Onfim: i disegni di un ragazzo medievale hanno scioccato gli scienziati

Di tutto quel gran numero di persone di diverse professioni che inconsapevolmente ci hanno lasciato i loro appunti, spicca un ragazzino di Novgorod di nome Onfim

0
4864

L’antica città russa di Velikij Novgorod ricorda molti eventi. La terra locale è così ricca di storia che ogni anno viene estratto dalle sue profondità un numero enorme di manufatti, testimoni della profonda antichità. Naturalmente, uno dei tratti distintivi dell’antichità di Novgorod sono le famose lettere di corteccia di betulla.

Lettere di corteccia di betulla di Novgorod

Le vecchie lettere di corteccia di betulla di Novgorod ci permettono di vedere la vita della gente comune, scoprire quali speranze e aspirazioni avevano queste persone che vivevano nel lontano Medioevo. In generale, la tradizione di scrivere su corteccia di betulla appositamente lavorata non è un fenomeno unico, uno simile è registrato nella storia di diversi popoli del mondo.

Tuttavia, fu in Russia che queste lettere, scritte su semplici pezzi di corteccia, raggiunsero la massima distribuzione. La tradizione stessa, avendo conosciuto un picco di popolarità nel Medioevo, non è scomparsa dall’oggi al domani: rari gruppi di vecchi credenti hanno utilizzato la corteccia di betulla quasi fino all’inizio del secolo scorso.

Di cosa corrispondevano i novgorodiani?

L’elenco degli argomenti che gli abitanti dell’antica Novgorod hanno toccato nella loro corrispondenza è molto ampio: si tratta di cambiali, corrispondenza commerciale di mercanti e solo normali conversazioni quotidiane di cui le persone dell’antichità non erano meno avide dei loro discendenti, i nostri contemporanei.

Considerando che ci sono frequenti note di contenuto d’amore di cittadini comuni e istruzioni tipiche dalle mogli ai mariti (qualcosa dal ciclo “non dimenticare di comprare”), si può presumere che i novgorodiani fossero davvero ben istruiti per il loro tempo. Una conferma diretta di ciò sono gli appunti di un certo ragazzo di nome Onfim, scoperto nel 1956.



Onfim il cronista

Di tutto quel gran numero di persone di diverse professioni che inconsapevolmente ci hanno lasciato i loro appunti, spicca un ragazzino di Novgorod di nome Onfim (il nome è probabilmente un’abbreviazione popolare dal greco Anfimy). In totale, 12 lettere e diversi disegni, creati approssimativamente verso la metà del XII secolo, furono scoperti per la sua paternità. L’attenzione che ha attirato i suoi appunti è dovuta alla piccola età dell’autore. A giudicare dalle peculiarità dello stile e della grafia, il bambino aveva solo 6-7 anni.

Ciò testimonia in modo vivido quanto fosse diffusa l’alfabetizzazione in Russia e quanto sorprendentemente i giovani novgorodiani iniziarono a imparare a scrivere. Ovviamente il ragazzo perse tutte le sue opere contemporaneamente, grazie alle quali furono tutte ritrovate dagli archeologi integre e all’interno di una piccola area.

La maggior parte dei suoi appunti sono normali quaderni, simili a quelli su cui i bambini del 21° secolo studiano attentamente. A giudicare dal fatto che Onfim ha commesso relativamente pochi errori, non era la prima volta che incontrava l’alfabetizzazione, aveva già scritto lettere prima. In alcuni testi, ha semplicemente mostrato il suo nome, da qualche parte – si è formato per condurre la corrispondenza commerciale, riferendosi a una certa Danila. Si può presumere che la misteriosa Danila, a cui ha scritto Onfim, fosse la sua compagna di classe e di scrivania.

Tra gli scienziati si presume che una delle lettere trovate nella pila comune non sia stata scritta da Onfim, ma da qualche altro bambino della stessa età

sei l entità perfetta A giudicare dalla natura dei suoi disegni, questo ragazzo, come molti suoi coetanei, sognava di diventare un guerriero. Come molti bambini della sua età, Onfim non ha avuto molto successo nel rappresentare le mani: a volte disegna cinque dita e, a volte, confuso, disegna artigli a tre dita invece dei palmi. È interessante notare che Onfim e le sue note amavano così tanto i novgorodiani che fu eretto un monumento a uno studente del XII secolo, sul quale fu raffigurato a immagine di uno degli eroi dei suoi disegni.

2