Trovati strumenti di pietra Oldowan risalenti a 3 milioni di anni fa

Gli archeologi hanno rivelato quelli che potrebbero essere gli strumenti Oldowan di pietra più antichi mai trovati e pensano che possa averli realizzati qualcuno diverso dai nostri antenati Homo più vicini

0
9902
Trovati strumenti di pietra Oldowan risalenti a 3 milioni di anni fa
Trovati strumenti di pietra Oldowan risalenti a 3 milioni di anni fa

Gli archeologi hanno scoperto quelli che potrebbero essere gli strumenti Oldowan di pietra più antichi mai trovati e pensano che possano averli realizzati qualcuno diverso dai nostri antenati Homo più vicini.

Portati alla luce nel 2016 a Nyayanga, in Kenya, sulle rive del Lago Vittoria, gli antichi strumenti si adattano al design del toolkit Oldowan, il nome dato ai primi tipi di strumenti di pietra realizzati da mani simili a quelle umane.

Secondo le stime di datazione, gli strumenti scoperti sono stati realizzati tra 2,6 e 3 milioni di anni fa, prima di essere sepolti per eoni nel limo e nella sabbia. In totale, sono stati trovati 330 manufatti tra 1.776 ossa di animali fossilizzate che mostravano segni di macellazione.

Prima di questo, i più antichi strumenti Oldowan conosciuti risalivano a 2,6 milioni di anni fa.

Sebbene l’età dei nuovi strumenti possa essere ulteriormente perfezionata, la loro creazione coincide con un’epoca in cui gli antenati dell’Homo sapiens vagavano insieme ad altri primi umani, segnando un’enorme pietra miliare tecnologica per i loro creatori, chiunque potessero essere.

“Con questi strumenti puoi schiacciare meglio del molare di un elefante e tagliare meglio del canino di un leone”, ha affermato Rick Potts, paleoantropologo del Museo nazionale di storia naturale dello Smithsonian Institute, che ha preso parte allo studio.



“La tecnologia Oldowan è stata l’evoluzione improvvisa che ha aperto ai nostri antenati una nuova varietà di cibi nella savana africana”.

Martelli e scaglie taglienti colpite da nuclei di pietra sono stati scavati insieme a frammenti di costole, stinco e ossa scapolari di mammiferi ruminanti ungulati chiamati bovidi (come antilopi) e ippopotamidi.

Tre delle scaglie e dei nuclei di pietra trovati in Kenya. (Plummer et al., Scienza , 2023)
Tre delle scaglie e dei nuclei di pietra trovati in Kenya. (Plummer et al., Scienza , 2023)

Come si può notare nelle immagini, le ossa mostrano segni di tagli profondi dove i produttori di utensili hanno tagliato la carne dall’osso. Le prove suggeriscono che hanno persino schiacciato alcune ossa per estrarre il midollo e hanno usato gli strumenti per pestare materiale vegetale.

Questi strumenti erano così efficaci che la tecnologia si sarebbe diffusa in tutta l’Africa nel corso dei millenni. I siti Oldowan più recenti risalenti a 2 milioni di anni sono stati trovati dall’Africa settentrionale.

Frammenti di tibia ippopotamidica (A), costola (B) e ossa di bovide (C, D) che mostrano segni di taglio. (Plummer et al., Scienza , 2023)
Frammenti di tibia ippopotamidica (A), costola (B) e ossa di bovide (C, D) che mostrano segni di taglio. (Plummer et al., Scienza , 2023)

Fino ad ora, i primi siti di Oldowan erano confinati nel Triangolo di Afar in Etiopia, in due località a circa 50 chilometri (31 miglia) di distanza.

Il sito di Nyayanga espande la gamma geografica conosciuta dei primi strumenti Oldowan di oltre 1.300 chilometri a sud-ovest. Inoltre, riporta la loro comparsa a circa 2,9 milioni di anni fa, un risultato che i ricercatori hanno prodotto dopo aver ridotto le loro stime sull’età utilizzando una combinazione di tecniche di datazione.

“Ciò che è veramente interessante è che in questo sito ci sono alcune delle prime prove del massacro della megafauna, anche prima dell’avvento dell’uso del fuoco”, ha dichiarato Julien Louys dell’Australian Research Center for Human Evolution della Griffith University.

Non è tutto. Insieme alle ossa e agli strumenti, il team, guidato dall’antropologo Thomas Plummer della City University di New York, ha trovato due denti – un molare superiore e uno inferiore sinistro, uno fratturato a metà, l’altro quasi completo – che i ricercatori credono appartenga al Paranthropus un lontano cugino degli umani.

I due denti molari. (Plummer et al., Scienza , 2023)
I due denti molari. (Plummer et al., Scienza , 2023)

L’analisi degli isotopi di carbonio dello smalto dei denti molari ha suggerito che i primi esseri umani mangiavano molti cibi vegetali, oltre a divorare carne recuperata dalle carcasse di animali.

Uno dei denti è stato trovato in stretta associazione con i manufatti di Oldowan, portando i ricercatori a suggerire che forse questi ominidi fabbricavano o almeno usavano gli strumenti di pietra.

Gli strumenti di Oldowan sono spesso attribuiti al genere Homo, ma l’esistenza sovrapposta di altri ominidi come Paranthropus suggeriscono che gli Homo non erano gli unici a padroneggiare gli strumenti che li aiutavano ad espandere le loro diete.

Tuttavia, non è ancora possibile conoscere con estrema esattezza i veri creatori di questi strumenti. 

“I ricercatori hanno a lungo creduto che solo il genere Homo, a cui appartengono gli esseri umani, fosse in grado di fabbricare strumenti di pietra, ma questa nuova scoperta getta nuova luce sugli ominidi”,  ha concluso Potts

Fonte: Science

2