglia per niente all’Homo sapiens“, dice Hershkovitz. Le ossa mostravano uno sconcertante mosaico di caratteristiche primitive e più avanzate, come un cranio insolitamente spesso e una forma cranica ampia, bassa, piatta, quasi schiacciata.

I ricercatori hanno condotto analisi avanzate della forma tridimensionale e valutato più tratti fisici per confrontarli con altri esemplari noti di Homo e capire a quale specie appartiene.

Il cranio di Nesher Man non si adatta a nessun gruppo di ominidi conosciuto, afferma l’antropologa dell’Università di Tel Aviv Hila May, che ha preso parte allo studio. Alcuni tratti rientrano nella gamma di Homo erectus, il primo ominide a lasciare l’Africa e diffondersi in Eurasia circa 1,9 milioni di anni fa, dice.

Altre caratteristiche sono più tipiche dei Neanderthal, in particolare i primi esemplari che appaiono circa 400.000 anni fa in Europa.

Un gruppo di disadattati

Ma cosa ci faceva questo ominide sconosciuto e morfologicamente primitivo in Israele 140.000-120.000 anni fa, un tempo relativamente recente (in termini evolutivi), quando il Levante era già inondato di sapiens mentre l’Europa era ancora saldamente nelle mani dei Neanderthal? E qual era la connessione di questa nuova specie di Homo con il resto del nostro albero evolutivo?

Per rispondere a queste domande, Hershkovitz e colleghi hanno esaminato la morfologia di altri resti di ominidi che sono stati scoperti in Israele nell’ultimo secolo e che risalgono al Pleistocene medio, il periodo geologico che va da 780.000 a 126.000 anni fa.

Ci sono più scheletri che risalgono a questa era e non sono mai stati identificati chiaramente come appartenenti a un gruppo specifico di Homo: c’è una manciata di denti risalenti a 400.000 anni fa trovati nella grotta di Qesem, sempre nel centro di Israele; un cranio parziale di 300.000 anni trovato nella grotta di Zuttiyeh e noto come “Uomo della Galilea” e uno scheletro di 160.000 anni dalla grotta di Tabun sul Monte Carmelo.
Gli studiosi hanno discusso dell’identità di questi fossili per decenni, ma quando Hershkovitz e colleghi hanno confrontato le loro morfologie con quelle dell’esemplare appena scoperto di Nesher Ramla, hanno scoperto che si adattavano allo stesso gruppo.

Tutti hanno caratteristiche molto arcaiche e una somiglianza con le popolazioni di Neanderthal“, afferma l’antropologa Rachel Sarig. “Quindi pensiamo che l’esemplare di Nesher Ramla fosse in realtà uno degli ultimi sopravvissuti di un gruppo che esisteva da molto tempo, forse 400.000 anni o più“.

Da dove vengono i Neanderthal?

Il mix di caratteristiche arcaiche e tratti di Neanderthal suggerisce anche che l’Uomo di Nesher potrebbe essere stato un predecessore evolutivo dei Neanderthal e di altri ominidi che abitavano l’Eurasia durante il Pleistocene medio, sostiene Hershkovitz.

Fino a poco tempo fa gli studiosi credevano fermamente che i Neanderthal si fossero evoluti in Europa, ma numerosi studi negli ultimi anni hanno messo in discussione questo paradigma e suggerito invece un’origine mediorientale per loro.

La morfologia degli ominidi europei del Pleistocene medio è estremamente variabile, tanto che gli scienziati dubitano che possano essersi tutti evoluti da un’unica popolazione del continente stesso. Più probabilmente, l’Europa è stata colonizzata da ondate successive di ominidi dal Medio Oriente durante i periodi interglaciali, quando la calotta glaciale si è ritirata, ipotizzano alcuni ricercatori.

Queste popolazioni si ritirarono o furono spazzate via quando il clima dell’era glaciale divenne più inclemente, per essere poi sostituite da nuovi gruppi provenienti dal Levante durante i rinnovati periodi caldi.

Questo è ciò che l’archeologo britannico Robin Dennell ha soprannominato il modello “fonti e pozzi” – con il Nord Europa che funge da pozzo e l’Europa meridionale o il Levante come base per la popolazione sorgente che periodicamente sostituisce i suoi vicini più vulnerabili a nord.

Un recente studio su campioni di DNA provenienti da varie grotte di Neanderthal ha infatti dimostrato che la popolazione in questi siti è scomparsa ed è stata sostituita da migranti appena arrivati ​​almeno due volte prima dell’estinzione definitiva dei Neanderthal circa 40.000 anni fa.

E infine, nel 2018, un team di archeologi spagnoli ha scritto in uno studio sulle origini dei Neanderthal che: “Ipotizziamo che durante il Pleistocene medio il continente europeo sia stato colonizzato in momenti diversi da gruppi di ominidi provenienti dall’Asia sudoccidentale, probabilmente da una popolazione madre comune in evoluzione in quest’ultima regione”.

Quella popolazione madre è stata ora identificata nella polverosa cava di calcare di Nesher Ramla, afferma Hershkovitz. “Sono la popolazione di origine, erano i Neanderthal prima dei Neanderthal“, dice.
Questa popolazione levantina non si è necessariamente diffusa solo a ovest, ma potrebbe anche essere migrata a est, evolvendosi nelle varianti Homo che sono state scoperte nell’Asia orientale, aggiunge.

È probabile che l’interpretazione della scoperta susciterà un acceso dibattito tra gli studiosi dell’evoluzione umana.

Da un lato, è una scoperta “rinfrescante” che mette in discussione uno scenario tradizionalmente lineare e semplificato per l’evoluzione umana, afferma la prof.ssa Mirjana Roksandic, un’antropologa dell’Università di Winnipeg, in Canada.
Tuttavia, “Non sono convinta al 100% dell’idea che i Neanderthal abbiano avuto origine in quella parte del mondo. La loro morfologia è abbastanza distinta e nasce presto in Europa“, ha dichiarato Roksandic.
I Neanderthal ancestrali potrebbero essere arrivati ​​abbastanza facilmente dal Levante nell’Europa occidentale, tuttavia, è improbabile che abbiano sviluppato la morfologia di Neanderthal proprio lì e quindi questo esemplare tardivo non può davvero contribuire al dibattito“.

In altre parole, gli archeologi nel Levante dovranno trovare scheletri ancora più vecchi di Homo Nesher Ramla se vorranno dimostrare in modo definitivo la loro ipotesi.

Inoltre, c’è un altro elemento che supporta il  posto dell’homo di Nesher nell’albero evolutivo, perché aiuta a spiegare un altro mistero nella storia dei Neanderthal.

Recenti studi genetici hanno indicato che i Neanderthal hanno sperimentato un afflusso di DNA sapiens più di 100.000 anni fa. Sapevamo già che tutti gli umani in vita oggi portano una piccola percentuale di DNA di Neanderthal, ma si è sempre pensato che i due gruppi si fossero incontrati e si mescolati solo in una data molto più tarda (cosa che in effetti è avvenuta).
Un ulteriore, precedente, evento di mescolanza incrociata sembra impossibile se rimaniamo fermi nel credere che i Neanderthal siano nati e vissuti esclusivamente in Europa, dal momento che gli umani moderni hanno raggiunto questo continente solo circa 47.000 anni fa.

In altre parole, come potrebbero Neanderthal e Sapiens essersi mescolati più di 100.000 anni fa se erano ancora separati da migliaia di chilometri? Ma, se accettiamo che la popolazione di origine per i Neanderthal provenga dal Levante, allora ciò potrebbe spiegare come i geni sapiens siano arrivati ​​in Europa decine di migliaia di anni prima dei nostri veri antenati.

Come accennato, sappiamo che il primo Homo sapiens era già nel Levante almeno 200.000 anni fa e doveva coesistere con l’appena scoperto Homo Nesher Ramla. In effetti, nel sito di Nesher e nelle vicine grotte di sapiens ci sono prove che i due gruppi hanno interagito strettamente perché non solo producevano utensili simili, ma usavano le stesse tecnologie di fabbricazione degli utensili, spiega Zaidner.

In teoria puoi semplicemente trovare uno strumento del genere sul terreno e ottenere una forma simile usando processi diversi, ma qui vediamo somiglianze in tutte le fasi della scheggiatura della selce, e questo è qualcosa che devi imparare“, dice. “Quindi la migliore spiegazione per i paralleli nelle tecniche di produzione di utensili in pietra è che hanno imparato l’uno dall’altro“.

Questo significa due cose. Primo: anche se l’Uomo di Nesher appare, morfologicamente, così arcaico e diverso da noi, culturalmente era molto simile ai nostri antenati sapiens e apparentemente aveva capacità cognitive comparabili.

In secondo luogo, una stretta comunicazione suggerisce che potrebbero essersi verificate altre forme di interazione, e che questo è il modo in cui gli ominidi europei che potrebbero discendere dall’uomo di Nesher hanno portato dentro di sé un po’ di DNA sapiens.

Non è difficile immaginare che a un certo punto, un ragazzo deve aver mostrato la sua vasta collezione di strumenti di selce di ultima generazione alla ragazza delle caverne della porta accanto. Ne seguì una quantità appropriata di interazioni ravvicinate. Poi una cosa tira l’altra e, beh, il resto è preistoria.

2