Il DNA “immortale” delle meduse potrebbe prolungare la vita umana

I ricercatori Dr. Ádám Sturm e Dr. Tibor Vellai dell’Università Eötvös Loránd in Ungheria hanno fatto una scoperta significativa nello studio dell’invecchiamento. La loro ricerca si è concentrata sugli “elementi trasponibili” (TE) nel nostro DNA che sono segmenti in grado di trasferirsi all’interno del nostro codice genetico. Un movimento eccessivo di questi TE può portare alla destabilizzazione del codice genetico, contribuendo potenzialmente al processo di invecchiamento.

Gli scienziati hanno identificato un processo specifico, chiamato percorso Piwi-piRNA, che aiuta a controllare questi TE. Il percorso è stato osservato in alcune cellule che non invecchiano, come le cellule staminali del cancro, e in particolare nell’enigmatica Turritopsis dohrnii, comunemente nota come la “medusa immortale“. Rafforzando questo percorso in un verme chiamato Caenorhabditis elegans, il verme è vissuto molto più a lungo.

Teorie rivoluzionarie e prove sperimentali

In precedenti articoli fondamentali intitolati “Il meccanismo dell’invecchiamento: ruolo primario degli elementi trasponibili nella disintegrazione del genoma” (2015) e “Il percorso Piwi-piRNA: strada verso l’immortalità” (2017), il Dr. Sturm e il Dr. Vellai hanno teorizzato la profonda relazione tra il sistema Piwi-piRNA e l’intrigante concetto di immortalità biologica. Ora, nella loro ultima pubblicazione sulla rivista Nature Communications, i ricercatori hanno fornito prove sperimentali. Il loro studio ha dimostrato che il controllo dell’attività degli TE può effettivamente prolungare la durata della vita, indicando che questi elementi mobili del DNA svolgono un ruolo cruciale nel processo di invecchiamento.

In termini più tecnici, i ricercatori hanno utilizzato tecniche per “sottoregolare” o calmare l’attività degli TE. Quando le tecniche sono state applicate a specifici TE nei vermi, i vermi hanno mostrato segni di invecchiamento più lentamente. Ancor di più, quando più TE venivano controllati simultaneamente, gli effetti di estensione della durata della vita si sommavano.

All'interno dei vermi, il percorso rinforzato piwi-piRNA si illumina di verde, il che ha permesso loro di vivere più a lungo del 30%. Crediti: Sturm, Á., et al., 2023, DBS.
All’interno dei vermi, il percorso rinforzato piwi-piRNA si illumina di verde, il che ha permesso loro di vivere più a lungo del 30%. Crediti: Sturm, Á., et al., 2023, DBS.

Implicazioni per la medicina e la biologia

“Nei nostri test sulla durata della vita, semplicemente sottoregolando i TE o sovraesprimendo somaticamente gli elementi del percorso Piwi-piRNA, abbiamo osservato un vantaggio statisticamente significativo sulla durata della vita”, ha spiegato il dott. Sturm. “Ciò apre le porte a una miriade di potenziali applicazioni nel mondo della medicina e della biologia”.

Inoltre, il team ha scoperto cambiamenti epigenetici nel DNA di questi vermi man mano che invecchiavano, in particolare nei TE. È stato osservato che questi cambiamenti, noti come metilazione del DNA N6-adenina, aumentano la trascrizione e il salto di TE quando l’animale invecchia.

Il dottor Vellai ha sottolineato le potenziali implicazioni di questa scoperta: “Questa modificazione epigenetica potrebbe aprire la strada a un metodo per determinare l’età dal DNA, fornendo un orologio biologico accurato”.

In conclusione, comprendendo meglio questi elementi mobili del DNA e i percorsi che li controllano, gli scienziati potrebbero essere sulla buona strada per sviluppare modi per prolungare la vita e migliorare la salute nei nostri ultimi anni.

Fonte: Nature Communications

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Il cervello dei bambini potrebbe mostrare come sesso e genere siano diversi

Sesso e genere sono spesso confusi o equiparati nelle...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories