13.8 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeBiologiaBatteri: scoperto un terreno dove non esistono

Batteri: scoperto un terreno dove non esistono

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Anche negli ambienti più difficili, i batteri sembrano sempre cavarsela. Prosperano ovunque, dalle bocche idrotermali bollenti del fondale marino alle cime delle più alte montagne. Sono stati trovati persino ammassi di cellule batteriche attaccate allo scafo della Stazione Spaziale Internazionale.

Non c’era motivo per l’ecologo microbico Noah Fierer di aspettarsi che i 204 campioni di suolo che lui e i suoi colleghi avevano raccolto vicino al ghiacciaio Shackleton in Antartide sarebbero stati diversi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un cucchiaio di terreno tipico potrebbe facilmente contenere miliardi di microbi e i terreni antartici di altre regioni ne ospitano almeno qualche migliaio per grammo. Quindi pensava che tutti i suoi campioni avrebbero ospitato almeno un po’ di vita, anche se l’aria intorno al ghiacciaio Shackleton è così fredda e così secca che Fierer spesso lasciava i suoi panni umidi all’esterno ad asciugare.

Terreni freddi ed aridi in cui neanche i batteri crescono

Sorprendentemente, alcuni dei terreni più freddi e aridi non sembravano affatto essere abitati da batteri, come ha riferito il ricercatore insieme ai suoi colleghi nel Journal of Geophysical Research: Biogeosciences di giugno. A conoscenza di Fierer, questa è la prima volta che gli scienziati hanno trovato terreni che non sembrano supportare alcun tipo di vita microbica.

I risultati suggeriscono che condizioni estremamente fredde e aride potrebbero porre un limite rigido all’abitabilità microbica. I risultati sollevano anche interrogativi su come dovrebbero essere interpretati i risultati scientifici negativi, specialmente nella ricerca della vita su altri pianeti.

La sfida torna a questo tipo di [domanda] filosofica, come si fa a dimostrare un negativo?” dice Fierer.

Dimostrare un risultato negativo è notoriamente difficile. Nessuna misurazione è perfettamente sensibile, il che significa che c’è sempre la possibilità che un esperimento ben eseguito non riesca a rilevare qualcosa che è effettivamente presente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ci sono voluti anni di esperimenti basati su più metodi indipendenti prima che Fierer dell’Università del Colorado a Boulder e il suo collaboratore Nick Dragone si sentissero finalmente abbastanza sicuri da annunciare di aver trovato terreni apparentemente privi di vita microbica.

E i ricercatori hanno affermato intenzionalmente solo che non erano in grado di rilevare la vita nei loro campioni, non che i terreni erano naturalmente sterili. “Non possiamo dire che i terreni sono sterili. Nessuno può dirlo“, afferma Fierer. “Questa è una ricerca senza fine. C’è sempre un altro metodo o una variante di un metodo che potresti provare”.

Il microbiologo polare Jeff Bowman interpreta i risultati del team come un falso negativo. “Certamente, c’erano cose lì”, dice Bowman della Scripps Institution of Oceanography a La Jolla, in California. “Questa è la Terra. Questo è un ambiente massicciamente contaminato dalla vita”.

Anche se ci fossero alcuni batteri non rilevati nel terreno, ha detto Dragone, ciò non pregiudicherebbe le prove del suo team che il freddo e l’aridità rappresentano una seria sfida per la vita.

È la combinazione di più condizioni ambientali molto impegnative che limita la vita più di una sola azione autonoma“, afferma Dragone. “È un tipo di restrizione molto diverso rispetto, ad esempio, solo alle alte temperature“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cercare la vita su Marte o sulle lune ghiacciate potrebbe essere più difficile

Mentre gli scienziati cercano prove della vita oltre la Terra, saranno inevitabilmente costretti a camminare sul confine tra prove di assenza e assenza di prove.

Quello che stiamo cercando di fare su Marte è un po’ il contrario di quello che abbiamo cercato di fare sulla Terra“, afferma il microbiologo polare Lyle Whyte della McGill University di Montreal. Sulla Terra, affermare che un ambiente è senza vita è una dura vendita scientifica. Su Marte sarà il contrario.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti