La polvere lunare come soluzione al cambiamento climatico

Un team internazionale di scienziati ritiene che la polvere lunare potrebbe essere utilizzata per proteggere la Terra dai cambiamenti climatici

0
970
La polvere lunare come soluzione al cambiamento climatico
La polvere lunare come soluzione al cambiamento climatico

Un team internazionale di scienziati ritiene che la polvere lunare potrebbe essere utilizzata per proteggere la Terra dai cambiamenti climatici.

Gli scienziati hanno studiato per decenni la geoingegneria solare per bloccare le radiazioni del Sole e regolare il clima della Terra. Un nuovo studio condotto da scienziati dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e dell’Università dello Utah ha suggerito di mettere la polvere lunare in orbita per proteggere la Terra dalla luce solare.

In un nuovo articolo pubblicato sulla rivista PLOS Climate, gli scienziati descrivono le diverse proprietà della polvere lunare che hanno analizzato, le quantità richieste e le altitudini orbitali che sarebbero adatte al loro metodo.

Il team ha scoperto che il metodo più efficace prevedeva il lancio di polvere lunare dalla Terra al “punto Lagrange” orbitale stabile tra la Terra e il Sole. Tuttavia, hanno anche suggerito un metodo meno costoso che prevede il lancio di polvere lunare direttamente dalla luna.

“È sorprendente contemplare come la polvere lunare – che ha impiegato più di quattro miliardi di anni per generarsi – possa aiutare a rallentare l’aumento della temperatura terrestre, un problema che ha meno di 300 anni”, ha spiegato il coautore dello studio Scott Kenyon dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

L’idea dei ricercatori è nata dal lavoro che svolgono quotidianamente investigando sulla formazione dei pianeti. Quando si formano, i pianeti emettono grandi quantità di polvere cosmica, che forma anelli attorno alla stella ospite del pianeta.



“Quello era il seme dell’idea; se prendessimo una piccola quantità di materiale e lo mettessimo su un’orbita speciale tra la Terra e il Sole e lo rompessimo, potremmo bloccare molta luce solare con una piccola quantità di massa”, ha detto Ben Bromley, professore di fisica e astronomia presso l’Università dello Utah e autore principale dello studio.

I ricercatori hanno deciso di indagare sulla possibilità di creare una nuvola di polvere simile utilizzando il punto di Lagrange 1 (L1), il punto più vicino tra la Terra e il Sole in cui le forze gravitazionali sono bilanciate. Allo stesso modo, il James Webb Space Telescope utilizza una posizione orbitale stabile a Lagrange Point 2, a circa 1,5 milioni di km (1 milione di miglia) dalla Terra.

Due scenari promettenti

Nel primo scenario, gli autori hanno posizionato una piattaforma spaziale nel punto di Lagrange L1, il punto più vicino tra la Terra e il Sole dove le forze gravitazionali sono bilanciate. Gli oggetti nei punti di Lagrange tendono a rimanere lungo un percorso tra i due corpi celesti, motivo per cui il James Webb Space Telescope (JWST) si trova in L2, un punto di Lagrange sul lato opposto della Terra.

Nelle simulazioni al computer, i ricercatori hanno sparato particelle di prova lungo l’orbita L1, inclusa la posizione della Terra, del Sole, della luna e di altri pianeti del sistema solare, e hanno monitorato dove le particelle si sono disperse. Gli autori hanno scoperto che una volta lanciata con precisione, la polvere lunare seguirebbe un percorso tra la Terra e il Sole, creando effettivamente ombra, almeno per un po’.

A differenza del JWST da 13.000 libbre, la polvere è stata facilmente portata fuori rotta dai venti solari, dalle radiazioni e dalla gravità all’interno del sistema solare. Qualsiasi piattaforma L1 dovrebbe creare una scorta infinita di nuovi lotti di polvere da far esplodere in orbita ogni tot giorni dopo che lo spray iniziale si è dissipato.

“È stato piuttosto difficile far rimanere lo scudo su L1 abbastanza a lungo da proiettare un’ombra significativa. Ciò non dovrebbe sorprendere, tuttavia, poiché L1 è un punto di equilibrio instabile. Anche la minima deviazione nell’orbita dello schermo solare può causare per andare rapidamente fuori posto, quindi le nostre simulazioni dovevano essere estremamente precise”, ha detto Khan, studente universitario e coautore dello studio.

Nel secondo scenario, gli autori hanno sparato polvere lunare direttamente dalla superficie della luna verso il Sole. Hanno scoperto che le proprietà intrinseche della polvere lunare erano giuste per funzionare efficacemente come scudo solare. Le simulazioni hanno testato come la polvere lunare si disperdesse lungo vari percorsi fino a trovare eccellenti traiettorie dirette verso L1 che fungessero da efficace scudo solare.

Questi risultati sono una buona notizia, perché è necessaria molta meno energia per lanciare la polvere dalla luna che dalla Terra. Questo è importante perché la quantità di polvere in uno schermo solare è grande, paragonabile alla produzione di una grande operazione mineraria qui sulla Terra. Inoltre, la scoperta delle nuove traiettorie di schermatura solare significa che potrebbe non essere necessario consegnare la polvere lunare a una piattaforma separata in L1.

“È sorprendente che il Sole, la Terra e la luna siano nella giusta configurazione per consentire questo tipo di strategia di mitigazione del clima”, ha affermato Kenyon.

Sebbene il fatto che la polvere lunare debba essere costantemente reintegrata rappresenti un’enorme sfida logistica, ciò significa anche che qualsiasi potenziale danno a breve termine alla Terra sarebbe reversibile e la polvere non influenzerebbe direttamente la nostra atmosfera, secondo un recente rapporto delle National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine (NASEM) degli Stati Uniti.

La geoingegneria solare ha i suoi rischi, ma sono rischi che potremmo dover correre.

Fonte: PLOS Climate

2