Come l’Ucraina sta vincendo la guerra della propaganda, tra verità e bugie

Non sempre le informazioni che arrivano dai teatri di guerra sono affidabili, soprattutto quando queste informazioni vengono fornite dalle parti in causa. Lo stesso si può dire per i media politicamente schierati e, purtroppo, ai giorni nostri, anche molti utenti dei social media tendono a rimestare nel torbido producendo documentazione falsa o diffondendo notizie e informazioni infondate. Tutto questo crea una cortina nebbiogena sui fatti che da sempre viene chiamata propaganda.

La propaganda è parte integrante di ogni guerra e le parti belligeranti compiono grandi sforzi per far passare i propri messaggi, soprattutto in un’epoca come la nostra in cui, attraverso i media di massa, social o no, si può influenzare l’opinione pubblica internazionale.

In questo articolo non esprimeremo giudizi e non prenderemo le parti di qualcuno, come è nel costume de Reccom Magazine, ci limiteremo ad esaminare come la propaganda ucraina stia vincendo largamente il confronto sui media con le controparti russe.

Ad esempio, la lista dei risultati ottenuti dal “Ghost of Kyiv“, il primo pilota insignito col titolo di Asso in Europa dalla seconda guerra mondiale, continua a crescere mentre l’invasione russa dell’Ucraina, iniziata il 23 febbraio, imperversa in tutte le città.

Gli ultimi rapporti sul conteggio delle vittime suggeriscono che il Ghost ha abbattuto sei aerei russi. Ma è vero? Nessuno lo sa, anche se è improbabile. Per ora, la leggenda del pilota fantasma si sta rivelando, più o meno, un grande pezzo di propaganda ucraina.

Sebbene le loro truppe affrontino quella che alcuni chiamerebbero una sfida insormontabile da parte dell’esercito russo, i media ucraini, con l’aiuto di una visibilità globale, stanno attualmente conquistando il cuore delle persone nel mondo occidentale con storie di vecchiette che si oppongono alle truppe russe, Nonni di 80 anni che si offrono volontari per combattere, la cattura di cecchini e un’anima coraggiosa che ha cercato di fermare un convoglio di camion russi mettendoglisi davanti, in una vera e propria rievocazione di piazza Tien an men, quando, nel 1989, uno studente si oppose all’avanzata dei carri armati ponendosi disarmato sulla loro strada.

La veridicità di queste storie si è rivelata impossibile da verificare in modo indipendente mentre gli scontri a fuoco imperversano in tutto il paese. Ma la natura enigmatica di queste storie, come osserva Peter Singer, stratega della New America e autore di “Likewar: The Weaponization of Social Media“, potrebbe effettivamente aiutare la causa.

Riguarda più la storia di un eroe che combatte contro le probabilità che il suo nome o anche la verità della storia“, ha detto Singer in un’intervista rilasciata a Military Times.

E Internet è in fermento per le voci di cittadini ucraini che mostrano un coraggio senza precedenti di fronte a probabilità impossibili contro la Russia, i presunti pro della propaganda.

Hanno capovolto la sceneggiatura sui presunti maestri russi“, ha detto Singer. “L’Ucraina non solo è stata in grado di mantenere la sua popolazione in lotta quando l’obiettivo chiave della Russia era causare il rapido collasso, ma ha anche stimolato l’Occidente a livelli di sostegno che pochi immaginavano prima di tutto questo“.

I social media hanno svolto un ruolo importante nell’arruolare l’opinione pubblica in Occidente alla causa ucraina.

I media ucraini stanno evidenziando i russi come aggressori che commettono atrocità contro un vicino altrimenti pacifico, ha detto a Military Times un ex alto ufficiale della guerra informativa dell’esercito americano.

Da parte russa, stanno cercando di presentarsi non come aggressori, ma piuttosto come difensori numero uno dell’etnia russa che si trova all’interno dell’Ucraina“, ha detto l’ufficiale in pensione. “Ecco perché cercano di ritrarre che l’Ucraina come un paese che commette atrocità contro i cittadini di etnia russa“.

La Russia ha in gran parte fatto affidamento sulla sua stretta presa statale sul flusso di informazioni all’interno dei propri confini.

La maggior parte dei media tradizionali all’interno della Russia è controllata e si trovano anche su diverse piattaforme di social media, con alti livelli di censura“, ha osservato Singer. “Se la guerra si trascina, le vittime crescono e l’economia crolla ulteriormente, sarà sempre più difficile per Putin sostenere la loro prima narrativa di un ‘salvataggio’ di emergenza e di una vittoria facile e veloce“.

Sia l’ufficiale che Singer credono che l’Ucraina stia vincendo la guerra di propaganda in questo momento. “Quando anche la Svizzera si unisce alle sanzioni, hai perso quella battaglia narrativa“, ha detto Singer.

I media ucraini sono stati particolarmente abili nell’interpretare l’undicesima ora di ascesa del suo presidente, Volodymyr Zelenskyy, la cui frase, “Ho bisogno di munizioni; non di un passaggio”, potrebbe rivaleggiare con le migliori citazioni di artisti del calibro di William Shakespeare “piangere il caos e lasciarti sfuggire i cani da guerra” in termini di citabilità.

È passato da relativamente poco conosciuto al di fuori dell’Europa a un’icona globale“, ha detto Singer. “Quell’aumento di sostegno e simpatia è stata una parte fondamentale del fatto che l’Ucraina ha convinto altri stati ad aiutare la sua causa. Ottima strategia, da comunicatore naturale”.

Zelenskyj nell’immaginario popolare è divenuto un eroe, la voce della libertà contro l’oppressione tirannica dall’oggi al domani. Ma per i russi è lui il cattivo.

Ho sentito una fonte dei media chiamarlo il George Washington dell’Ucraina“, ha detto l’ex ufficiale. “Ma nei media russi, è descritto come illegittimo e il responsabile di queste atrocità contro i russi etnici in Ucraina“.

Spetta, come ha notato l’ufficiale dell’intelligence, ai media aiutare a distinguere la verità dal sensazionalismo.

Entrambe le parti stanno cercando di controllare la narrativa“, ha detto. “Per me, questa è la storia. Stanno usando questi rapporti non confermati e i social media per ritrarre le cose nel modo in cui vogliono che siano rappresentate per ingraziarsi l’opinione pubblica globale“.

L’Ucraina, per quanto abbia avuto successo con la condivisione e l’avere segnali potenziati su storie di benessere, non è priva della sua quota di disinformazione, tuttavia.

All’inizio del conflitto, la pagina Facebook ufficiale del Ministero della Difesa ha condiviso filmati di un presunto duello aereo con la didascalia “Il MiG-29 dell’Aeronautica Militare delle Forze Armate distrugge l'”impareggiabile” Su-35 degli occupanti russi“. Si è scoperto che proveniva da un videogioco chiamato “Digital Combat Simulator”secondo il fact checking della BBC .

I social media hanno reso sempre più difficile distinguere i fatti dalla finzione, ha affermato l’ex ufficiale dei servizi segreti, aggiungendo che i giornalisti devono essere quelli che definiscono quella linea.

È responsabilità dei media occidentali essere più obiettivi nei loro resoconti“, ha osservato l’ufficiale dell’esercito. “Quello che è cambiato è che ora i media sono diventati così onnipresenti le fonti dei media sono così onnipresenti, che il modo in cui quelle storie vengono scritte e ritratte è ancora più importante di quanto non sia mai stato“.

Insomma, fino ad ora l’abilità degli ucraini è stata quella di trasmettere l’immagine del bambino gracilino che riesce a difendersi contro il grosso bullo con atti eroici. Chi non simpatizza per Davide contro Golia?

L’errore dei russi, invece, sta nell’essersi concentrati nel messaggio interno dell'”operazione militare speciale“, arrivando a negare in più occasioni l’evidenza.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Articoli correlati

Popular Categories