11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeFilosofiaVedremmo ancora la nostra umanità allo stesso modo se altre specie di...

Vedremmo ancora la nostra umanità allo stesso modo se altre specie di ominidi – dall’Australopithecus ai Neanderthal – non si fossero estinte?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nelle nostre mitologie, c’è spesso un momento singolare in cui siamo diventati “umani”. Eva colse il frutto dell’Albero della Conoscenza e ottenne la consapevolezza del bene e del male. Prometeo creò gli uomini dall’argilla e diede loro il fuoco. Ma nella storia delle origini moderna, l’evoluzione, non c’è un momento decisivo della creazione. Invece, gli umani sono emersi gradualmente, generazione dopo generazione, dalle specie precedenti.

Proprio come qualsiasi altro adattamento complesso – l’ala di un uccello, il colpo di fortuna di una balena, le nostre stesse dita – la nostra umanità si è evoluta passo dopo passo, nel corso di milioni di anni. Le mutazioni sono apparse nel nostro DNA, si sono diffuse attraverso la popolazione e i nostri antenati sono diventati lentamente qualcosa di più simile a noi e, infine, siamo apparsi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le persone sono animali, ma  noi siamo diversi dagli altri animali. Abbiamo linguaggi complessi che ci permettono di articolare e comunicare idee. Siamo creativi: facciamo arte, musica, strumenti. La nostra immaginazione ci permette di escogitare mondi che una volta esistevano, di immaginare mondi che potrebbero ancora esistere e di riordinare il mondo esterno secondo quei pensieri. Le nostre vite sociali sono reti complesse di famiglie, amici e tribù, legate da un senso di responsabilità l’una verso l’altro. Abbiamo anche una consapevolezza di noi stessi e del nostro universo: senzienza, sapienza, coscienza.

Eppure la distinzione tra noi stessi e gli altri animali è, probabilmente, artificiale. Gli animali sono più simili agli umani di quanto ci piacerebbe pensare.

Questo è particolarmente vero per le grandi scimmie. Gli scimpanzé, ad esempio, hanno una comunicazione gestuale e verbale semplice . Producono strumenti grezzi, persino armi, e gruppi diversi hanno suite di strumenti diverse – culture distinte. Gli scimpanzé hanno anche una vita sociale complessa e  collaborano  tra loro.

Come ha notato Charles Darwin in The Descent of Man, quasi tutto ciò che è strano sull’Homo sapiens – emozione, cognizione, linguaggio, strumenti, società – esiste, in qualche forma primitiva, in altri animali. Siamo diversi, ma meno diversi di quanto pensiamo.

In passato, alcune specie erano molto più simili a noi di altre scimmie:  Ardipithecus,  Australopithecus, Homo erectus  e Neanderthal. Gli Homo sapiens sono gli unici sopravvissuti di un gruppo un tempo diversificato di umani e scimmie simili agli umani, noti collettivamente come ominidi. È un gruppo che comprende circa 20 specie conosciute e probabilmente dozzine di specie ancora sconosciute.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’estinzione degli altri ominidi, tuttavia, ha contribuito a creare l’impressione di un vasto e incolmabile abisso che separa la nostra specie dal resto della vita sulla Terra. Ma la divisione ci sarebbe molto meno chiara se quelle specie esistessero ancora. Quella che sembra una linea di demarcazione netta è in realtà un artefatto dell’estinzione.

La scoperta di queste specie estinte ora offusca nuovamente quella linea e mostra come la distanza tra noi e gli altri animali sia stata superata, gradualmente, nel corso dei millenni.

Il nostro lignaggio probabilmente si separò dagli scimpanzé circa sei milioni di anni fa. Tuttavia, questi primi ominidi, membri della linea umana, sarebbero sembrati a malapena umani. Per i primi milioni di anni, l’evoluzione degli ominidi fu lenta.

Il primo grande cambiamento è stato il  camminare in posizione eretta, che ha permesso agli ominidi di spostarsi dalle foreste alle praterie. Ma se camminavano come noi, nient’altro suggerisce che i primi ominidi fossero più umani degli scimpanzé o dei gorilla. Ardipithecus, il primo ominide noto, aveva un cervello leggermente più piccolo di quello di uno scimpanzé e non ci sono prove che usassero strumenti.

Nel milione di anni successivo apparve l’Australopiteco. L’Australopiteco aveva un  cervello leggermente più grande, più grande di quello di uno scimpanzé, ma ancora più piccolo di quello di un gorilla. Realizzava strumenti leggermente più sofisticati degli scimpanzé, usando pietre taglienti per macellare gli animali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Poi venne l’Homo habilis. Per la prima volta, le dimensioni del cervello degli ominidi superarono quelle di altre scimmie. Gli strumenti – scaglie di pietra, pietre a martello, “tritatutto” –  divennero molto più complessi. Dopo di che, circa due milioni di anni fa, l’evoluzione umana ha accelerato, per ragioni che dobbiamo ancora capire.

A questo punto è apparso l’Homo erectus. Gli Erectus erano più alti, più simile a noi nella statura e aveva un cervello grande, parecchie volte più grande del cervello di uno scimpanzé e fino a due terzi del nostro. Realizzavano strumenti sofisticati, come asce di pietra. Questo è stato un importante progresso tecnologico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Come noi, l’Homo erectus aveva denti piccoli. Ciò suggerisce un passaggio dalle diete a base vegetale al consumo di più carne, probabilmente ottenuta dalla caccia.

È qui che la nostra evoluzione sembra accelerare. L’Erectus dal cervello grande diede presto origine a specie ancora più grandi. Questi ominidi altamente intelligenti si diffusero attraverso l’Africa e l’Eurasia, evolvendosi in  Neanderthal, Denisovans,  Homo rhodesiensis e Homo sapiens arcaico. La tecnologia divenne molto più avanzata:   apparvero lance con punta di pietra e il controllo del fuoco. Negli ultimi mezzo milione di anni sono comparsi anche oggetti senza una chiara funzionalità, come  gioielli e opere d’arte.

Alcune di queste specie erano sorprendentemente simili a noi nei loro scheletri e nel loro DNA .

L’Homo neanderthalensis, l’uomo di Neanderthal, aveva un cervello di dimensioni simili al nostro e nel tempo ha evoluto cervelli ancora più grandi fino a quando gli ultimi Neanderthal avevano capacità craniche paragonabili a quelle di un umano moderno. Avrebbero potuto pensare a se stessi, persino a parlare di se stessi, come umani.

La documentazione archeologica sui Neanderthal registra  un comportamento unicamente umano, suggerendo una mente simile alla nostra. I Neanderthal erano cacciatori abili e versatili , che sfruttavano di tutto, dai conigli ai rinoceronti e ai mammut lanosi. Realizzavano strumenti sofisticati, come lance con punte di pietra. Hanno modellato gioielli da conchiglie, denti di animali e artigli d’aquila e hanno realizzato arte rupestre. E le orecchie di Neanderthal erano, come le nostre, adatte a udire le sottigliezze del discorso. Sappiamo che seppellivano i loro morti e probabilmente li piangevano.

Ci sono moltissime cose sui Neanderthal che non sappiamo e non sapremo mai. Ma se erano così simili a noi nei loro scheletri e nei loro comportamenti, è ragionevole supporre che potrebbero essere stati come noi in altri modi – ad esempio, forse cantavano e ballavano, temevano gli spiriti e adoravano gli dei, ammiravano le stelle, raccontavano storie, ridevano con gli amici e amavano i loro figli.

Nella misura in cui i Neanderthal erano come noi, dovevano essere capaci di atti di grande gentilezza ed empatia, ma anche crudeltà, violenza e inganno.

Si sa molto meno di altre specie, come Denisovans, Homo rhodesiensis e sapiens estinti, ma è ragionevole intuire dai loro grandi cervelli e dai crani dall’aspetto umano che fossero anche loro molto simili a noi.

Il DNA di Neanderthal, Denisova e altri ominidi si trova in noi. Li abbiamo conosciuti e abbiamo avuto dei figli insieme. Questo la dice lunga su quanto fossero umani.

Non è impossibile che l’Homo sapiens abbia fatto prigioniere le donne di Neanderthal, o viceversa. Ma perché i geni di Neanderthal siano potuti entrare nelle nostre popolazioni, abbiamo dovuto non solo accoppiarci, ma anche allevare con successo i bambini, che sono cresciuti per allevare i propri figli. È probabile che questo sia accaduto in seguito ad accoppiamenti derivati da matrimoni misti volontari. La miscelazione dei geni richiede anche che i discendenti ibridi venissero accettati nei loro gruppi, per essere trattati come completamente umani.

Questi argomenti valgono non solo per i Neanderthal, ma per altre specie con cui ci siamo incrociati, inclusi i  Denisova e gli ominidi sconosciuti in Africa. Il che non vuol dire che gli incontri tra la nostra specie siano stati senza pregiudizi o del tutto pacifici. È concepibile che la nostra stessa specie possa essere stata responsabile dell’estinzione di questi popoli. Ma devono esserci state volte in cui abbiamo guardato oltre le nostre differenze per trovare un’umanità condivisa.

Infine, l’estinzione di Neanderthal, Denisova e altre specie ha richiesto centinaia di migliaia di anni. Se i Neanderthal e i Denisova fossero stati davvero stupidi bruti privi di linguaggio o pensiero complesso, non avrebbero potuto tenere a bada gli umani moderni finché lo hanno fatto.

Perché, se erano così come noi, li abbiamo sostituiti? Non è chiaro, il che suggerisce che la differenza fosse qualcosa che non lascia segni evidenti nei fossili o negli strumenti di pietra. Forse una scintilla di creatività – un modo con le parole, un talento per gli strumenti, abilità sociali – ci ha dato un vantaggio. Qualunque fosse la differenza, era sottile, o non ci sarebbe voluto così tanto tempo per vincere.

Fino ad ora, ho evitato una domanda importante, e probabilmente la più importante. Va tutto bene discutere di come si è evoluta la nostra umanità, ma cos’è l’umanità? Come studiarla e riconoscerla, senza definirla?

Le persone tendono a pensare che ci sia qualcosa che ci rende fondamentalmente diversi dagli altri animali. La maggior parte delle persone, ad esempio, tenderebbe a pensare che sia giusto vendere, cucinare o mangiare una mucca, ma non fare lo stesso con il macellaio. Questo sarebbe, beh, disumano. Come società, tolleriamo di mostrare scimpanzé e gorilla in gabbia, ma non sarebbe corretto farlo l’uno con l’altro. Allo stesso modo, possiamo andare in un negozio e comprare un cucciolo o un gattino, ma non un bambino.

Le regole sono diverse per noi e per loro. Ci consideriamo intrinsecamente su un piano morale e spirituale diverso. Potremmo seppellire il nostro animale domestico morto, ma non ci aspetteremmo che il fantasma del cane ci perseguiti, o di trovare il gatto che ci aspetta in paradiso. Eppure, è difficile trovare prove di questo tipo di differenza fondamentale.

La parola “umanità” implica prendersi cura e avere compassione l’uno dell’altro, ma questa è probabilmente una qualità dei mammiferi, non squisitamente umana. Una mamma gatta si prende cura dei suoi cuccioli e un cane ama il suo padrone, forse più di qualsiasi essere umano. Le orche e gli elefanti formano legami familiari per tutta la vita. Le orche sembrano  addolorate per i loro cuccioli morti e sono stati visti elefanti visitare i resti dei loro compagni morti. La vita e le relazioni emotive non sono un fatto esclusivo nostro.

Forse è la consapevolezza che ci distingue. Ma cani e gatti sembrano certamente consapevoli di noi: ci riconoscono come individui, come noi li riconosciamo. Ci capiscono abbastanza bene da sapere come convincerci a dar loro del cibo, o a farli uscire di casa, o anche quando abbiamo avuto una brutta giornata e abbiamo bisogno di compagnia. Se questa non è consapevolezza, cos’è?

Potremmo indicare che i nostri grandi cervelli ci distinguono, ma questo ci rende umani? I delfini tursiopi hanno un cervello un po’ più grande del nostro. I cervelli degli elefanti sono tre volte più grandi dei nostri, quelli delle orche quattro volte e dei capodogli cinque volte. Le dimensioni del cervello variano anche negli esseri umani. Qualcosa di diverso dalle dimensioni del cervello deve renderci umani. O forse c’è molto di più nella mente di altri animali, inclusi gli ominidi estinti, di quanto pensiamo.

Potremmo definire l’umanità in termini di capacità cognitive superiori come l’arte, la matematica, la musica, il linguaggio. Questo crea un problema curioso perché non tutti gli umani fanno queste cose nello stesso modo. Scrivo meno bene di Jane Austen, non canto come Taylor Swift, sono meno articolato di Martin Luther King. Sotto questi aspetti, sono meno umano di loro?

Se non possiamo nemmeno definirlo, come possiamo davvero dire dove inizia e dove finisce la nostra unicità? Perché insistiamo nel trattare le altre specie come intrinsecamente inferiori, se non siamo esattamente sicuri di cosa ci rende quello che siamo?

Né siamo necessariamente il punto finale logico dell’evoluzione. Eravamo una delle tante specie di ominidi, e sì, abbiamo vinto. Ma è possibile immaginare un altro corso evolutivo, una diversa sequenza di mutazioni ed eventi storici che potrebbe aver portato gli archeologi di Neanderthal a studiare i nostri strani teschi simili a bolle, chiedendosi quanto fossimo umani.

La natura dell’evoluzione significa che gli esseri viventi non rientrano in categorie precise. Le specie cambiano gradualmente da una all’altra e ogni individuo di una specie è leggermente diverso, il che rende possibile il cambiamento evolutivo. Ma questo rende difficile definire l’umanità.

Siamo diversi dagli altri animali a causa della selezione naturale ma come loro a causa dell’ascendenza condivisa: uguali, ma diversi. E noi umani siamo sia simili che diversi l’uno dall’altro, uniti da antenati comuni con altri Homo sapiens, diversi a causa dell’evoluzione e della combinazione unica di geni che ereditiamo dalle nostre famiglie o anche da altre specie, come i Neanderthal e i Denisova.

È difficile classificare gli esseri viventi in categorie rigorose, perché l’evoluzione cambia costantemente le cose, creando specie diverse e diversità all’interno delle specie.

E che diversità è?

È vero, per certi versi, la nostra specie non è così diversa. L’Homo sapiens mostra meno diversità genetica rispetto al ceppo batterico medio, i nostri corpi mostrano meno variazioni di forma rispetto alle spugne, alle rose o alle querce. Ma nel nostro comportamento, l’umanità è estremamente diversa. Siamo cacciatori, contadini, matematici, soldati, esploratori, carpentieri, criminali, artisti. Ci sono tanti modi diversi di essere umani, tanti aspetti diversi della condizione umana, e ognuno di noi deve definire e scoprire cosa significa essere umano. È, ironia della sorte, questa incapacità di definire l’umanità che è una delle nostre caratteristiche più umane.

* Nicholas Longrich, l’autore di questo articolo, è docente di paleontologia e biologia evolutiva presso l’Università di Bath

Articoli più letti